Cabinet, fuori norma l’80%?

1500x500

Quattro cabinets su cinque violano le normative europee sull’ecodesign e sull’etichettatura energetica: l’allarme lanciato da EEPLIANT 2.

Le irregolarità sono state individuate in seguito a una lunga operazione di verifica e controllo, portata avanti da 17 autorità di sorveglianza per il controllo del mercato, e a una agenzia nazionale, in oltre 15 paesi dell’UE.

Sono state riscontrate anomalie di diverso tipo, in merito a letteratura tecnica, cifre di prestazioni energetiche gonfiate e volumi interni inferiori a quelli dichiarati.

EEPLIANT2 ha portato avanti l’indagine per oltre trenta mesi, con una monumentale operazione congiunta che ha attraversato Austria, Bulgaria, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda Latvia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Slovenia e Svezia. Sono stati effettuati numerosi test, soprattutto in merito al rendimento energetico degli apparecchi di refrigerazione per uso domestico ai prodotti di refrigerazione professionali e al consumo di energia derivante dagli apparecchi in standby, facendo riferimento e analizzando la documentazione tecnica. Continua a leggere

Lotta ai refrigeranti illegali: come segnalare i traffici alle Nazioni Unite – UNEP

UNEP-new-logo

Disponibile un pratico modello standard per segnalare traffici (oltre ai sequestri di gas e strumentazioni) all’Ozone Secretariat dello United Nations Environment Programme, e contribuire così alla lotta ai refrigeranti illegali.

Il documento, una volta compilato, può essere inviato direttamente via email all’Ozone Secretariat (rabbiosi@un.org oppure mea-ozoneinfo@un.org).

Ciò vale in particolare per i sequestri segnalati al “Global Montreal Protocol Award for Customs and Enforcement Officer“, il premio nato per valorizzare il grandissimo lavoro che le dogane e le forze dell’ordine compiono ogni giorno per stroncare i traffici illegali, traffici che mettono a rischio i risultati di salvaguardia ambientale ottenuti grazie al Protocollo di Montreal.

Lo stesso Centro Studi Galileo, più importante ente per la Formazione sul Freddo e da anni collaboratore delle Nazioni Unite, ha ospitato, di recente, un webinar con l’associazione EFCTC destinato a sensibilizzare sulla lotta ai refrigeranti illegali.

Continua a leggere

Coronavirus, il DPCM spegne gli impianti di condizionamento? NO! chiarimenti da Regione Veneto e Assoclima

2044969585_f5513ab1a1_b

All’interno del Dpcm 17 maggio 2020, e più nello specifico nell’Allegato 17: Linee guida per la riapertura delle attività economiche e produttive della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 16 maggio 2020, sono state ventilate alcune limitazioni all’utilizzo degli impianti di condizionamento.

In particolar modo, c’è una frase che potrebbe lasciare adito a diverse possibili interpretazioni, potenzialmente limitanti per il settore HVAC/R:

Favorire, ove possibile, il regolare e frequente ricambio d’aria negli ambienti interni ed escludere totalmente, per gli impianti di condizionamento, la funzione di ricircolo dell’aria.

Qualora non sia possibile, come nel caso di uno split, o di un fan coil, effettuare quanto richiesto, l’impianto può quindi comunque essere lasciato in funzione? Continua a leggere

Come gestire al meglio la banca dati F-Gas: un’ applicazione.

Pub_6

In collaborazione con il Centro Studi Galileo, una nuova risorsa per una gestione più efficiente della Banca Dati F-Gas (maggiori info corsi@centrogalileo.it, usando come oggetto “#CSG”)

Caricamento Interventi in Banca Dati: nuovi obblighi, nuove opportunità

Nel nostro settore siamo abituati agli adempimenti, alla burocrazia e alle rendicontazioni, tuttavia lo scorso 24 settembre nessuno avrebbe immaginato le opportunità che si sarebbero potute celare dietro un riconoscimento professionale così importante.

Pub_1Il caricamento in Banca Dati F-Gas è stato un adempimento che accentua l’importanza dell’intera categoria professionale e che può facilmente essere portato a compimento con strumenti informatici creati appositamente.

