Le Associazioni di settore si uniscono per segnalare alla Commissione Europea problematiche sugli apparecchi precaricati

unnamedLe Associazioni di settore APPLiA / AREA / ASERCOM / BWP / EHI / EHPA / EPEE / EUROVENT / FETA / FGL / KFCH hanno indirizzato una missiva alla Commissione Europea sottolineando come l’attuale interpretazione di alcune disposizioni sull’esportazione nel regolamento UE sui gas fluorurati (UE 517/2014) e nel relativo regolamento di esecuzione (UE 1191/2014) abbiano un impatto negativo sulla competitività dei produttori dell’UE e ostacolino l’esportazione di tecnologie innovative.
La questione assume ancora maggiore importanza alla luce degli attuali sviluppi del mercato degli HFC, a causa della phase down, che provoca aumenti di prezzi e scarsa disponibilità di gas fluorurati.
Tutte le associazioni industriali firmatarie hanno sostenuto fin dall’inizio la phase down HFC dell’UE e hanno costantemente lavorato per garantirne il successo. Il progetto EPEE Gapometer mostra che la fase di riduzione graduale è ambiziosa ma fattibile. Tuttavia, sottolineano, la phase down sta danneggiando i mercati. Continua a leggere

Individuata la centrale di produzione di gas CFC-11 illegale in Cina

Le informazioni ottenute dall’Investigation Agency (EIA) dimostrano con certezza che l’uso di CFC-11 nel settore degli isolamenti in schiuma di poliuretano rigido in Cina è molto diffusa.
Il CFC-11 viene utilizzato come agente espandente per la fabbricazione di pannelli di schiuma stampati e schiuma spray per l’isolamento. EIA ha raccolto prove contro diciotto aziende in dieci province.
Approfondite discussioni con i dirigenti delle società rilevano che non si tratta di episodi isolati, ma invece rappresentano una pratica comune.
EIA ha esortato il governo cinese a riconoscere la portata di questo reato ambientale e agire con la forza pubblica al fine di interrompere immediatamente le produzioni illegali.
Leggi anche: www.industriaeformazione.it/2018/06/26/un-enorme-sito-produttivo-cinese-sta-inquinando-il-mondo-con-gas-illegale/

Le aziende al contrattacco. No alle importazioni di gas illegale!

1421744463-0-la-finanza-sequestra-rifornimento-di-gas-metano1Le importazioni illegali di refrigerante sono una realtà in tutta Europa con gravi danni economici per le aziende del settore e altrettanto grave pregiudizio alla sicurezza di Tecnici e utilizzatori finali. Alcune aziende sono passate al contrattacco segnalando i casi all’Associazione ATF. Emblematico l’utilizzo di Bombole monouso vietate nel mercato europeo. Riportiamo sotto la circolare che un’azienda piemontese ha inviato alla propria rete dove si denuncia un vero e proprio traffico illegale di gas. Continua a leggere

Breaking news | Nuovo gas non infiammabile alternativo all’R32

honeywell_solstice_n41_featuredHoneywell ha annunciato lo sviluppo di una nuovo gas a basso GWP non infiammabile, alternativa dell’R410A utilizzabile negli impianti di condizionamento piccoli, grandi e medi. Il gas ha ricevuto un’ottima classificazione, A1, (non tossico e non infiammabile) da parte di Ashrae, collocandosi come serio rivale dell’R32, offrendo per la prima volta una seria alternativa all’R410A nei sistemi VRF.
Il refrigerante, battezzato Solstice N41, è il risultato di anni di ricerca e sviluppo e affronta una delle sfide più severe per la regolamentazione e la sicurezza nel settore HVAC.
“E’ efficiente dal punto di vista energetico, rispettoso dell’ambiente ed economicamente vantaggioso”, afferma Sanjeev Rastogi, vicepresidente Honeywell e direttore generale dei prodotti fluoro. “I costi associati al passaggio al Solstice N41 impallidiscono rispetto a quelli necessari per la conversione in un refrigerante infiammabile.”
I primi studi affermano infatti che le apparecchiature saranno facilmente convertibili.
Honeywell conta di commercializzare il prodotto a partire dal 2019.

