Nuovo record. Il 2018 anno più caldo dal 1800

siccità_fiume_po-1280X720.jpg+ 1,53° rispetto al trentennio di riferimento. Questi i dati che destano preoccupazione in Italia circa il sempre più insistente surriscaldamento del belpaese.
Un’africanizzazione della penisola che sembra non subire arresto nonostante gli sforzi dell’industria che ci stanno portando ad una soluzione del buco dell’ozono.
Le rilevazioni annuali di temperatura hanno preso il via nel 1800 e da allora mai era stato registrato un così forte caldo.
A rendere pubblica la situazione un dossier Isac-Cnr. “Da segnalare – precisa il climatologo Michele Brunetti a TgCom- in particolare aprile, che ha fatto segnare il record“, per questo mese, più caldo in assoluto”.
L’industria del freddo con lo storico cambio di refrigeranti sta facendo moltissimo per contribuire alla salvezza del clima prima che la situazione raggiunga il punto di non ritorno.

Qatar 2022: si giocherà a calcio con il clima acceso!

044e6d88-d88b-4fa7-af48-67cdd44195bb

Saud Abdul Aziz Abdu Ghani e Marco Buoni all’Università del Qatar

Il Khalifa International Stadium di Doha passerà alla storia come il primo stadio al mondo dotato di aria condizionata. A dare l’annuncio il comitato organizzatore dei Mondiali del 2022 in Qatar.
Lo stadio ha subito una radicale trasformazione. Costruito nel 1976 può oggi ospitare 40mila spettatori. Il tecnologico sistema di condizionamento dell’aria consentirà al tessuto erboso di non eccedere mai i 26 gradi di temperatura e garantirà agli spalti un clima tra i 24 e i 28 gradi centigradi.
L’Ing. Marco Buoni, Presidente di AREA, è stato recentemente in visita istituzionale in Qatar dove ha potuto prendere visione dei modellini di progettazione dello stadio e fare la conoscenza del progettista Saud Abdul Aziz Abdu Ghani. Continua a leggere