Decreto F-Gas, arrivata la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale

decreto del presidente della repubblica - 16 novembre 2018 n.146-01Dopo una lunga attesa, ieri è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto di recepimento del Regolamento (UE) n. 517/2014 sui gas fluorurati a effetto serra (F-gas).
Il nuovo provvedimento, che era stato approvato durante il Consiglio dei Ministri dell’8 novembre, abroga il Regolamento (CE) n. 842/2006 ed entrerà ufficialmente in vigore il 24 gennaio 2019. Continua a leggere

Commercio illegale refrigeranti: interrogazione al Parlamento Europeo

sede commissione europea.jpg

Due membri del Parlamento europeo, Rolandas Paksas (EFDD) e John Stuart Agnew (EFDD) hanno sollevato una questione  in Commissione europea riguardo il commercio illegale di refrigeranti. La Commissione europea ha ricordato l’impatto che tale commercio illegale ha sul raggiungimento degli obiettivi del regolamento Fgas e sulla salute e la sicurezza di installatori e utenti. La Commissione è invitata a fornire informazioni sulle potenziali misure provvisorie per affrontare il problema, tra cui controlli più severi alle frontiere e l’uso dei fondi dell’UE per sostenere la transizione verso tecnologie alimentate da refrigeranti naturali. La Commissione europea deve fornire una risposta entro 6 settimane.

Ecobonus per clima e pompe di calore

pompe_caloreSi può accedere all’ecobonus se si sostituiscono solo i radiatori oppure deve essere sostituito il generatore di calore? Il chiarimento di Enea spiegato da Assoclima.
È possibile usufruire dell’Ecobonus se si sostituiscono solo i radiatori di un impianto di climatizzazione? La risposta è No.
A chiarirlo è una nota dell’ENEA la quale, sebbene chiarisca che nel testo dell’Ecobobus manca una specifica definizione del termine “sostituzione parziale” (interventi di sostituzione integrale o parziale di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione, con impianti a pompa di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia), ha spiegato che per usufruire degli incentivi, diversi a seconda del tipo di impianto, l’intervento deve necessariamente comportare la sostituzione del generatore di calore. Continua a leggere

La Commissione propugna un’Europa a impatto climatico zero entro il 2050

European Union Flag

La Commissione europea ha adottato il 28 novembre una visione strategica di lungo termine per un’economia prospera, moderna, competitiva e a impatto climatico zero entro il 2050.
La strategia evidenzia come l’Europa possa avere un ruolo guida per conseguire un impatto climatico zero, investendo in soluzioni tecnologiche realistiche, coinvolgendo i cittadini e armonizzando gli interventi in settori fondamentali, quali la politica industriale, la finanza o la ricerca — garantendo nel contempo equità sociale per una transizione giusta. Continua a leggere

L’intervento del Direttore Centro Studi Galileo ad Atmosphere Europe 2018

a916ceed-8f2b-49bd-9e39-54a01dae799a

Da destra Marco Buoni, Andrea Voigt EPEE e Claire Perry EIA a ATMOEurope2018

Nella cornice del Lago di Garda che ha ospitato Atmosphere Europe 2018, molti sono stati gli interventi di relatori internazionali, massimi esperti del settore HVAC. Tra questi riportiamo un interessante stralcio dell’intervento del Presidente AREA e Direttore Centro Studi Galileo Marco Buoni.
“AREA rappresenta 125.000 tecnici provenienti da 25 nazioni. Imprenditori che installano ogni tipo di tecnologia con qualsiasi tipo di refrigerante. Vogliamo avere refrigeranti naturali, ma come i miei colleghi di EUROVENT e EPEE hanno detto, non esiste una soluzione che si adatti a tutti. La soluzione è la formazione per i gas naturali. Continua a leggere

Le Nazioni Unite denunciano aumento di gas serra nell’atmosfera. La responsabilità sociale per il settore HVAC

orso--e1450350656818“Si va verso cambiamenti climatici dagli impatti irreversibili” questo l’annuncio choc delle Nazioni Unite in riferimento ad un nuovo record di gas serra in atmosfera.
A lanciare l’allarme l’Agenzia ONU che si occupa di meteorologia, la World Metereological Organization. Il dato eclatante è quello dell’anidride carbonica che ha raggiunto nell’anno passato, periodo al quale fanno riferimento le misurazioni, 405,5 parti per milione.
Il commento è lapidario: “Se non verrà invertita la rotta e non ci saranno tagli severi all’inquinamento atmosferico, i cambiamenti climatici avranno impatti sempre più distruttivi”.
L’ultima chiamata è affidata al Segretario Generale dell’Agenzia, il finlandese Petteri Taalas, che ha affermato “la finestra di opportunità per agire è praticamente chiusa“.
La WMO ha diffuso dati secondo i quali l’azione dei gas serra nell’atmosfera è aumentata del 41% dal 1990 a oggi.
Il settore del freddo e del condizionamento sta svolgendo un ruolo importante per la salvezza del pianeta. L’Europa per prima ha inteso adeguare i propri standard produttivi alle più severe norme in materia di protezione ambientale con l’auspicio che tutte le nazioni mondiali seguano il nostro virtuoso esempio.
HI_108546_Martin_Harvey_WWF_Canon

Centro Studi Galileo certifica la prima donna Tecnico del Freddo del Medio Oriente!

consegna_attestato_Asmaa_Alenezi

Il Docente Gianfranco Cattabriga consegna l’attestato al primo Tecnico del Freddo donna del Medio Oriente Asmaa Alenezi

Centro Studi Galileo da un lustro è incaricato dalle Nazioni Unite di formare i Tecnici delle Nazioni in via di sviluppo o arretrate dal punto di vista della tecnica industriale e delle normative di tutela ambientale.
Questa missione, che ha coinvolto 50 nazioni in 4 continenti, si è resa ancora più necessaria dopo l’emendamento di Kigali che impone a tutte le nazioni firmatarie del Protocollo di Montreal il phase – down HFC.
Principalmente al Centro Studi Galileo è richiesta, in collaborazione con le principali Associazioni europee di settore, la stesura di schemi di certificazione nazionale e la formazione dei docenti.

 

Continua a leggere