I Tecnici del Freddo vincono la battaglia: AMAZON sospende le vendite di FGAS

Immagine.jpgDopo decine di segnalazioni di vendite online senza patentino un gruppo di Tecnici del Freddo aveva deciso a settembre 2018 di denunciare il portale Amazon.
Molti furbetti comprando online aggiravano la norma che prevede di essere in possesso del Patentino Frigoristi per acquistare gas.
Una concorrenza sleale che ha portato i frigoristi a sfidare il colosso americano delle vendite online nella aule di tribunale.
A seguito di questa azione Amazon e CNA hanno finalizzato un accordo teso ad azzerare la vendita di Fgas sul portale. Amazon sostanzialmente ha eliminato i gas dannosi dal portale che nelle ultime ore vede presenti esclusivamente gas naturali.
In merito al ricorso avanzato da 17 imprese associate alla CNA – spiega Vecchiatoil caso si è chiuso positivamente, senza bisogno dell’intervento del Tribunale, con un accordo sottoscritto da Amazon e dalle imprese che hanno fatto ricorso. Amazon ha infatti rimosso spontaneamente qualsiasi vendita di f-gas dal proprio portale ed ha attivato un canale di comunicazione diretto per consentire la segnalazione da parte di CNA di eventuali altre offerte dei prodotti in questione. Amazon ha inoltre confermato che tutti i venditori presenti sul sito devono seguire le linee guida di vendita di Amazon e le regole vigenti nel Paese in cui operano. Coloro che non lo fanno sono soggetti ad azioni che includono la potenziale chiusura del loro account”. Continua a leggere

Il Governo da l’ok definitivo al Regolamento F-Gas!

pauraconte-1140x713

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Prof.Giuseppe Conte

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, del Ministro per gli affari europei Paolo Savona e del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare Sergio Costa, ha approvato, in esame definitivo, il regolamento, da adottarsi mediante decreto del Presidente della Repubblica, che attua il Regolamento (UE) n. 517/2014 sui gas fluorurati a effetto serra (F-gas).
Il testo, nel definire le modalità attuative nell’ordinamento italiano del predetto Regolamento (UE) n. 517/2014 relativo ai gas fluorurati a effetto serra utilizzati come refrigeranti, agenti estinguenti, espandenti, propulsori e isolanti nelle apparecchiature elettriche: individua il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare quale autorità competente a interloquire con gli operatori e le imprese; interviene sul sistema di certificazione degli organismi di valutazione e di attestazione di formazione delle persone e sul sistema di iscrizione e implementazione del Registro telematico nazionale per le persone fisiche e per le imprese; individua gli organismi di controllo indipendenti competenti per le procedure di verifica dei dati relativi all’immissione in commercio di apparecchiature precaricate con i gas fluorurati; istituisce una Banca Dati per la raccolta e la conservazione delle informazioni su tali gas; stabilisce, infine, l’obbligo di formazione delle persone e di certificazione delle imprese.
Industria&Formazione ha discusso in decine di articoli i vari passaggi del DPR, che potete trovare raccolti qui

Certificazioni F-gas. In arrivo nuove regole

freddo.jpeg

Riunione delle parti interessate al recepimento del Regolamento UE 517/2014 sugli f-gas

Sede ACCREDIA Milano 24/10/2018 ore 10,00
Gli uffici di Accredia di Milano sono stati sede di una riunione che ha ospitato i principali Enti e Associazioni interessati al recepimento del regolamento UE 517/2014 sugli F-gas.
Parte degli interlocutori erano presenti in sala e altri, tra cui i funzionari ministeriali responsabili della stesura del decreto, hanno partecipato in call conference dalla sede romana.
Il ministero ha confermato la prossimità dell’uscita del decreto in ricezione al Regolamento UE 517/2014.
Sono stati confermati alcuni punti che erano già emersi nell’incontro del mese di marzo 2018:
l’istituzione di una banca dati online dei gas fluorurati e il registro delle apparecchiature online;
l’individuazione di 6 nuove domande, riguardo i refrigeranti alternativi, tra le 30 presenti nell’esame teorico del patentino frigoristi;
la cancellazione automatica dal registro f-gas delle persone e delle imprese che, dopo essersi iscritte, non hanno provveduto al conseguimento della certificazione;
la necessità della certificazione del personale che opera su celle frigorifere di autocarri e rimorchi frigoriferi;
la semplificazione del processo di certificazione aziendale per le ditte individuali, che prevede la sola verifica documentale anche in sede di prima visita ispettiva;
l’eliminazione, per le imprese, della verifica ispettiva in campo, ovvero durante un intervento, per le difficoltà logistiche e di sicurezza dovute alla presenza di ispettori presso un cantiere di lavoro

