Good Practices for Flammable Refrigerants ai webinar dello IOR

Immaginennbnb

Marco Buoni, Presidente di AREA nonchè Segretario di ATF e direttore del Centro Studi Galileo, è stato tra i protagonisti di “Training Webinars for Service Engineers”, organizzato da IOR – Institute of Refrigeration.

Il webinar ha fatto parte di  Training Webinars for Service Engineers, una serie di 12 lezioni che l’Institute of Refrigeration ha coordinato e organizzato dal 20 al 22 Aprile, utilissima risorsa a disposizione dei Tecnici del Freddo.

L’intervento dell’Ing. Marco Buoni, Good Practice for Flammable Refrigerants, è stato organizzato in collaborazione con il progetto REAL Alternatives 4 LIFE, la cui mission è fornire corsi di formazione a diversi livelli per favorire e diffondere l’utilizzo dei refrigeranti alternativi a basso GWP. Continua a leggere

Formazione On-Line, ora disponibile il corso “Gas refrigeranti alternativi per il retrofit degli impianti esistenti” del Centro Studi Galileo

GoToWebinar 007
La piattaforma Galileo-Online.it si arricchisce di un nuovo corso: l’Incontro Formativo a Distanza (iFAD) “Gas refrigeranti alternativi per il retrofit degli impianti esistenti” è ora disponibile.
Il corso, presentato in diretta lo scorso 20 maggio, presenta un approfondimento della durata due ore, affrontando diverse tematiche inerenti al retrofit degli impianti, quanto mai importante in relazione al phase-down dei refrigeranti ad alto GWP in atto.
L’Incontro Formativo è stato organizzato dal Centro Studi Galileo, da oltre 45 anni il più autorevole ente per la formazione sul freddo.
Oltre al docente del corso, Luca Rollino (Politecnico di Torino, Studio Rollino), è intervenuto per la parte applicativa del corso l’ing. Rodolfo Cavicchioli (Lu-VE SpA).

Continua a leggere

Aperte le candidature all’Innovation Award di ASHRAE e OzonAction

innovation award

Sono aperte le candidature all’Innovation Award di ASHRAE e OzonAction: sarà possibile iscriversi sino al 1° settembre 2020.

Il premio promuove le innovazioni nell’ambito del design, della ricerca e della pratica, riconoscendo il valore dei progetti che hanno portato le nazioni in via di sviluppo a minimizzare l’uso dei refrigeranti ad alto GWP nelle operazioni di refrigerazione e condizionamento dell’aria.

I lavori candidati devono essere stati svolti all’interno di una nazione in via di sviluppo, come indicato dall’Articolo 5, paragrafo 1 del Protocollo di Montreal.

Il premio è organizzato da ASHRAE e da UNEP (UN Environment Programme) e viene assegnato con cadenza annuale. Continua a leggere

Lotta ai refrigeranti illegali: come segnalare i traffici alle Nazioni Unite – UNEP

UNEP-new-logo

Disponibile un pratico modello standard per segnalare traffici (oltre ai sequestri di gas e strumentazioni) all’Ozone Secretariat dello United Nations Environment Programme, e contribuire così alla lotta ai refrigeranti illegali.

Il documento, una volta compilato, può essere inviato direttamente via email all’Ozone Secretariat (rabbiosi@un.org oppure mea-ozoneinfo@un.org).

Ciò vale in particolare per i sequestri segnalati al “Global Montreal Protocol Award for Customs and Enforcement Officer“, il premio nato per valorizzare il grandissimo lavoro che le dogane e le forze dell’ordine compiono ogni giorno per stroncare i traffici illegali, traffici che mettono a rischio i risultati di salvaguardia ambientale ottenuti grazie al Protocollo di Montreal.

Lo stesso Centro Studi Galileo, più importante ente per la Formazione sul Freddo e da anni collaboratore delle Nazioni Unite, ha ospitato, di recente, un webinar con l’associazione EFCTC destinato a sensibilizzare sulla lotta ai refrigeranti illegali.

Continua a leggere

AREA, pubblicato l’Annual Report

Catturaareareport

AREA ha pubblicato l’Annual Report 2019: al centro il rapporto con le Nazioni Unite, AREA Vision 2025, la lotta ai refrigeranti illegali e la valorizzazione del capitale umano.

