Disponibili i manuali per la richiesta abilitazione e la comunicazione interventi alla Banca Dati FGAS

bancadati-interventiQuesta mattina è stata aperta l’area della Banca Dati FGAS riservata alla comunicazione degli interventi svolti su apparecchiature contenenti gas fluorurati.
Si tratta della sezione rivolta a imprese e persone in possesso di certificato che svolgono attività di installazione, manutenzione, riparazione, controllo delle perdite e smantellamento. Come noto, dal 25 settembre le imprese certificate (o le persone nel caso di imprese non soggette ad obbligo di certificazione) saranno tenute a comunicare alla Banca Dati FGAS le informazioni relative agli interventi effettuati su apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria, pompe di calore e celle frigorifero di autocarri e rimorchi frigorifero, apparecchiature fisse di protezione antincendio e commutatori elettrici.
A partire dal 10 settembre i soggetti obbligati alla comunicazione degli interventi possono richiedere al Registro FGAS le credenziali che consentono l’accesso alla Banca Dati e la comunicazione. L’accesso alla Banca Dati FGAS per la comunicazione degli interventi avviene con credenziali rilasciate dal Registro FGAS oppure con CNS o SPID. Per richiedere le credenziali è necessario accedere alla scrivania telematica dal sito www.fgas.it con le modalità consuete (firma digitale del legale rappresentante o di un suo delegato) e presentare una richiesta abilitazioni. Le credenziali vengono richieste dalle imprese certificate oppure dalle imprese non certificate per conto del proprio personale certificato. A questo link è possibile scaricare un manuale che descrive le procedure per presentare la pratica di richiesta abilitazioni.
Gli utenti potranno accedere all’area riservata dopo aver ricevuto dalla Banca Dati la notifica (via email) di avvenuta abilitazione. Per inserire i dati relativi agli interventi, l’accesso avviene dal portale Banca Dati FGAS, raggiungibile dal sito https://bancadati.fgas.it. A supporto della procedura per la comunicazione degli interventi, è disponibile a questo link un secondo manuale operativo.


Questo articolo è offerto da Centro Studi Galileo, il più autorevole Centro Formativo in Italia, considerato uno dei primi in Europa e nel mondo, per l’attività di formazione (Corsi) e informazione (Convegno Europeo) nei settori della refrigerazione e del condizionamento.
Fondato nel 1975 ha formato circa 60mila Tecnici e da sempre collabora con realtà internazionali, sviluppando partnership di altissimo livello con le Nazioni Unite, l’Istituto Internazionale del Freddo e la Commissione Europea. Le Nazioni Unite hanno scelto Centro Studi Galileo per la formazione dei Tecnici nei paesi in via di sviluppo.
È Editore di Industria&Formazione, la prima rivista italiana del settore.
Dal Centro Studi Galileo, recependo le direttive europee e nazionali, nascono il Patentino Europeo Frigoristi e il Patentino Italiano Frigoristi, Certificazioni che hanno permesso ai Tecnici italiani del Freddo di battere la concorrenza a basso costo e dare piena dignità ad una Professione che meritava da tempo di essere riconosciuta offrendo una Patente ai Tecnici che operano con capacità tecniche, senza rischi e a impatto zero.

Rispondi