La battaglia statunitense contro gli HFC

flasSebbene in ritardo rispetto all’Europa anche negli Stati Uniti imperversa la corsa allo storico cambio di refrigerante. Spesso a colpi di leggi. Il 19 settembre, il governatore della California Edmund G. Brown Jr. ha firmato un disegno di legge (SB1383) che obbliga legalmente lo stato americano a ridurre le emissioni di inquinanti climatici di breve durata (SLCPs), tra cui gli idrofluorocarburi (HFC). La nuova legge stabilisce dure restrizioni contro gli inquinanti  (SLCPs) – includendo nero di carbone, gas fluorurati e metano. Il disegno di legge prevede una riduzione del 40% di HFC e metano entro il 2030, e una riduzione del 50% di carbone nello stesso arco di tempo.
Questi obiettivi sono legalmente vincolanti. Il California Air Resources Board (CARB) deve iniziare ad attuare una strategia per ridurre le emissioni entro il 1° gennaio 2018.
“Le politiche che la California sta attuando, se estese a tutto il mondo, diminuirebbero il tesso di riscaldamento globale del 50% a metà entro il 2050”, ha dichiarato il Prof. Veerabhadran Ramanathan della San Diego Scripps Institute of Oceanography.

Chemours costruirà la più grande fabbrica di HFO al mondo!

c0003672327-81546

Il vecchio stabilimento Chemours di Corpus Christi

Il nuovo impianto Chemours (ex DuPont refrigeranti) in costruzione a Corpus Christi, città portuale del Texas meridionale, che diventerà operativo nel terzo trimestre del 2018 sarà il più grande al mondo per la produzione di HFO.
Secondo fonti interne l’unità utilizzerà un processo innovativo e brevettato per la fabbricazione dell’Opteon YF (R-1234yf) che può essere utilizzato negli impianti di condizionamento automobilistico e per altre applicazioni. Continua a leggere

Liebherr ed Embraco creano una nuova dimensione del freddo

bluperformance-3Si chiama BluPerformance la caratteristica di una nuova piattaforma di frigoriferi freestanding di Liebherr in grado di offrire una maggiore efficienza energetica, migliori prestazioni ed un funzionamento più silenzioso.
Per la linea di frigoriferi che utilizzano BluPerformance, Liebherr ha scelto di avvalersi del compressore VESF della famiglia FULLMOTION di Embraco. Si tratta di un compressore a velocità variabile regolata da inverter, in grado di ridurre il consumo di energia di frigoriferi e congelatori per più del 25% in confronto alla tecnologia convenzionale On-Off, consentendo in questo modo un risparmio energetico pari al 40% rispetto ai frigoriferi con più di 10 anni di vita e permettendo al consumatore finale di ridurre i consumi sulla bolletta. Continua a leggere

Una rivoluzione ecologica ed economica per il riscaldamento domestico con la mini Pompa di Calore