Il documento, pubblicato sul sito ufficiale di AREA, ha messo in luce ed evidenziato alcuni punti cardine, a partire dalle parole del Presidente, Marco Buoni (anche segretario di ATF e direttore del Centro Studi Galileo), da maggio 2018 primo italiano alla guida dell’associazione, che ha ancora una volta ricordato il grandissimo impegno dei Tecnici del Freddo anche in questo periodo senza precedenti, e i grandissimi risultati che AREA ha conseguito nel corso del 2019, dalla firma del Memorandum of Understanding con UNEP, nel corso del 31° MOP alla costante lotta portata avanti giorno dopo giorno per contribuire a ridurre le emissioni di gas a effetto serra. Continua a leggere

Da UNIDO, una nuova newsletter dedicata al Protocollo di Montreal

Catturaozo

Disponibile nuova Newsletter da UNIDO (United Nation Industrial Development Organization): aggiornamenti trimestrali sul Protocollo di Montreal, sul mondo della refrigerazione e sulla lotta ai cambiamenti climatici.

La nuova newsletter di UNIDO, con cadenza trimestrale e gestita da MPD, la Montreal Protocol Division, si unisce alle numerose attività collegate a quello che è stato, e rimane tuttora, uno dei trattati ambientali più efficienti ed efficaci di sempre. UNIDO, negli ultimi 30 anni, ha contribuito a numerosi innovativi progetti legati al taglio delle sostanze che ledono lo strato di Ozono, e conseguentemente alle nuove sfide che il più recente Emendamento di Kigali proporrà, il lancio della newsletter sarà un ottimo metodo con contribuire a diffondere e a far conoscere il lavoro svolto. Continua a leggere

Coronavirus, rinvio anche per la COP26 ma l’Europa c’è: con il progetto SURE, 100 miliardi per salvare i posti di lavoro

Commissione_europea (1)

COP26, la ventiseiesima grande conferenza internazionale sul Clima, sarà rinviata per tornare ancora più in grande nei prossimi mesi. Nel frattempo, l’Europa smuove 100 miliardi per salvare i posti di lavoro messi a rischio dalla crisi sanitaria

Il 1 ° aprile, in seguito all’annuncio da parte della Presidenza britannica che la COP26 sarà rinviata (come parte della lotta contro COVID-19), la Commissione Europea ha informato che i lavori non rallenteranno, così da mettere in cantiere un evento ancor più ambiziosa, quando avrà luogo.

La Commissione ha confermato che presenterà entro settembre 2020 un piano di valutazione d’impatto per aumentare le ambizioni dell’UE per il 2030, così da ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 50-55% rispetto ai livelli del 1990.Proseguiranno anche o lavori per presentare un ancor più efficiente Nationally Determined Contribution to the United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCCC), in linea con l’impegno dell’UE ai sensi dell’accordo di Parigi. Infine, la Commissione continuerà a lavorare a livello internazionale per incoraggiare i suoi partner amostrarsi ancora più ambiziosi per concretizzare gli obiettivi dell’Accordo di Parigi.

Seconda risposta a Covid-19 (Coronavirus Response Investment Initiative Plus – CRII+) – Il 2 aprile, la Commissione europea ha presentato il suo secondo “pacchetto” di misure per rispondere alla crisi innescata dalla diffusione di COVID-19, CRII +. Continua a leggere

L’inverno Europeo più caldo di sempre: otto anni di cambiamenti climatici

cambiamento-climatico-evoluzione-del-clima-3-696x696

Un dato registrato dal Copernicus Climate Change Service: la “febbre del pianeta”, iniziata nel 2012, continua a segnare nuovi picchi e a destare preoccupazioni.

Copernicus Climate Change service (C3S), creato dalla Commissione europea e dal Centro Europeo per le Previsioni Meteorologiche a Medio Termine, pubblica mensilmente bollettini sul clima mettendo insieme miliardi di dati analizzati e processati al fine di avere quadri plausibili delle situazioni climatiche, sui quali i decisori politici possono poi basarsi per operare.

1,4° in più rispetto al 2015/16: questo il dato del caldo record di questo Inverno. Pur trattandosi di un caso limite, è del tutto plausibile che il fenomeno sia stato estremizzato dai fenomeni di riscaldamento globale, anche se si tratta di un dato che può indurre in errore, essendo le temperature stagionali estremamente variabili di anno in anno. Continua a leggere

EPEE, si farà via Webinar l’incontro del 24 Marzo sulla refrigerazione sostenibile “Count on Cooling”

eppe webinar

Con una nota ufficiale, Andrea Voigt, Direttrice Generale di EPEE, ha annunciato che gli eventi e la Conferenza Stampa previsti per il 24 Marzo sulla Refrigerazione Sostenibile si svolgerà via webinar, per venire incontro alle problematiche insorte a causa della diffusione di COVID-19.

Il calendario dell’appuntamento subirà pertanto alcune piccole variazioni per poter risultare fruibile tramite i supporti digitali, facendo di necessità virtù e sfruttando uno dei più potenti strumenti a disposizione per ovviare alle limitazioni dovute all’attuale situazione.

Il programma della giornata vedrà quindi adattato per renderlo facilmente fruibile via web, e suddiviso in una serie di webinar consequenziali: Continua a leggere