Nuove Sanzioni Sugli F-Gas, da Mariel Srl una sintesi dei punti salienti per il settore RAC

mariel_logo

Riceviamo e pubblichiamo dal nostro partner Mariel:

Ricordiamo che dal 13 gennaio 2020 sono applicate le sanzioni sugli F-Gas.

Gli articoli più importanti per il nostro settore sono quelli relativi alle alla vendita e all’acquisto di F-Gas.

Sul nuovo decreto sanzionatorio viene quindi riportato:

Art. 9

Violazione degli obblighi stabiliti dall’articolo 11 del regolamento (UE) n. 517/2014 in materia di restrizioni all’immissione in commercio

Continua a leggere

L’arte della tecnologia responsabile per la refrigerazione e la climatizzazione: ART OF COMPRESSION 2020

BITZER_Art_of_Compression

Foto: THE SCHAUFLER FOUNDATION

Il 25 marzo 2020 THE SCHAUFLER FOUNDATION organizza oramai per la sesta volta il convegno Art of Compression in collaborazione con il Politecnico di Dresda e l’università di scienze applicate di Karlsruhe. Oltre ai temi dell’arte e dei compressori, quest’anno tutto ruoterà attorno alla responsabilità.

“Our Responsibilities – Sustainability, Energy and Resource Efficiency”: è questo il motto dell’edizione 2020 di Art of Compression, un convegno realizzato a cadenza biennale da THE SCHAUFLER FOUNDATION assieme al Politecnico di Dresda e all’università di Scienze Applicate di Karlsruhe. L’evento offre ai professionisti della refrigerazione e della climatizzazione una piattaforma ideale per l’informazione e il confronto sulle questioni attualmente decisive per il settore. Continua a leggere

Lu-ve: crescono fatturato e ordini con prodotti green e diversificazione

lu-ve-uboldo-750100.610x431

I risultati particolarmente positivi derivano dalla sempre maggiore importanza della componente “green” del fatturato del Gruppo LU-VE, nonché dalla crescente diversificazione del fatturato.

LU-VE conferma l’andamento positivo e comunica i dati preliminari al 31 dicembre 2019: il fatturato prodotti al 31 dicembre 2019 cresce a € 389,245 milioni (+29,0% rispetto al 31 dicembre 2018). Il portafoglio ordini al 31 dicembre 2019 cresce a € 72,553 milioni (+78,2%% rispetto al 31 dicembre 2018).

A parità di perimetro il fatturato prodotti al 31 dicembre 2019 cresce del 6,7% e il portafoglio ordini aumenta del 13,6%.

I risultati particolarmente positivi derivano dalla sempre maggiore importanza della componente “green” del fatturato del Gruppo LU-VE, nonché dalla crescente diversificazione del fatturato per nicchia di applicazioni e per mercati geografici di destinazione, che rendono il livello di attività del Gruppo poco dipendente dal generale ciclo economico.

CAREL: NUOVE STRUTTURE ORGANIZZATIVE

ovale_rosso_carel (1)

Con la volontà di migliorare il servizio ai propri clienti, CAREL ha costituito una nuova unità organizzativa, denominata After-Sales & Service, guidata da Riccardo Bianchi, Group Head of After-Sales & Service. Alla nuova struttura afferiscono il Customer Solution Team, e l’After-Sales & Service Sales & Marketing Team.

“L’obiettivo principale di questa unità organizzativa è di perseguire una delle principali strategie di sviluppo del Gruppo CAREL, rafforzando il focus nell’ambito post vendita e servizi, aree in cui l’Azienda vede importanti opportunità di crescita”, è il commento di Giandomenico Lombello, Group Managing Director. “Siamo fiduciosi che grazie al servizio After-Sales & Service riusciremo a migliorare ulteriormente il nostro servizio ai clienti”. Continua a leggere

Una rivoluzione nel settore della refrigerazione con TurboAlgor Kit, da 20 a 300kW

kit-e-impianto-800x521

Un ciclo più efficiente di compressione dei fluidi refrigeranti, applicando una tecnologia, quella della turbomacchina, già vista nel settore automobilistico: è questa l’innovazione annunciata da TurboAlgor, in grado di rinnovare l’industria del raffreddamento.

