Primo corso ed esame Real Alternatives a Edimburgo

CqsCCG2W8AAfl74

Il Docente Marco Buoni ad Edimburgo

Il VicePresidente AREA Marco Buoni è stato docente ed esaminatore del primo corso Real Alternatives ad Edimburgo. Il progetto, voluto dalla Commissione Europea DG Clima, mira ad aumentare le competenze dei Tecnici e le tecnologie disponibili in tutte le Nazioni dell’Unione ottemperando quindi alla richieste della regolamentazione europea 517/2014.
I nuovi refrigeranti hanno la caratteristica positiva di essere eco-friendly ma sono, a differenza dei predecessori, leggermente infiammabili. Richiedono quindi una preparazione specifica che tuteli i Tecnici e i consumatori finali.
Cliccando sull’immagine sottostante si potranno visualizzare le slide presentate dall’Ing. Buoni nel corso del suo intervento

image

 

 

La tecnologia applicata ai frigoriferi. Date di scadenza dei cibi e contenuto direttamente sullo smartphone

 

frigorifero-samsung-family-hub-1La tecnologia è spesso ingombrante, ridondante nell’impiego eccessivo dei social e degli smartphone. Tuttavia può essere molto utile se utilizzata con criterio. Uno di questi modi è il frigorifero intelligente che a fronte di poche migliaia di pezzi venduti in Europa ha fatto il pieno nelle case cinesi con circa un milione di pezzi distribuiti.
Questi gioeilli di tecnologia hanno telecamere interne da visionare al supermercato durante la spesa e sensori che avvisano della scadenza dei cibi. Il tutto comodamente gestibile da smartphone o tablet.
Secondo i costruttori italiani entro 5 anni i frigoriferi connessi saranno il 56% e secondo Acquity Group e Accenture Interactive, riporta Il Sole 24 Ore, il 30% dei consumatori mondiali possiede o prevede di acquistare un dispositivo domestico intelligente entro i prossimi 2 anni e il 70% entro i prossimi 5  con un picco del 59% per i frigoriferi.

Questionario della Commissione Europea sui sistemi di refrigerazione centralizzati multipack per uso commerciale

IMPORTANTE! Si cerca adesioni alla compilazione dei questionari dall’Italia

I&F ONLINE

EU wins Nobel Peace Prize for advancement of democracy

da www.minanmbiente.it – Il Regolamento (UE) n. 517/2014, all’articolo 21, paragrafo 3, prevede che, entro il 1° luglio 2017, la Commissione pubblichi una relazione di valutazione del divieto al punto 13 dell’allegato III, relativo ai sistemi di refrigerazione centralizzati multipack per uso commerciale e che esamina in particolare la disponibilità di alternative economiche, tecnicamente praticabili, efficienti sotto il profilo energetico e affidabili. La Commissione ha incaricato la Öko-Recherche GmbH di raccogliere tutte le informazioni utili per valutare la disponibilità di alternative al 2022 per i sistemi di refrigerazione centralizzati multipack per uso commerciale di capacità nominale pari o superiore a 40 kW contenenti o il cui funzionamento dipende da gas fluorurati a effetto serra con potenziale di riscaldamento globale pari o superiore a 150, tranne nel circuito refrigerante primario di sistemi a cascata in cui possono essere usati gas fluorurati a effetto serra con potenziale di riscaldamento globale inferiore a…

View original post 76 altre parole

Finti tecnici del Freddo e riparazioni tarocche. Un arresto. Come difendersi?

1447682737-polizia-5

Nel pieno della calura estiva un falso Tecnico si spacciava per riparatore di frigoriferi truffando decine di ignari “clienti”. E’ successo in questo agosto tra l’Abruzzo e il Lazio. Raggiri a danno di cittadini che per niente affascinati dalla cultura dell’usa e getta hanno deciso di affidarsi ad un Tecnico per porre rimedio alle magagne dei propri elettrodomestici pensando anche di risparmiare cifre significative.
Peccato che il “frigorista”, ammanettato dagli Agenti del Commissariato di Tivoli, richiedesse cifre tra i 200 e i 400 euro per riparazioni che non effettuava realmente.
Un metodo certo per non incappare in scottature estive è affidarsi a Tecnici in possesso del Patentino Italiano Frigoristi e controllare la loro iscrizione all’Albo sul sito www.fgas.it. Solo chi è in regola con le normative può assicurare una giusta manutenzione ai nostri apparecchi.
Con la continua espansione dei nuovi refrigeranti, che hanno zero impatto sull’ambiente ma sono leggermente infiammabili, si rende ancor più necessaria, per motivi di sicurezza, un’alta professionalità dei Tecnici che va verificata dalle Istituzioni deputate ai controlli ma anche dagli utenti finali.

OEWG 38. Il commento dell’Istituto Internazionale del Freddo

 

CnrUxj9XgAAVw7ACon un’intervista al Direttore Didier Coulomb, l’Istituto Internazionale del Freddo si è espresso sull’OEWG38, 38a riunione del gruppo di lavoro del protocollo di Montreal che ha avuto luogo a Vienna dal 15 al 23 luglio 2016.
In che modo i progressi compiuti nel corso della riunione OEWG 38 influiranno sul settore della refrigerazione?
L’incontro è stato eccezionalmente lungo e diviso in diversi segmenti, tutti dedicati alla phase down degli idrofluorocarburi (HFC) Continua a leggere

Aria condizionata? Si ma a porte chiuse

ftdrroiku5go20n2Il refrigerio dell’aria condizionata è importante, soprattutto in queste caldissime giornate estive. Va tuttavia utilizzata con coscienza in maniera tale che si eviti la dispersione inutile di risorse energetiche. Dove non arriva il buonsenso può arrivare l’Ordinanza di qualche solerte Sindaco più attento al futuro del Pianeta che all’immediatezza del consenso.
E’ ciò che è accaduto a Reggio Emilia tramite l’Ordinanza “Porte chiuse” dove i negozianti che disperdono inutilmente l’aria condizionata si vedono comminare sanzioni comprese tra i 25 e i 500 euro. Continua a leggere

Entro il 2030 banditi ufficialmente gli HFC. Accordo sul clima a Vienna

 

Vienna HLAEntro il 2030 per le nazioni industrializzate e entro il 2040 per i paesi in via di sviluppo. Questo il tetto temporale massimo fissato dai 197 paesi firmatari del Protocollo di Montreal durante la riunione di Vienna che si è conclusa con risultati positivi. L’accordo entrerà in vigore in occasione della prossima riunione a Kigali, Rwanda.
Il “patto sul clima” era stato concordato lo scorso anno nella riunione COP21 di Parigi. Tuttavia le riunione COP, la prossima a Marrakesh, non assicurano un vincolo di mandato alla nazioni partecipanti che viene invece definito negli incontri come Vienna dove si è discusso delle regole da rispettare per ogni nazione e segnatamente delle rigide tempistiche concordate. Continua a leggere