Comunicato Ufficiale a questo link:

https://www.honeywell-refrigerants.com/europe/?press_release=honeywell-unveils-new-nonflammable-refrigerant-with-lower-global-warming-potential-for-use-in-stationary-air-conditioning-systems

 

 

Video del WEBINAR “LA REFRIGERAZIONE DEL FUTURO: L’IMPATTO DEI REFRIGERANTI SUGLI SCAMBIATORI DI CALORE E LE NUOVE TECNOLOGIE DI MISURAZIONE”

Disponibile il video del webinar targato Centro Studi Galileo che si è tenuto martedì 26 giugno alle 11.

Relazioni:

Rodolfo Cavicchioli | Product Manager LUVE
“Nuovi refrigeranti ad elevato glide: impatto sugli scambiatori di calore”
Fabio Mastromatteo | Instrumentation Business Manager TESTO
“La tecnologia di misura nel campo dell’installazione e assistenza delle macchine frigorifere. Internet of things, dispositivi smart e connessioni wireless”

Introduce e modera
Federico Riboldi | Responsabile Comunicazione Istituzionale ATF

Centro Studi Galileo ha promosso, a partire dall’anno 2016, diversi webinar su argomenti di attualità del settore. Un modo semplice e gratuito per aggiornare tutti i Tecnici sulle novità del settore e costruire un rapporto diretto tra Tecnici e imprese.

Un enorme sito produttivo cinese sta inquinando il mondo con gas illegale?

4c118a0b-a37b-45dc-ba21-3c5289bd9739_largeGli scienziati hanno rilevato, a partire dallo scorso mese, un insolito aumento in atmosfera di sostanza ozonolesive eliminate da tempo tramite il Protocollo di Montreal, definito da Kofi Annan “Il patto globale con il maggiore successo di sempre”.
“Imprevisti” gravi, che minano profondamente decine di anni di sforzi da parte di decisori pubblici, imprese e Tecnici. Montreal prevede un divieto assoluto di utilizzo di CFC, che avrebbe dovuto portare ad un pieno recupero dello strato di ozono entro la metà del secolo.
Circa il picco d’inquinamento tutti gli indizi portano ad una boomtown industriale nella Cina rurale.
Interviste e documenti raccolti dal New York Times e da investigatori indipendenti indicano che alcune fabbriche cinesi hanno ignorato il divieto globale continuando ad utilizzare la sostanza chimica, CFC-11, principalmente per produrre isolamento in schiuma per frigoriferi ed edifici.

Operaio morto per una perdita di ammoniaca. Non era a conoscenza della pericolosità del gas

img_2199La notizia è rimbalzata in tutti i media europei di settore. Un Tecnico di una società che operava all’interno di un birrificio di Northampton è stato ucciso dalle esalazioni di ammoniaca dell’impianto sul quale stava operando. Una notizia terribile che colpisce tutto il settore e fa accendere con ancora maggiore forza i riflettori sulla pericolosità di alcuni gas e sulla necessità assoluta di manutenzione e formazione.
Le notizie che trapelano dall’inchiesta infatti tendono a sottolineare come il Tecnico non fosse a conoscenza della pericolosità delle lavorazioni che stava effettuando.
David Chandler sarebbe morto all’istante quando una “grande nuvola blu” di refrigerante ammoniacale l’ha colpito in pieno volto.
David, che lascia la giovane moglie Laura, era stato incaricato della rimozione di un vecchio compressore per la refrigerazione. Parrebbe che lo stesso fosse bloccato e che quindi lo sventurato abbia deciso di utilizzare una gru sospesa. Nelle fasi di preparazione allo spostamento un tubo sarebbe esploso ferendo mortalmente David e causando lesioni guaribili con ricovero ospedaliero di alcune settimane i due colleghi.

Fonte: https://www.northamptonchron.co.uk/news/colleagues-tried-to-phone-victim-of-ammonia-leak-in-minutes-after-fatal-accident-at-northampton-carlsberg-factory-1-8540879