Incendi causati dai condizionatori: due nuovi casi in Italia

2016-08-12_Caserma_Vigili_Fuoco_Cascina_08La cronaca italiana si trova a dover registrare ancora nuovi casi di incendi in appartamenti scatenati da climatizzatori che prendono fuoco.
Sono due gli episodi che si sono verificati negli ultimi dieci giorni. Il primo ha avuto luogo a Genova lo scorso 3 ottobre. Secondo le ricostruzioni, un guasto del condizionatore ha generato delle fiamme che nel giro di poco tempo hanno devastato la stanza dove si trovava l’apparecchio, per fortuna senza mettere a rischio l’abitabilità della casa né l’incolumità degli inquilini. Continua a leggere

Buco dell’ozono mai così piccolo da 30 anni, ma a preoccupare è il gas SF6

ozoneQuest’anno il buco dell’ozono potrebbe essere il più piccolo degli ultimi 30 anni, ma il recupero dello strato di ozono non deve e non può essere dato per scontato.
È questo il messaggio che arriva da Jonathan Shanklin, uno dei primi scienziati a documentare negli anni ’80 il progressivo assottigliamento dello strato di ozono sopra l’Antartide: “Per capire se i trattati internazionali stanno funzionando oppure no, bisogna guardare a lungo termine. Quest’anno uno sguardo rapido potrebbe portare a pensare che abbiamo chiuso il buco dell’ozono, ma non è così. E nonostante le cose stiano migliorando, ci sono ancora paesi che stanno producendo clorofluorocarburi (CFC), le sostanze chimiche che sono responsabili del problema. Non possiamo essere soddisfatti“, ha affermato a BBC News. Continua a leggere

Nuova rubrica: Approfondiamo la Banca Dati – Noleggio (2a parte)

Cattura.JPG

La ditta che svolge attività di noleggio di apparecchiature non ermeticamente sigillate contenenti gas fluorurati ad effetto serra e dunque interviene esclusivamente su apparecchiature di proprietà, deve comunicare gli interventi?

Si, con le stesse modalità di comunicazione di un qualsiasi intervento soggetto a comunicazione.

In questo caso la ditta che effettua l’attività di noleggio dovrà abilitarsi accedendo al sito www.fgas.it. Alla sezione Anagrafica, nel rigo profilo dell’impresa, sarà necessario scegliere la voce Operatore (impresa/ente) delle apparecchiature, indicando poi tutte le persone che potranno avere accesso alla Banca Dati per la registrazione delle attività. Solo conclusa la procedura di abilitazione sarà possibile inserire gli interventi sul sito www.bancadati.fgas.it
Continua a leggere

LIFE FRONT WEBINAR: DATABASE

lifefrontVolete saperne di più sui parametri di design degli impianti? Vi siete già chiesti qual è la carica massima di refrigerante consentita? In virtù della continua formazione, l’Associazione dei Tecnici del Freddo consiglia ai propri associati e contatti di partecipare al webinar gratuito offerto dal programma europeo Life Front il prossimo 10 ottobre 2019 a partire dalle 14:00.

Verranno affrontati argomenti di interesse per i Tecnici del Freddo e svelati due database utili per il lavoro di tutti i giorni, con un occhio di riguardo alla sicurezza sul posto di lavoro, inerenti alle perdite ed alla concentrazione di refrigerante

Per dettagli e per registrarsi, cliccare qui.

In Qatar il primo stadio con l’aria condizionata: “Così le persone staranno in una bolla fresca”

IMG_0213Lo scorso maggio è stato inaugurato l’Al Janoub Stadium, il primo impianto sportivo ad essere commissionato per i Mondiali di calcio che si terranno in Qatar nel 2022.
Oltre che per il design innovativo adatto al clima locale, lo stadio ha suscitato l’interesse dell’opinione pubblica per il suo sistema di climatizzazione in grado di pompare aria condizionata, che viene raccolta, riciclata e raffreddata per il benessere della gente sugli spalti (la capienza è di 40mila spettatori).
A progettare questo futuristico sistema di condizionamento è stato Saud Abdul Ghani: “Emettere aria fresca è piuttosto rudimentale e poi Dio la fa sparire. Quindi, noi emettiamo la giusta quantità di aria fredda nel giusto punto e poi la ricicliamo in continuazione. Non la sprechiamo mai. Ci sono delle grate sul pavimento: prendiamo l’aria dalla parte superiore e la riutilizziamo“. Continua a leggere

Seminario CSG-ATF sul nuovo decreto FGAS: solo il 30% dei partecipanti era a conoscenza della Banca Dati

Questo slideshow richiede JavaScript.

