Le Nazioni Unite a convegno a Parigi: il clima in primo piano

Questo slideshow richiede JavaScript.

A Parigi ha preso le mosse l’Inter-Regional Thematic and Network Meetings for National Ozone Officers, primo incontro promosso dall’Agenzia per l’Ambiente delle Nazioni Unite in collaborazione con l’Unesco, che ospita la settimana di lavori.
La riunione è utile a coordinare le azioni degli Stati circa la phase down HFC sancita dell’Emendamento di Kigali al Protocollo di Montreal.
Tra i relatori Marco Buoni, Direttore del Centro Studi Galileo e Vice Presidente dell’Associazione Europea dei Tecnici del Freddo AREA e Madi Sakande, docente Centro Studi Galileo e imprenditore nel settore del freddo.
Madi Sakande è intervenuto nella quinta sessione di lavori con una relazione sulle attività chiave per le Nazioni in via di sviluppo coinvolte nella phase down HFC  (clicca qui per scaricare la relazione).
Marco Buoni ha tenuto la propria relazione ieri in una sessione dedicata alle Nazioni della west Asia (clicca qui per scaricare la relazione).
unnamed

NASCE LU-VE AUSTRIA GmbH

unnamed (1)

Gerhard Neuhauser (ultimo a destra) all’assemblea AREA, avvenuta proprio a Vienna, con il VicePresidente Affari Internazionali Marco Buoni (primo a sinistra)

Nell’ambito della politica di potenziamento delle proprie politiche commerciali, in aree strategiche, LU-VE Group ha dato vita a LU-VE Austria GmbH. La nuova società ha sede a Vienna ed è affidata a Gerhard Neuhauser, uomo di grande esperienza nel settore, sia a livello austriaco che internazionale. Gerhard si affianca a Markus Neuhold, che è responsabile dell’ufficio di rappresentanza del Gruppo, sin dal febbraio 2011. LU-VE Austria GmbH si occuperà di tutta la gamma di prodotti relativi sia alla refrigerazione commerciale e industriale che al condizionamento d’aria.
Insieme a Markus – ha dichiarato Gerhard Neuhauser – daremo un ulteriore impulso a un mercato che già ci dà soddisfazioni e gratificazioni. Saremo ora in grado di raddoppiare gli sforzi per seguire i clienti di LU-VE, ma anche per acquisirne di nuovi”.
Puntiamo a migliorare ulteriormente le nostre prestazioni in un’area per noi strategica – ha detto Matteo Liberali CEO di LU-VE Group – Miriamo a migliorare il nostro supporto ai clienti austriaci, ma anche a cercare nuovi clienti e segmenti, sia Germania che in Svizzera. Siamo certi che la grande capacità di Gerhard nello sviluppare opportunità di business e nel coltivare nuovi mercati ci porterà eccellenti risultati nelle aree di lingua tedesca”.
LU-VE Austria Gmbh si va ad aggiungere alla rete commerciale del Gruppo, già presente in Italia, Francia, Germania, Polonia, Regno Unito, Russia, Spagna, Svezia, Medio Oriente, Cina, India e Australia.

 

L’industria italiana della refrigerazione industriale protagonista dell’innovazione in Sud America

Italia-Argentina

Il Technical Meeting di approfondimento sull’Emendamento di Kigali a Buenos Aires, con le Nazioni Unite e i due ministeri italiano e argentino dell’Ambiente

Le Nazioni Unite e i Ministeri italiano ed argentino dell’ambiente organizzano con Centro Studi Galileo e 10 produttori europei, una grande presentazione per approfondire le tecnologie disponibili, necessarie per raggiungere gli obiettivi dell’emendamento di Kigali.
Una grande opportunità per le aziende italiane del Freddo, settore nel quale l’Italia è numero 1 in Europa, di affermarsi come punto di riferimento in tutta l’America latina, offrendo opportunità per il mercato nazionale e per le imprese locali.
Due le conferenze organizzate, nelle città di Buenos Aires e Rosario, il 4 e il 6 dicembre 2017. L’Argentina si sta dirigendo verso un futuro sostenibile, concentrandosi su uno dei temi di maggiore attualità: la riduzione delle sostanze con un elevato potenziale di riscaldamento globale. L’attenzione a questo argomento è cresciuta notevolmente a causa dell’emendamento di Kigali ai sensi del Protocollo di Montreal, che per l’Argentina inizierà tra 11 anni. Continua a leggere

Discarica abusiva in fiamme: il boato delle esplosioni del gas di alcuni frigoriferi mette in allarme un intero paese

Notte di paura a Rotello, provincia di Campobasso, per un piromane che ha incendiato una discarica abusiva. A fuoco alcuni frigoriferi che sono esplosi provocando boati udibili a grande distanza che hanno messo in allarme l’intero paese.
I cittadini preoccupati sono scesi in strada mentre i Vigili del Fuoco di Santa Croce di Magliano tentavano di domare le fiamme. Nel frattempo nell’aria si alzava una nube di fume, probabilmente nocivo, dal forte odore acre. I Carabinieri della locale Stazione hanno avviato un’indagine.
La domanda sorge spontanea. Che gas era contenuto negli apparecchi per provocare esplosioni di tale entità?