Pensati e modellati in base alle caratteristiche specifiche dei singoli impianti di refrigerazione, i Kit TurboAlgor si propongono di offrire alle aziende la possibilità di ottenere un importante saving energetico, fino al 23%, e un considerevole aumento della potenza frigorifera, fino al 56%

Coperto da brevetto internazionale, il prodotto è già disponibile in commercio da Luglio 2019. Tramite il sito, all’interno della sezione “installazioni”, è possibile prendere visione delle prime applicazioni della tecnologia TurboAlgor, e in particolar modo all’applicazione presso alcuni dei principali interpreti della logistica refrigerata e del settore alimentare, che hanno registrato una elevata ottimizzazione dell’impianto, e un notevole risparmio energetico. 

BITZER CONSEGNA ALLA VÖTSCH IL TREMILIONESIMO PRODOTTO REALIZZATO A SCHKEUDITZ

BITZER_Voetsch_01.JPG
Nel novembre 2019 la Vötsch Industrietechnik ha ricevuto il tremilionesimo prodotto BITZER realizzato a Schkeuditz, corredato da un certificato celebrativo. Da sinistra: Andreas Riesch (direttore Vendite Germania e Svizzera di BITZER) con i rappresentanti della Vötsch di Balingen Thomas Jarck (responsabile della sede), Mario Hecht (responsabile della produzione), Peter Stooss (manager Production Material), Jochen Urban (responsabile della divisione Costruzione e modifiche speciali) e Carsten Bräuer (responsabile Ricerca e sviluppo)

Sindelfingen/Balingen, 07.01.2020. BITZER, lo specialista nel campo della refrigerazione e della climatizzazione, vanta 16 sedi di produzione in tutto il mondo. Presso lo stabilimento tedesco di Schkeuditz vicino a Lipsia è stato ora realizzato il tremilionesimo prodotto (fra compressori e unità condensatrici). Quest’ultimo è stato consegnato alla Vötsch Industrietechnik GmbH, che lo impiegherà in uno dei suoi dispositivi di screening per le simulazioni ambientali.

La Vötsch Industrietechnik, che fa capo alle aziende Weiss Technik, e BITZER sono partner commerciali da oltre 20 anni. Da quasi lo stesso tempo, più precisamente dal 1991, BITZER produce compressori a pistoni e unità condensatrici presso lo stabilimento di Schkeuditz. Nel novembre 2019, quest’ultimo ha raggiunto il traguardo dei tre milioni di prodotti: Carsten Bräuer, responsabile sviluppo e ricerca della Vötsch a Balingen, ha potuto prendere in consegna il prodotto celebrativo presso la propria sede. Grazie alla Vötsch, Balingen ospita il centro di competenza per gli strumenti di verifica standard delle aziende Weiss Technik. Continua a leggere

Chemours: stop alla fornitura dei refrigeranti ad alto GWP R-404A e R-507A nell’UE a partire dal 1° gennaio 2020

l_chemours-2A

The Chemours Company, azienda chimica globale nonché leader nel mercato delle tecnologie in titanio, ha annunciato il 18 dicembre che, a partire dal 1° gennaio 2020, sospenderà la fornitura di gas refrigeranti ad alto GWP, in particolare R-404A (caratterizzato da un GWP pari a 3922) e R-507A (caratterizzato da un GWP pari a 3985).

La decisione è stata presa per venire incontro alle nuove disposizioni europee in merito alla nuova regolamentazione F-GAS, e alla conseguente transizione di mercato, in preparazione al phase-down previsto per il 2021. Continua a leggere

Da Chemours una guida alle normative sui refrigeranti in Nord America

l_chemours-2AChemours ha pubblicato un’utile scheda informativa focalizzata sullo stato delle norme riguardanti i refrigeranti in America del Nord sia a livello federale che statale.
Dal punto di vista internazionale le normative di riferimento più importanti sono indubbiamente il Protocollo di Montreal e l’Emendamento di Kigali al Protocollo di Montreal, ma negli Stati Uniti e in Canada sono state adottate altre misure per disciplinare l’utilizzo degli HFC. Continua a leggere

Ridurre le emissioni totali e il costo del ciclo di vita dei sistemi di refrigerazione commerciale senza sacrificare le prestazioni di raffreddamento

Figure-1_IT

Emissioni globali di gas a effetto serra

Gli effetti devastanti del cambiamento climatico sono sotto gli occhi di tutti, al pari della necessità di fare di più per ridurre le emissioni che stanno conducendoci rapidamente verso un futuro potenzialmente catastrofico.
Occorre però prestare molta attenzione a non farsi guidare da reazioni emotive che potrebbero far sembrare giusta una scelta che possa rivelarsi invece un costoso errore.
A causa della natura relativamente complessa delle fonti di tali emissioni, è necessario un approccio al problema che tenga conto di diversi fattori.
Continua a leggere