Si è tenuto giovedì 26 settembre, all’Istituto Industriale Statale Amedeo Avogadro di Torino, il seminario gratuito organizzato da Centro Studi Galileo e Associazione dei Tecnici del Freddo sulle nuove normative del settore HVACR italiano.
L’incontro, tenuto dall’Ing. Marco Buoni, Direttore tecnico del Centro Studi Galileo, Presidente delle 26 Associazioni Nazionali Europee del Freddo – AREA e Segretario Generale dell’Associazione dei Tecnici Italiani del Freddo – ATF, si è focalizzato in particolare sul nuovo decreto FGAS e sulla Banca Dati online, oltre che sui refrigeranti alternative e le ultime innovazioni tecnologiche. Continua a leggere

Trent’anni di refrigerazione: al via la campagna ‘Looking back’ che ripercorre le tappe Carel nel settore del freddo

CAREL_S90Risale al 1990 il lancio del primo prodotto Carel per il settore della refrigerazione, dopo 17 anni di attività dedicate esclusivamente al mercato del condizionamento dell’aria.
Il primo controllo si chiama S90 e rappresenta la prima gamma di controlli a microprocessore che si afferma sul mercato per la completezza e l’innovatività. Molte le peculiarità tecniche che contraddistinguono questo controllo: la capacità di riunire in un solo strumento le funzioni di termostato e di sbrinatore, la semplicità di installazione e l’ampio display LCD retroilluminato che visualizza fino al decimo di grado, per ricordarne solo alcune. Continua a leggere

La refrigerazione obiettivo n.1 per ridurre il riscaldamento globale

Un interessante video pubblicato dalla associazione consociata norvegese in AREA e disponibile a breve, descrive tramite animazione il “Recupero degli HFC da pompe di calore domestiche”. 

La gestione del refrigerante è l’iniziativa numero 1 su 100 per ridurre il riscaldamento globale.  ASIA Split.PNG

https://www.drawdown.org/solutions/materials/refrigerant-management

Garantire il corretto recupero, il riuso / riciclaggio e la distruzione dei refrigeranti a fine vita è un punto fondamentale. Richiamiamo qui il bollettino creato da AREA e tradotto da ATF che richiama e spiega questo importante argomento.

Nuova rubrica: Approfondiamo la Banca Dati – Noleggio

Cattura.JPG

Su Industria e Formazione online iniziamo una nuova rubrica con le domande dai tecnici riproponendo le risposte FAQ di Ecocerved.

Pubblicate singolarmente permettono un approfondimento e commenti sui social network della nostra vasta rete dove giornalmente migliaia di tecnici commentano e si confrontano.

Vista l’importanza vogliamo affrontare ogni argomento singolarmente, argomenti anche molto richiesti alla segreteria ATF.

Per tutte le altre domande riferirsi alle FAQ di Banca dati molto complete. Inoltre Ecocamere risponde e aggiunge i nuovi quesiti velocemente. Clicca qui.

Il venditore vende apparecchiature non ermeticamente sigillate contenenti gas fluorurati ad effetto serra ad un soggetto non certificato, che svolge l’attività di noleggio delle medesime. Chi deve comunicare le vendite?

Se il venditore vende le apparecchiature non ermeticamente sigillate contenenti gas fluorurati ad effetto serra ad un soggetto che svolge solo il noleggio delle medesime, allora la comunicazione dovrà essere effettuata dal venditore.

Commento alla FAQ in testa all’articolo: Il noleggiatore risulterà l’operatore e dovrà far svolgere gli interventi a personale e aziende certificate. Consigliamo al noleggiatore di certificarsi, in questa maniera potrà svolgere direttamente le operazioni di manutenzione visto l’ampio parco macchine che presumibilmente il noleggiatore possiederà. Il noleggiatore rimarrà comunque sempre operatore, in quanto responsabile della macchina e avente potere finanziario della stessa. Di consueto il noleggio è di breve durata a partire da qualche ora, massimo alcune settimane.