Ogni novità, come sempre, porta nuove soluzioni ma l’interrogativo a cui rispondere è come possiamo organizzare l’azienda in modo da cogliere l’opportunità?

La sfida dei prossimi mesi, sarà quella di riuscire ad automatizzare i processi aziendali che rispondono alla normativa con il fine di eliminare le possibilità di errore. Automazione che, come sappiamo, significa anche informatizzazione e, oggi, siamo tutti alla ricerca di un software che non ci leghi a contratti con tante clausole chiedendoci investimenti iniziali. Continua a leggere

NUOVA RUBRICA: APPROFONDIAMO IL DECRETO e la BANCA DATI F-GAS – Mantenimento della Certificazione aziendale e del patentino personale F-gas

bancadati-fgas

Come sappiamo sia la certificazione f-gas dell’azienda che la certificazione della persona sono soggette al mantenimento annuale. Il mantenimento avviene via mail: è sufficiente rispondere alla mail con la quale l’ente certificatore vi ha contattato allegando la documentazione richiesta.

Capita a volte che, per vari motivi, l’operazione non vada a buon fine. E’ importante sapere che, decorsi sei mesi dalla scadenza del mantenimento annuale, il certificato decade e bisogna rifare l’audit o l’esame sostenendo nuovamente i costi per riottenere la certificazione.

E’ possibile conoscere lo stato della vostra certificazione personale o aziendale attraverso il sito www.fgas.it. Sulla sinistra, in rosso, cliccate sulla voce “consultazione” e successivamente su sezione c “delle persone e delle imprese certificate”. Sulla videata che compare è sufficiente compilare il campo relativo alla ragione sociale o al cognome e il campo relativo al profilo: nel caso  sia stata inserita la ragione sociale scegliere impresa; nel caso sia stato inserito il cognome scegliere persona. Vengono visualizzate tutte le persone o aziende che contengono il nominativo richiesto.

Continua a leggere

Webinar CSG: disponibile il video di “L’attrezzatura per la ripartenza del settore”

Disponibile su Youtube la registrazione del Webinar targato CSG di Venerdì 8 Maggio, che ha visto come protagonisti assoluti OFFICINE MARIO DORIN e WIGAM.

Dal Centro Studi Galileo, anche oggi un altro prezioso approfondimento, con uno sguardo attento alle ultime novità sul mondo della refrigerazione. Sempre tramite webinar, utilissimo strumento di Formazione a Distanza.

Le relazioni degli esperti, Giacomo Pisano per Officine Mario DorinSergio Mozzato per Wigam hanno suscitato grandissimo interesse tra il pubblico, che ha partecipato attivamente ponendo domande precise e puntuali, a cui i relatori hanno risposto con perizia. Disponibile quindi il video della registrazione, per chiunque non avesse avuto modo di collegarsi la mattina dell’8 Maggio alla diretta.
Continua a leggere

Coronavirus e Regolamentazione F-Gas: DG CLIMA risponde ad AREA

AREA

Alcune settimane fa, AREA ha inviato una lettera a DG CLIMA, nella quale ha messo in evidenza le difficoltà del settore a rispettare alcuni requisiti imposti dalla Regolamentazione F-Gas a causa dell’emergenza sanitaria in atto: pronta la risposta.

AREA ha messo in evidenza come alcuni degli Stati Membri hanno dato l’impressione di non aver completamente compreso la situazione, non destinando sufficiente attenzione al problema.

