Webinar “INTRODUZIONE AI CONTROLLI NEGLI IMPIANTI DI REFRIGERAZIONE E CONDIZIONAMENTO, IMPORTANZA PER IL COMFORT E IL RISPARMIO ENERGETICO” grande successo!

Grande successo per l’ultimo webinar del Centro Studi Galileo “INTRODUZIONE AI CONTROLLI NEGLI IMPIANTI DI REFRIGERAZIONE E CONDIZIONAMENTO, IMPORTANZA PER IL COMFORT E IL RISPARMIO ENERGETICO”.
Relatori Marco Buoni, VicePresidente AREA,  Federico Riboldi, Responsabile Relazioni Esterne CSG, Miriam Solana, HVACR Engineer CAREL, Biagio Lamanna HVACR Knowledge Center Manager CAREL e Marcello Collantin, Consulente Tecnico Sauermann.
Le relazioni delle aziende, per CAREL “L’uso di sistemi e controlli intelligenti per migliorare l’efficienza e ridurre il consumo di energia” e per Sauermann  “Misure e controlli sugli impianti di condizionamento per il loro corretto funzionamento ed utilizzo degli strumenti di misura idonei” hanno ottenuto diffuso interesse con un vivace dibattito sviluppatosi a margine.
image[1]

MODULAZIONE CONTINUA PER TUTTI I SISTEMI A CO2 TRANSCRITICA

CAREL_Emj rangeCAREL, azienda multinazionale specializzata nelle soluzioni di controllo per il settore del condizionamento, della refrigerazione e dell’umidificazione dell’aria, presenta la gamma completa di eiettori modulanti “EmJ” ed estende il concetto di modulazione continua anche ai piccoli e medi formati grazie all’introduzione di pR multi DCil primo controllo in grado di gestire più compressori DC nella stessa linea.
Dai piccoli convenience store ai grandi supermercati è possibile ottimizzare in maniera sostenibile l’efficienza energetica di sistemi di refrigerazione a CO2 transcritica, in climi caldi e temperati. Continua a leggere

Nuovo Direttore Commerciale per Frascold SpA

img_9527

Livio Calabrese interviene al Convegno Europeo di Centro Studi Galileo e ATF a MCE

Livio Calabrese è il nuovo Direttore Commerciale di Frascold SpA. Considerati nella scelta l’esperienza del manager nel settore e il suo profondo background tecnico.
Il Consiglio di amministrazione e la dirigenza di Frascold hanno conferito l’incarico con l’obiettivo di espandere la presenza globale. L’Ing. Calabrese supervisionerà le vendite con l’obiettivo dello sviluppo dei mercati emergenti.
Da parte della redazione di I&FOnline i migliori auspici per il nuovo incarico all’Ing. Calabrese

Convegno in partnership CSG – ATF: “Il futuro della refrigerazione e del condizionamento: come cambiano gli impianti nuovi ed esistenti”

Forte dell’esperienza dei Convegni Europei nelle principali location (Politecnico di Milano, EXPO2015, Mostra Convegno, ChillVenta, sedi delle Nazioni Unite a livello mondiale) Centro Studi Galileo e ATF hanno offerto la propria collaborazione all’Unione Artigiani di Milano e alla Camera di Commercio meneghina per il Convegno: “Il futuro della refrigerazione e del condizionamento: come cambiano gli impianti nuovi ed esistenti” che si terrà l’11 giugno a Milano. Per iscriversi cliccare qui

unnamed (1)

Le emissioni di CFC-11 sono aumentate del 25% dal 2012! Produzione clandestina in oriente?

Image-1Ho eseguito misurazioni di questo tipo per oltre 30 anni e questa è la cosa più incredibile che abbia visto“, afferma Stephen Montzka, scienziato dell’Oceanic and Atmospheric Observing Agency. Le emissioni di CFC-11 sono aumentate del 25% dal 2012, nonostante la sostanza faccia parte di un gruppo di inquinanti vietati dal Protocollo di Montreal del 1987.
Il CFC-11, noto anche come triclorofluorometano, è un gas chimico utilizzato principalmente nei frigoriferi. Una volta rilasciato, può rimanere in atmosfera fino a cinquant’anni. Viene distrutto solo nella stratosfera, dai 9 ai 18 chilometri sopra la superficie terrestre quando le molecole di cloro creano una serie di reazioni chimiche distruttive per lo strato di ozono.
Un gas potente che contribuisce al riscaldamento globale che gli scienziati sospettano qualcuno stia producendo nonostante il divieto. “Un osservatorio americano alle Hawaii ha scoperto che la CFC-11, mescolata con altri gas, proveniva dall’Asia orientale. Ma è difficile per gli scienziati individuare l’area ” afferma Stephan Montzka al Washington Post.
E’ necessaria un’urgente indagine internazionale per individuare i produttori illegali del gas.