2019: l’indagine di Assoclima evidenzia l’ottima annata della climatizzazione

13_Logo-Assoclima

Assoclima ha pubblicato i risultati dell’indagine trimestrale, che ha messo in evidenza un andamento in crescita rispetto al 2018 e confermato che il settore, in Italia, gode di ottima salute.

L’indagine di Assoclima, che ha fatto riferimento al solo mercato italiano, escludendo quindi produzione ed esportazione, ha evidenziato una serie di incrementi: le apparecchiature a espansione diretta hanno registrato un +8,3% a volume e +8,6% a valore per i sistemi monosplit, +9,8% a volume e +9,1% a valore per i sistemi di tipo multisplit e infine +8,1% a volume e +8,5% a valore per i sistemi miniVRF e VRF.

I condizionatori monoblocco e trasferibili, invece, hanno registrato una crescita a volume del +7,5% a fronte tuttavia di un decremento a valore del -2,6%.

Sono stati registrati dati positivi anche per i condizionatori packaged e rooftop: nello specifico, +14% a volume e +29,8% a valore.

Si mantiene in crescita anche il trend delle apparecchiature idroniche condensate ad aria: non solo si sta confermando l’affermazione delle versioni a pompa di calore, che hanno registrato un incremento del +11,4% a volume e del 14,5% a valore, ma anche aumenti consistenti in numerose fasce di potenza. Il dato può essere messo in correlazione, invece, con il calo delle unità da solo raffreddamento, elementi che portano il comparto a chiudere nel complesso il 2019 con incrementi del 9,5% a volume e dell’11,5% a valore.

Una situazione simile si è verificata per i gruppi refrigeratori di liquido con condensazione ad acqua: crescono le pompe di calore, che registrano un +13.2% a volume e un +44,7% a valore, mentre calano le macchine per il solo freddo, -2,3% a volume.

Registrano un trend positivo anche le centrali di trattamento aria, +1,8% a volume e +11,6% a valore, e le unità terminali. Per queste ultime, l’indagine di Assoclima ha messo in evidenza come abbiano mantenuto andamento positivo tutti i tipi di ventilconvettori: a fronte di una crescita complessiva del 6% a volume e dell’8,3% a valore, dati più specifici hanno evidenziato aumenti per ogni tipologia: standard con mantello (+3,7% a volume e +3,6% a valore), standard senza mantello (+1,8% a volume e +6,2% a valore), cassette (+10,3% a volume e +13,2% a valore) e hi-wall (+20,5% a volume e +20,8% a valore).

ASSOCLIMA è l’Associazione dei costruttori di Sistemi di Climatizzazione federata ad ANIMA Confindustria Meccanica Varia.
Nata nel 1964 come Co.Aer (Associazione costruttori apparecchiature ed impianti aeraulici), rappresenta un settore industriale con più di 60 aziende associate, 7.200 addetti per un fatturato totale di 2.155 milioni di euro e una quota export/fatturato del 30%.

Obiettivo fondamentale di ASSOCLIMA è contribuire al miglioramento dell’efficacia e dell’efficienza dei sistemi di climatizzazione, perseguendo sia il benessere delle persone sia la salvaguardia dell’ambiente. In ASSOCLIMA confluiscono vari gruppi merceologici: pompe di calore, apparecchiature per la climatizzazione e apparecchi terminali, torri di raffreddamento, ventilatori, componenti per la distribuzione e la diffusione dell’aria, filtri per l’aria, scambiatori di calore.

Rispondi