teon_3Acqua ad alta temperatura, zero emissioni in atmosfera, risparmio energetico e vantaggi fiscali con il sistema a pompa di calore studiato e realizzato in Italia da TEON anche per piccoli ambienti.
Una svolta per la tecnologia del riscaldamento domestico. Un’equipe di tecnici italiani ha messo a punto un sistema in grado di arrivare là dove le pompe di calore tradizionali non erano ancora riuscite: generare acqua calda a temperatura elevata, permettendo di utilizzare questa tecnologia su impianti esistenti dotati di termosifoni tradizionali e anche per piccoli ambienti. Diventa reale il sogno di risparmiare denaro contribuendo ad abbassare l’inquinamento atmosferico.
MINI e MICROTINA, a differenza di tutte le altre pompe di calore in commercio permettono di raggiungere una temperatura dell’acqua fino a 85° C, quindi riscaldamento e acqua calda come da generazione tradizionale ma a costi bassissimi ed emissioni zero. Offrono inoltre una doppia funzione, riscaldano la casa d’inverno, e d’estate invece la raffreddano, utilizzando rigorosamente refrigeranti naturali e innocui. Le TINA possono essere installate negli appartamenti o nelle villette senza grossi interventi strutturali, e grazie alle loro caratteristiche “green” ci sono anche importanti incentivi fiscali.
MINI e MICROTINA, rispettivamente di 30 kW e 9 kW di potenza termica, sono l’alternativa ideale a tutte le caldaie tradizionali che utilizzano combustibili fossili. Grazie all’innovativa tecnologia brevettata tutta made in Italy, la serie TINA riesce a erogare il 100% della potenza termica a oltre 80 gradi, pur mantenendo delle elevate prestazioni.
Una pompa di calore TINA garantisce un risparmio del 60% sulla bolletta energetica e una rivalutazione della classe energetica dell’immobile. Inoltre, in presenza di un impianto fotovoltaico, l’energia necessaria al funzionamento della macchina può essere in parte autoprodotta. Mettendo in circolo acqua a temperature molto elevate, TINA aiuta a prevenire anche il rischio di batteri nascosti nelle tubature.
Una volta installata nella propria abitazione, la pompa di calore della serie TINA può essere sfruttata sia d’estate sia d’inverno. Essendo MINITINA una pompa di calore che sfrutta un ciclo termodinamico, trasferisce energia termica (o anche frigorifera) all’ambiente senza alcun tipo di combustione.
Il pensiero “green” di MINI e MICROTINA si riflette anche nella scelta del refrigerante: infatti TINA utilizza come refrigerante l’R600, un gas naturale e non un F-gas, tipicamente usato sul mercato.
Per chi sta pensando di cambiare la propria caldaia con una MINI o MICROTINA, ci sono numerosi incentivi fiscali, dalla detrazione del 65% all’accesso al conto termico, grazie ai quali il risparmio totale dopo l’installazione può arrivare fino all’80% in meno della spesa energetica.

Il Gruppo Daikin effettua una donazione per il terremoto

Terremoto Amatrice

Il gruppo Daikin si è unito alla campagna di solidarietà che in tutto il mondo si è messa in moto a favore dei Comuni italiani colpiti nelle scorse settimane dall’evento sismico.
Oltre ad una donazione di 30mila euro la multinazionale giapponese sta contribuendo anche con la fornitura di unità mini-split di condizionamento d’aria per aiutare le persone che non possono ritornare alle loro case danneggiate e che vivono in alloggi temporanei.
La società ha dichiarato che “continuerà in futuro a collaborare in attività di soccorso per le zone colpite e contribuire in vari modi a seconda delle necessità.”
Grazie al gruppo Daikin per il sostegno fattivo e la generosità dimostrata!

Patentini Brasatura a Casale Monferrato

Come tutti sappiamo saper effettuare una perfetta brasatura è fondamentale per la tenuta dell’impianto e per evitare dispersioni di gas refrigerante in ambiente. La brasastura è inoltre una delle tre prove pratiche d’esame in assenza delle quali non è possibile ottenere la Certificazione, il Patentino Italiano Frigoristi.
A Casale M.to il 19 ottobre in occasione dell’esame per l’ottenimento del Patentino Frigoristi PIF sarà possibile ottenere anche il Patentino Brasatura Forte PED obbligatorio dal 2002 (richiedere info a corsi@centrogalileo.it).
Il Patentino PED è obbligatorio a norma di legge e chi non ne è in possesso rischia sanzioni pesanti.

Tradotto anche in francese il testo delle Nazioni Unite sulla Certificazione dei Tecnici del Freddo

unnamedIl libro delle Nazioni Unite sulla Certificazione dei Tecnici del Freddo è stato tradotto anche in francese. Clicca qui per scaricarne gratuitamente una copia.
Una pubblicazione importante con la quale si vuole dare la possibilità a tutti i paesi del mondo sviluppati e non sviluppati di implementare uno schema di certificazione Patentino Frigoristi.
Il testo redatto da Marco Buoni, ha voluto intensificare l’impegno internazionale che l’ha visto protagonista negli ultimi anni nel ruolo di Direttore Tecnico del Centro Studi Galileo, per il quale ha tenuto corsi a frigoristi di 50 nazioni in via di sviluppo con il duplice obiettivo di migliorare la capacità dei Tecnici e salvaguardare gli sforzi europei in materia ambientale, altrimenti vanificati dalle condotte poco ortodosse dei paesi del sud del mondo.
Centro Studi Galileo, con le associazioni collegate AREA e ATF, da tre anni  è incaricato dalle Nazioni Unite di trasmettere le competenze riguardo la certificazione di stampo europeo dei Tecnici del Freddo  nei paesi in via di sviluppo.