Discarica abusiva in fiamme: il boato delle esplosioni del gas di alcuni frigoriferi mette in allarme un intero paese

Notte di paura a Rotello, provincia di Campobasso, per un piromane che ha incendiato una discarica abusiva. A fuoco alcuni frigoriferi che sono esplosi provocando boati udibili a grande distanza che hanno messo in allarme l’intero paese.
I cittadini preoccupati sono scesi in strada mentre i Vigili del Fuoco di Santa Croce di Magliano tentavano di domare le fiamme. Nel frattempo nell’aria si alzava una nube di fume, probabilmente nocivo, dal forte odore acre. I Carabinieri della locale Stazione hanno avviato un’indagine.
La domanda sorge spontanea. Che gas era contenuto negli apparecchi per provocare esplosioni di tale entità?

 

 

ASSOCLIMA HA UN NUOVO PRESIDENTE

SITOL’assemblea dei Soci di Assoclima ha eletto Roberto Saccone Presidente dell’Associazione per il triennio 2017-2020. Laureato in Ingegneria Meccanica al Politecnico di Milano, Roberto Saccone è Presidente di Olimpia Splendid Spa, gruppo industriale operante nel settore del Home Comfort con headquarter a Cellatica (Brescia) e filiali in Brasile, Francia, Cina e Spagna.
Questi i principali obiettivi del triennio dichiarati dal neo Presidente: presidiare il settore normativo, incrementare i servizi per gli Associati e le attività di comunicazione, consolidare i rapporti con le Istituzioni e le Associazioni italiane ed europee, porre le basi per una maggiore interazione con la GDO.
Oggi ho l’onore e l’onere di assumere la presidenza di un’Associazione che nel corso degli ultimi anni si è ritagliata un ruolo sempre più importante nel settore della climatizzazione, dell’efficienza energetica e della sostenibilità ambientale. – ha dichiarato Saccone –Un’Associazione che, nonostante la congiuntura economica negativa degli ultimi anni, ha continuato a crescere sia in termini numerici sia di rappresentatività, diventando l’unico riferimento in Italia per quanto riguarda il comparto produttivo delle apparecchiature per la climatizzazione residenziale. Questo risultato è stato ottenuto grazie alle numerose attività svolte in questi anni a supporto degli associati e del settore in generale e alla costante presenza dell’Associazione ai principali tavoli istituzionali in cui si discutono argomenti che influiscono sull’attività delle nostre aziende. Di questo ringrazio i Presidenti Bellò e Riello, che hanno saputo gestire con intelligenza e competenza i cambiamenti in atto, il Segretario generale Giampiero Colli e tutti i collaboratori di Assoclima. In linea con le precedenti presidenze continueremo a presidiare il settore normativo in modo che le nostre aziende possano far sentire la loro voce e avere un quadro di riferimento stabile che dia loro la possibilità di pianificare per tempo progetti e investimenti. Per raggiungere i nostri obiettivi sarà fondamentale creare nuove sinergie, in particolare con le Associazioni e le realtà che li condividono, e consolidare i rapporti con le Istituzioni.” Continua a leggere

USA FUORI DALL’ACCORDO SUL CLIMA. ALLE 15 DI OGGI L’ANNUNCIO DEL PRESIDENTE TRUMP

1463467379-trumpLa decisione è imminente. Con ogni probabilità oggi, alle 15 di Washington, il Presidente Trump annuncerà il ritiro degli Stati Uniti d’America dall’Accordo sul Clima siglato a Parigi durante il COP21 di dicembre 2015.
L’obiettivo del tycoon è quello di evitare alle aziende americane una perdita di competitività causata dalla riconversione. Tuttavia l’industria USA, prima delle dichiarazioni in merito del Presidente, aveva già iniziato a lavorare nella direzione dell’utilizzo di refrigeranti naturali, del risparmio energetico e delle energie verdi.
Un esempio è costituito dalla lunga missiva indirizzata al VicePresidente Mike Pence da parte dalla HVACR Industry Alliance, unione degli industriali nord americani del settore Refrigerazione e Condizionamento, dove si fa riferimento esplicito agli accordi di Parigi sul clima e si chiede anche la ratifica dello storico emendamento di Kigali al Protocollo di Montreal che elimina gradualmente le sostanze climariscaldanti, il quale però non pare essere oggi in discussione.
A tal proposito il Presidente AHRI Stephen Yurek ha dichiarato “Stiamo cercando di tenere i due accordi separati, perché sono situazioni completamente diverse. L’accordo di Kigali supporterà l’industria americana e lo sviluppo di nuove tecnologie unendo per la prima volta organizzazioni ambientaliste e rappresentanze industriali”.
L’Emendamento di Kigali, per essere operativo, va ratificato dal Senato, entro la fine del 2018 con una maggioranza di due terzi.
L’attuale composizione della camera alta degli States, 52 Repubblicani, 46 Democratici e 2 indipendenti, non consente ai Repubblicani, anche nell’eventualità di un voto unanime del Gruppo, di rendere valida la ratifica. Servirà quindi la stampella Democratica ad una maggioranza che su questo tema, abbiamo notato, potrebbe avere più d’una difficoltà.
Per quanto riguarda l’Accordo di Parigi invece la trattativa per la “Clexit” è condotta dall’Amministratore Delegato dell’Agenzia per la Protezione Ambientale Scott Pruitt, nominato da Trump a febbraio 2017 e noto per appoggiare le teorie critiche circa il contributo dei gas serra al riscaldamento globale.
Insistono tuttavia all’interno del cerchio magico Trumpista anche alcune figure sensibili ai temi ambientali in particolare la figlia Ivanka e il genero Jared Kushner, che avrebbero suggerito al Presidente la modifica di alcuni parametri escludendo l’abbandono totale dell’intesa. Continua a leggere

Buon compleanno ATF! I 30 anni dell’Associazione Ticinese Frigoristi

IMG_4088 - CopiaUn momento conviviale sulle rive del Lago di Lugano ha celebrato i primi 30 anni dell’Associazione Ticinese del Freddo. Presenti il VicePresidente AREA Marco Buoni e il Segretario Generale dell’Associazione Svizzera tedesca dei Tecnici del Freddo SVK Marco Von Wyl nella foto con il Presidente ATF Enrico Girola e il Direttore Generale della SPAI Locarno, scuola di formazione per Tecnici del Freddo, Claudio Zaninetti.

