L’ACC di Mel tratta al Mise esuberi e piano di rilancio. Previsti investimenti di 50,7 milioni di euro?

articleIl Gruppo Cinese Wanbao, dopo aver annunciato verso la fine di dicembre ingenti esuberi di personale, si pone nuovi obiettivi entro il 2020 “faremo dello stabilimento di Mel il più importante insediamento produttivo in Europa di un grande gruppo indipendente nel settore dei compressori per la refrigerazione domestica”. E’ stato quindi presentato al Ministero dello Sviluppo Economico, lo scorso 2 novembre, un piano economico triennale che prevede investimenti per 50,7 milioni di euro.
Allo stesso tavolo continua la discussione sul fronte esuberti. 160 unità su un totale di 438 addetti.
Ha dichiarato in una nota l’Amministratore Unico Wu Benming: “Sappiamo che gestire ulteriori eccedenze sarà doloroso per una comunità già ferita dalla crisi: ma siamo impegnati a rendere l’impatto sociale il meno gravoso possibile, per poter garantire l’equilibrio organizzativo ed economico indispensabile per mantenere in sicurezza gli impianti e la più gran parte dell’occupazione loro dedicata. Siamo certi che, con ragionevolezza, sarà raggiunto l’obiettivo della continuità industriale a costi compatibili con un mercato a forte concorrenza come quello del compressore per elettrodomestico” che prosegue “I due anni di gestione sono stati caratterizzati da un mercato molto debole, con prezzi in drammatica caduta e concorrenti molto aggressivi. Noi stessi, di fronte al primo investimento del nostro Gruppo in Europa, abbiamo accusato qualche ritardo nel governo delle situazioni più critiche. Tuttavia, abbiamo confermato, nei fatti e con i comportamenti industriali, la centralità strategica delle produzioni italiane nel nostro Gruppo, in virtù delle quali è a tutti gli effetti divenuto un player globale che compete per la leadership con colossi come Embraco e Jiaxipera”.
La nota continua chiedendo “un impegno corale di tutti: dei lavoratori e delle loro rappresentanze e organizzazioni sindacali, così come delle istituzioni locali, dai Comuni alla Provincia alla Regione, e delle centrali” e elencando “alcuni fatti concreti: abbiamo rafforzato la funzione Ricerca & Sviluppo, portata da 7 a 16 tecnici; abbiamo introdotto il motore in alluminio, egualmente performante ma meno costoso, su tutti i nostri modelli, lanciando così una nuova versione del nostro cavallo di battaglia, il compressore Kappa; abbiamo introdotto un nuovo compressore a velocità variabile e ad alte prestazioni che diventerà in prospettiva il nostro principale prodotto, destinato ai frigoriferi di alta gamma e ad alta tecnologia. Abbiamo recuperato il rapporto commerciale con i principali produttori europei, alcuni dei quali ci avevano lasciato; e abbiamo iniziato la penetrazione in nuovi mercati e in nuove aree geografiche molto promettenti quali Russia, Iran, Far East”.
Il Dirigente cinese ha definito il piano di rilancio “tanto ambizioso quanto realistico. Lo stabilimento di Mel è chiamato a recuperare una forte missione industriale. Inoltre, va sottolineato come in questa vicenda del salvataggio di un gruppo in crisi irreversibile per effetto di un importante investimento da parte di un gruppo pubblico cinese si intraveda uno snodo cruciale per la ripresa manifatturiera del Nordest e per i processi di internazionalizzazione delle sue competenze tecnologiche: una sempre più stretta alleanza e integrazione fra le competenze distintive di prodotto italiane e le strategie di sviluppo di piattaforme globali lanciate dalla Cina nel 2013 con le direttive del presidente Xi Jinping”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...