pexels-photo-2186257.jpeg

USA, chiesto il bando delle bombolette di ricarica “fai da te” dei condizionatori nelle auto

pexels-photo-2186257.jpeg
Photo by Athena on Pexels.com

L’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti ha dichiarato all’inizio dell’anno 2020 che è stata richiesta di vietare la vendita delle “bombolette di ricarica” contenenti gas refrigerante, come parte delle limitazioni all’uso di idrofluorocarburi (HFC).

L’Institute for Governance & Sustainable Development (IGSD) ha chiesto all’Environmental Protection Agency (EPA) di applicare la stessa logica delle “restrizioni di buon senso” contenute nel Washington House Bill 1050, recentemente approvato.

Il disegno di legge Washington afferma che nessuno può vendere, acquistare o offrire in vendita bombolette di ricarica per la refrigerazione “con un potenziale di riscaldamento globale (GWP) superiore a150, o contenuto in un contenitore progettato per la ricarica dell’aria condizionata degli autoveicoli, anche in caso di assistenza o riparazione”.

Anomalie simili si riscontrano in altre parti del mondo, dove, indipendentemente dalle crescenti restrizioni all’acquisto di HFC da parte del commercio esperto, i clienti possono facilmente acquistare kit di ricarica dell’aria condizionata per auto.

Nel Regno Unito e in Europa, ad esempio, le linee guida sui gas fluorurati vietano sia l’acquisto che l’uso di refrigeranti HFC privi della licenza/accreditamento essenziale. Tuttavia, i negozi di accessori per auto in molte economie europee sono ancora liberi di vendere il gas destinato alla “ricarica” ​​dell’aria condizionata dei veicoli.

Negli Stati Uniti, le linee guida dell’EPA richiedono che le bombolette abbiano un regolatore autosigillante, ma questo si applica solo alle lattine con refrigerante studiate per ricaricare gli impianti. L’Integrated Goods and Services Tax (IGSD) sostiene che la ricarica di un sistema di climatizzazione mobile che presenta perdite non risolve il problema: occorre una riparazione.

Questo divieto aumenterà anche la sicurezza“, afferma l’IGSD nella sua petizione, che è ancora in fase di revisione da parte dell’EPA. Un certo numero di prodotti “refrigeranti” vengono attualmente venduti a fai-da-te senza adeguate competenze, una minaccia per la sicurezza dato il rischio di venire immessi in sistemi automobilistici non destinati a loro.

“Un sito industriale, di recente, ha riscontrato che i contenitori di ricarica dei consumatori apparentemente contengono un cocktail di refrigeranti illegali e ozonolesivi, afferma l’IGSD.

I clienti che utilizzano queste bombolette mettono anche in pericolo i futuri possessori dei veicoli in caso di rivendita del mezzo, così come i tecnici dell’assistenza che potrebbero essere chiamati per rimuovere il refrigerante o riparare il sistema alla fine del ciclo di vita del veicolo. Una riparazione fai-da-te impropria può anche danneggiare le apparecchiature di riciclaggio e recupero del refrigerante utilizzate dagli esperti, con un costo di migliaia di dollari alle piccole imprese.

Questo articolo è offerto da Centro Studi Galileo, il più autorevole Centro Formativo in Europa, considerato uno dei primi nel mondo, per l’attività di formazione (Corsi) e informazione (Convegno Europeo) nei settori della refrigerazione e del condizionamento.
Fondato nel 1975 ha formato circa 60mila Tecnici e da sempre collabora con realtà internazionali, sviluppando partnership di altissimo livello con le Nazioni Unite, l’Istituto Internazionale del Freddo e la Commissione Europea. Le Nazioni Unite hanno scelto Centro Studi Galileo per la formazione dei Tecnici nei paesi in via di sviluppo.
È Editore di Industria&Formazione, la prima rivista italiana del settore.
Dal Centro Studi Galileo, recependo le direttive europee e nazionali, nascono il Patentino Europeo Frigoristi e il Patentino Italiano Frigoristi, Certificazioni che hanno permesso ai Tecnici italiani del Freddo di battere la concorrenza a basso costo e dare piena dignità ad una Professione che meritava da tempo di essere riconosciuta offrendo una Patente ai Tecnici che operano con capacità tecniche, senza rischi e a impatto zero. Per info scrivere a corsi@centrogalileo.it 

Rispondi