IMG_4135

Consegna del Premio al secondo classificato al Campionato Elvetico per Tecnici del Freddo

Il Board ATF, Enrico Girola (Presidente) Massimo Moretti (Vicepresidente) Claudia De Maria (Segretaria) Franco Nogara, Fernando Paparelli, Eugenio Biaggini, Giuseppe Valsangiacomo, Martino Scorrano, Gustavo Ghisletta, Simone Anelotti è stato invitato a partecipare ai lavori del XVII Convegno Europeo del 9,10 giugno presso il Politecnico di Milano. Continua a leggere

Workshop sulla modernizzazione degli impianti di riscaldamento e climatizzazione in Europa

IMG_7107-1-300x200

Andrea Voigt

Le associazioni europee EHI (riscaldamento) ed EPEE (refrigerazione e climatizzazione) hanno organizzato un workshop avente l’obiettivo d’individuare i fattori che frenano la modernizzazione degli impianti di riscaldamento e climatizzazione in Europa e le soluzioni per accelerarla. Tra i partecipanti c’erano rappresentanti del settore, fornitori d’energia, consumatori, installatori e università.
Nel lungo termine, il riscaldamento e la climatizzazione rappresenteranno il maggior consumo di energia in Europa. Da qui l’importanza della modernizzazione delle apparecchiature, ma i progressi tardano ad arrivare. Perché?

IMG_7104 (1)

Federica Sabbati

Secondo Federica Sabbati, direttrice di EHI, “le tecnologie per impianti di riscaldamento e climatizzazione efficienti e rinnovabili sono già disponibili, ma i consumatori non ne sono abbastanza consapevoli, mancano i finanziamenti, ecc.”.
Andrea Voigt, direttrice dell’EPEE sottolinea il ruolo chiave ricoperto dall’ispezione e dalla manutenzione regolare degli impianti di riscaldamento e climatizzazione; queste, infatti, possono generare rapidi risparmi energetici ed economici, con un chiaro vantaggio per consumatori e ambiente. Continua a leggere

Francesco Scuderi nuovo Vice Segretario Generale Eurovent. Il futuro del Freddo in Europa guarda all’Italia!

EUROVENT-2A Versailles, nel corso della sessantesima riunione annuale dell’Associazione Eurovent, l’Italiano Francesco Scuderi, classe 1981, ha ricevuto la prestigiosa nomina di Vice Segretario Generale. L’incarico di Scuderi è immediatamente efficace e fa parte di un processo di cambio generazionale all’interno della più antica Associazione di rappresentanza del settore HVAC in Europa.
La nomina di Vice Segretario Generale farà assumere negli anni al giovane ingegnere le responsabilità del Segretario Generale Felix Van Eyken.
Francesco Scuderi è entrato a far parte di Eurovent nel settembre del 2015 come Technical and Regulatory Affairs Manager e Team Leader Process Cooling and Food Cold Chain. Continua a leggere

Settimo bus in fiamme e Roma nel giro di pochi mesi. I Sindacati denunciano: “Zero manutenzione dell’aria condizionata”

roma_incendioE’ il settimo incendio da gennaio che colpisce i Bus dell’ATAC di Roma, l’azienda municipalizzata che gestisce il trasporto pubblico locale. E’ accaduto in via di Grotta Rossa. Alle 13,30 il conducente del mezzo che stava percorrendo la parallela dell’Ospedale Sant’Andrea si è accorto per primo del denso fumo nero che scaturiva dall’area posteriore. Immediato l’ordine di evacuazione dei passeggeri e il tentativo, vano ma coraggioso, da parte dello stesso di domare le fiamme con un piccolo estintore in dotazione.
Le forze sindacali che rappresentano autisti e collaboratori dell’azienda denunciano la cattiva condizione dei mezzi puntando l’indice sull’aria condizionata “Temiamo altri roghi”, affermano in una nota congiunta diramata nelle ore immediatamente successive al rogo.

Il Tempo (quotidiano della Capitale) ha riportato un’interessante intervista di un addetto alla manutenzione dei mezzi: “Ormai lavoriamo soltanto a rottura. Significa che quando un mezzo si ferma, sostituiamo i pezzi e lo rimettiamo in marcia. L’unica manutenzione vera che facciamo è sull’aria condizionata». Ovviamente, i pezzi di ricambio non si acquistano nuovi. Nelle officine ci sono circa 900 autobus fermi su un parco complessivo di 2300. Un terzo delle vetture, insomma, è inutilizzabile. «Li prendiamo dalle vetture rotte. In gergo si dice “cannibalizzare”. Questo perché i pezzi nuovi da tempo non arrivano più».
Un altro meccanico ha risposto direttamente alla domanda sul perchè i mezzi stiano prendendo fuoco: “Si parte sempre da una scintilla. Può accadere ad esempio che gli elettromagneti dell’aria condizionata si tocchino, salta la cinta e la scintilla provoca il fuoco.”