Limitazione del riscaldamento globale a 1,5°C: l’importante contributo del settore della refrigerazione

riscaldamento-globale-640x640L’accordo di Parigi adottato da 195 nazioni alla 21a Conferenza delle parti dell’UNFCCC nel dicembre 2015 includeva l’obiettivo di rafforzare la risposta globale alla minaccia del cambiamento climatico “mantenendo l’aumento della temperatura media globale ben al di sotto dei 2°C al di sopra dei livelli preindustriali e proseguendo gli sforzi per limitare l’aumento della temperatura a 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali”.
Come parte della decisione di adottare l’Accordo di Parigi, il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) è stato invitato a produrre una speciale Relazione sul riscaldamento globale di 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali e relativi percorsi globali di emissione di gas a effetto serra.
Si stima che le attività umane abbiano causato circa 1,0°C di riscaldamento globale al di sopra dei livelli pre-industriali, con un probabile intervallo da 0,8°C a 1,2°C. Il riscaldamento globale dovrebbe raggiungere 1,5°C tra il 2030 e il 2052 se continuerà ad aumentare al ritmo attuale.
Limitare il riscaldamento globale a 1,5°C richiede transizioni “rapide e di ampia portata”.
Il rapporto esamina i percorsi disponibili per limitare il riscaldamento a 1,5 ° C analizzando azioni necessarie e conseguenze.
Gli investimenti complessivi di mitigazione dell’energia media annuale per il periodo dal 2015 al 2050 in percorsi che limitano il riscaldamento a 1,5°C sono stimati in circa 900 miliardi di USD. Un aumento degli investimenti relativi all’energia totale di circa il 12%.
Nel capitolo 4 della relazione, riguardante le principali emissioni di SLCF (Short-Lived Climate Forcer) che causano riscaldamento, l’IPCC sottolinea che il forzante radiativo degli HFC, utilizzato principalmente nella refrigerazione e nella climatizzazione, è attualmente piccolo ma in rapida crescita. Le opzioni di mitigazione  degli HFC includono alternative con effetti di riscaldamento ridotti, combinate idealmente con una migliore efficienza energetica in modo da ridurre contemporaneamente CO2 e co-emissioni. I costi per la maggior parte del potenziale di attenuazione  degli HFC sono stimati essere inferiori a USD 60 per tCO2-eq.
Le opzioni di mitigazione e adattamento relative all’uso del suolo e agli ecosistemi includono la perdita di cibo e la gestione dei rifiuti. Circa un terzo del cibo prodotto sul pianeta non viene consumato. In questo contesto, l’IIR ribadisce che la refrigerazione può dare un contributo significativo nell’affrontare il problema della perdita di cibo poiché la perdita di alimenti deperibili attraverso la mancanza di refrigerazione rappresenta oltre il 20% della produzione mondiale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...