La risposta di DG CLIMA, per mano dello Head of Unit, Mr. Philip Owen, ha ricordato che “Gli Stati membri sono tenuti ad applicare le disposizioni nazionali in materia di sanzioni in caso di violazione della legislazione dell’UE però tenuto debitamente conto del principio di proporzionalità“. Devono soprattutto prendere in considerazione “qualsiasi circostanza eccezionale e imprevista che impediscono agli operatori di ottemperare ai loro obblighi legali ai sensi di tale regolamento.” La lettera prosegue spiegando che “Ciò è particolarmente rilevante quando l’adempimento degli obblighi richiede visite in loco, che non possono aver luogo a causa di misure nazionali stabilite in risposta alla pandemia. Tali casi potrebbero includere controlli sulle apparecchiature riparate e controlli periodici delle perdite, come previsto dall’articolo 3, paragrafo 3, e dall’articolo 4, paragrafo 3, del regolamento sui gas fluorurati, normalmente eseguiti da personale esterno“. Continua a leggere

Webinar CSG: disponibile il video di “Compressori a vite e nuovi refrigeranti A2L: soluzioni ad alta efficienza nel rispetto dell’ambiente”

Disponibile su Youtube la registrazione del Webinar targato CSG di Giovedì 30 Aprile, che ha visto come protagonisti assoluti BITZER e CHEMOURS.

Prossimo appuntamento, Venerdì 8 Maggio con
L’attrezzatura per la ripartenza del settore“:
CLICCARE QUI PER ISCRIVERSI.

Dal Centro Studi Galileo, anche oggi un altro prezioso approfondimento, con uno sguardo attento alle ultime novità sul mondo della refrigerazione. Sempre tramite webinar, utilissimo strumento di Formazione a Distanza.

Le relazioni degli esperti, Pietro Trevisan per Bitzer ed Ernesto Revello per Chemours hanno suscitato grandissimo interesse tra il pubblico, che ha partecipato attivamente ponendo domande precise e puntuali, a cui i relatori hanno risposto con perizia. Disponibile quindi il video della registrazione, per chiunque non avesse avuto modo di collegarsi la mattina del 30 Aprile alla diretta.
Continua a leggere

NUOVA RUBRICA: APPROFONDIAMO IL DECRETO e la BANCA DATI F-GAS – Obblighi di legge per i gas riciclati

bancadati-fgas

Il gas riciclato: obblighi di legge

A partire dal 1° gennaio 2020 tutte le attività di assistenza e manutenzione su apparecchiature di refrigerazione funzionanti con gas fluorurati avente un gwp superiore a 2500 e con un contenuto di refrigerante pari o superiore a 40 tonnellate di CO2 possono essere svolte esclusivamente con gas rigenerato o riciclato. E’ il caso di apparecchiature che contengono gas come il 404a o il 507 in quantità superiore ai 10 kg circa.

Conformemente all’art 12 par 6, i gas fluorurati ad effetto serra rigenerati o riciclati sono etichettati con l’indicazione che la sostanza è stata rigenerata o riciclata, informazioni sul numero di lotto e il nome e l’indirizzo dell’impianto di rigenerazione o riciclaggio. Seguendo le indicazioni della Banca Dati, se l’attività di riciclaggio (per la cui definizione si rimanda al Regolamento 517/2014) del F-gas viene svolta dal manutentore con un’attrezzatura idonea a tale funzione, nella comunicazione dell’intervento si dovrà indicare che l’F-Gas è stato riciclato dalla stessa impresa certificata che svolge l’intervento, specificando se viene utilizzato nella stessa apparecchiatura dalla quale è stato recuperato o in altre. In entrambi i casi si dovrà indicare il nominativo del produttore ed il modello dell’attrezzatura usata per riciclare il gas.

E’ opportuno sottolineare che durante l’inserimento in Banca Dati, alla voce manutenzione viene chiesto se è stata svolta attività di recupero. A tal fine è opportuno riportare le istruzioni contenute nel manuale per la comunicazione degli interventi: “scegliere SI se, nel corso delle operazioni e prima dello smaltimento dei prodotti o delle apparecchiature, è stata svolta un’attività di recupero ovvero di raccolta e stoccaggio di gas fluorurati a effetto serra e indicare la quantità di F-GAS recuperata. Scegliere NO se tutti gli F-GAS sono stati reinseriti nell’apparecchiatura”. Pertanto nel caso di un intervento di manutenzione, se il gas viene recuperato per poi essere immesso nuovamente nella stessa apparecchiatura, l’attività di recupero non va segnalata. Va segnalato il recupero solamente quando finalizzato al riciclaggio, riciclo o smaltimento.

Continua a leggere