Commercio illegale di refrigeranti. La denuncia delle Organizzazioni europee

1421744463-0-la-finanza-sequestra-rifornimento-di-gas-metano1AREA, ADC3R, EFCTC ed EPEE esprimono congiuntamente forti preoccupazioni sul commercio illegale di refrigeranti e chiedono una migliore applicazione del regolamento Fgas.
Poiché viene segnalato un crescente commercio illegale di refrigeranti, le associazioni chiedono a tutti gli operatori del mercato di acquistare solo refrigeranti da fonti attendibili al fine di garantire il funzionamento sicuro ed efficiente delle apparecchiature HVACR.
Le Associazioni invitano inoltre le autorità ad aumentare i controlli. “Le autorità sono in ultima analisi responsabili della corretta applicazione del regolamento sui gas fluorurati e chiediamo a tutti gli attori – comprese le autorità competenti dell’UE e nazionali – di svolgere il proprio ruolo nell’applicare controlli più severi alle frontiere dell’UE”, ha affermato Olivier Janin, segretario generale di AREA.

Comunicato stampa completo in lingua inglese qui

Nuovo record. Il 2018 anno più caldo dal 1800

siccità_fiume_po-1280X720.jpg+ 1,53° rispetto al trentennio di riferimento. Questi i dati che destano preoccupazione in Italia circa il sempre più insistente surriscaldamento del belpaese.
Un’africanizzazione della penisola che sembra non subire arresto nonostante gli sforzi dell’industria che ci stanno portando ad una soluzione del buco dell’ozono.
Le rilevazioni annuali di temperatura hanno preso il via nel 1800 e da allora mai era stato registrato un così forte caldo.
A rendere pubblica la situazione un dossier Isac-Cnr. “Da segnalare – precisa il climatologo Michele Brunetti a TgCom- in particolare aprile, che ha fatto segnare il record“, per questo mese, più caldo in assoluto”.
L’industria del freddo con lo storico cambio di refrigeranti sta facendo moltissimo per contribuire alla salvezza del clima prima che la situazione raggiunga il punto di non ritorno.

Video del Webinar “IL FUTURO DELLA CLIMATIZZAZIONE: EFFICIENZA ENERGETICA E TUTELA AMBIENTALE CON I NUOVI COMPRESSORI E REFRIGERANTI”

image

Clicca sull’immagine per vedere il video completo del webinar

Venerdì 5 ottobre alle 11 sì è svolto un webinar targato Centro Studi Galileo che ha visto la partecipazione di Edoardo Monfrinotti, Account and Business Development Manager Italy di Chemours e di Giovanni Gonzato Sales&Application Engineer di Frascold sul tema “Il futuro della climatizzazione: efficienza energetica e tutela ambientale con i nuovi compressori e refrigeranti”.
Moderatore dell’incontro Federico Riboldi, Responsabile della Comunicazione Istituzionale dell’Associazione dei Tecnici Italiani del Freddo.
Disponibile da oggi il video del webinar cliccando sull’immagine soprastante.

L’UE ratifica l’emendamento Kigali al protocollo di Montreal!

RWANDA-ENVIRONMENT-WARMING-OZONE-HFC

La gioia dei delegati al momento dell’approvazione dell’emendamento a Kigali

L’Unione europea ha ratificato oggi l’emendamento Kigali al protocollo di Montreal, che comporterà una graduale eliminazione degli idrofluorocarburi (HFC), potenti gas a effetto serra.
Gli HFC, utilizzati principalmente in impianti di refrigerazione, condizionamento dell’aria e pompe di calore, sono migliaia di volte più dannosi per il clima rispetto alla CO2. In risposta alla rapida crescita delle emissioni di HFC, le 197 nazioni aderenti al Protocollo di Montreal hanno adottato l’emendamento Kigali nel 2016 per ridurre gradualmente la produzione e il consumo globali.
L’UE ha progressivamente ridotto gli HFC dal 2015. Gli Stati membri dell’UE stanno ratificando individualmente l’emendamento Kigali. L’UE è il 52° paese ad aver ratificato lo stesso emendamento. Lo stesso giorno hanno pure ratificato Austria, la Republica Ceca, Estonia. Continua a leggere