 

 

ASSOCLIMA HA UN NUOVO PRESIDENTE

SITOL’assemblea dei Soci di Assoclima ha eletto Roberto Saccone Presidente dell’Associazione per il triennio 2017-2020. Laureato in Ingegneria Meccanica al Politecnico di Milano, Roberto Saccone è Presidente di Olimpia Splendid Spa, gruppo industriale operante nel settore del Home Comfort con headquarter a Cellatica (Brescia) e filiali in Brasile, Francia, Cina e Spagna.
Questi i principali obiettivi del triennio dichiarati dal neo Presidente: presidiare il settore normativo, incrementare i servizi per gli Associati e le attività di comunicazione, consolidare i rapporti con le Istituzioni e le Associazioni italiane ed europee, porre le basi per una maggiore interazione con la GDO.
Oggi ho l’onore e l’onere di assumere la presidenza di un’Associazione che nel corso degli ultimi anni si è ritagliata un ruolo sempre più importante nel settore della climatizzazione, dell’efficienza energetica e della sostenibilità ambientale. – ha dichiarato Saccone –Un’Associazione che, nonostante la congiuntura economica negativa degli ultimi anni, ha continuato a crescere sia in termini numerici sia di rappresentatività, diventando l’unico riferimento in Italia per quanto riguarda il comparto produttivo delle apparecchiature per la climatizzazione residenziale. Questo risultato è stato ottenuto grazie alle numerose attività svolte in questi anni a supporto degli associati e del settore in generale e alla costante presenza dell’Associazione ai principali tavoli istituzionali in cui si discutono argomenti che influiscono sull’attività delle nostre aziende. Di questo ringrazio i Presidenti Bellò e Riello, che hanno saputo gestire con intelligenza e competenza i cambiamenti in atto, il Segretario generale Giampiero Colli e tutti i collaboratori di Assoclima. In linea con le precedenti presidenze continueremo a presidiare il settore normativo in modo che le nostre aziende possano far sentire la loro voce e avere un quadro di riferimento stabile che dia loro la possibilità di pianificare per tempo progetti e investimenti. Per raggiungere i nostri obiettivi sarà fondamentale creare nuove sinergie, in particolare con le Associazioni e le realtà che li condividono, e consolidare i rapporti con le Istituzioni.” Continua a leggere

USA FUORI DALL’ACCORDO SUL CLIMA. ALLE 15 DI OGGI L’ANNUNCIO DEL PRESIDENTE TRUMP

1463467379-trumpLa decisione è imminente. Con ogni probabilità oggi, alle 15 di Washington, il Presidente Trump annuncerà il ritiro degli Stati Uniti d’America dall’Accordo sul Clima siglato a Parigi durante il COP21 di dicembre 2015.
L’obiettivo del tycoon è quello di evitare alle aziende americane una perdita di competitività causata dalla riconversione. Tuttavia l’industria USA, prima delle dichiarazioni in merito del Presidente, aveva già iniziato a lavorare nella direzione dell’utilizzo di refrigeranti naturali, del risparmio energetico e delle energie verdi.
Un esempio è costituito dalla lunga missiva indirizzata al VicePresidente Mike Pence da parte dalla HVACR Industry Alliance, unione degli industriali nord americani del settore Refrigerazione e Condizionamento, dove si fa riferimento esplicito agli accordi di Parigi sul clima e si chiede anche la ratifica dello storico emendamento di Kigali al Protocollo di Montreal che elimina gradualmente le sostanze climariscaldanti, il quale però non pare essere oggi in discussione.
A tal proposito il Presidente AHRI Stephen Yurek ha dichiarato “Stiamo cercando di tenere i due accordi separati, perché sono situazioni completamente diverse. L’accordo di Kigali supporterà l’industria americana e lo sviluppo di nuove tecnologie unendo per la prima volta organizzazioni ambientaliste e rappresentanze industriali”.
L’Emendamento di Kigali, per essere operativo, va ratificato dal Senato, entro la fine del 2018 con una maggioranza di due terzi.
L’attuale composizione della camera alta degli States, 52 Repubblicani, 46 Democratici e 2 indipendenti, non consente ai Repubblicani, anche nell’eventualità di un voto unanime del Gruppo, di rendere valida la ratifica. Servirà quindi la stampella Democratica ad una maggioranza che su questo tema, abbiamo notato, potrebbe avere più d’una difficoltà.
Per quanto riguarda l’Accordo di Parigi invece la trattativa per la “Clexit” è condotta dall’Amministratore Delegato dell’Agenzia per la Protezione Ambientale Scott Pruitt, nominato da Trump a febbraio 2017 e noto per appoggiare le teorie critiche circa il contributo dei gas serra al riscaldamento globale.
Insistono tuttavia all’interno del cerchio magico Trumpista anche alcune figure sensibili ai temi ambientali in particolare la figlia Ivanka e il genero Jared Kushner, che avrebbero suggerito al Presidente la modifica di alcuni parametri escludendo l’abbandono totale dell’intesa. Continua a leggere

Buon compleanno ATF! I 30 anni dell’Associazione Ticinese Frigoristi

IMG_4088 - CopiaUn momento conviviale sulle rive del Lago di Lugano ha celebrato i primi 30 anni dell’Associazione Ticinese del Freddo. Presenti il VicePresidente AREA Marco Buoni e il Segretario Generale dell’Associazione Svizzera tedesca dei Tecnici del Freddo SVK Marco Von Wyl nella foto con il Presidente ATF Enrico Girola e il Direttore Generale della SPAI Locarno, scuola di formazione per Tecnici del Freddo, Claudio Zaninetti.

IMG_4135

Consegna del Premio al secondo classificato al Campionato Elvetico per Tecnici del Freddo

Il Board ATF, Enrico Girola (Presidente) Massimo Moretti (Vicepresidente) Claudia De Maria (Segretaria) Franco Nogara, Fernando Paparelli, Eugenio Biaggini, Giuseppe Valsangiacomo, Martino Scorrano, Gustavo Ghisletta, Simone Anelotti è stato invitato a partecipare ai lavori del XVII Convegno Europeo del 9,10 giugno presso il Politecnico di Milano. Continua a leggere