Crescita record per il mercato europeo delle pompe di calore nel 2021

Da www.ehpa.org:
Le vendite di pompe di calore sono cresciute del 34% in Europa, un record storico, come rivelano i dati pubblicati oggi dalla European Heat Pump Association.

Commentando il contesto globale, Rana Adib, Direttore Esecutivo dell’ente per le energie rinnovabili REN21, ha dichiarato: 

Se si guarda ai settori del riscaldamento e del raffrescamento, che rappresentano oltre il 50% del consumo totale di energia, le energie rinnovabili rappresentano solo l’11%. La recente crisi energetica mette in evidenza quanto sia importante disporre di una soluzione efficiente in termini di costi, affidabile e rinnovabile, basata su un sistema energetico nel quale le pompe di calore oggi svolgono un ruolo fondamentale in Europa e oltre.” 
 
In Europa, lo scorso anno, tutti i mercati nazionali delle pompe di calore hanno registrato una crescita sostanziale, con non pochi picchi di eccellenza. I maggiori guadagni relativi per le pompe di calore (riscaldamento) sono stati ottenuti in Polonia (con un aumento dell’87%), Irlanda (+69%), Italia (+63%), Slovacchia (+42%) Norvegia, Francia (entrambe +36%) e Germania (+28%). 

L’87% del volume del mercato europeo è stato venduto in soli dieci paesi (Francia, Italia, Germania, Spagna, Svezia, Finlandia, Norvegia, Polonia, Danimarca e Paesi Bassi). I primi tre paesi, Francia, Germania e Italia, hanno rappresentato la metà delle vendite annuali.  

I cinque maggiori mercati europei delle pompe di calore, in termini di unità vendute (pompe di calore e unità per acqua calda), nel 2021 sono stati Francia (537.000 unità vendute, +36%), Italia (382.000, +64%), Germania (177.000, +26% ), Spagna (148.000, +16%) e Svezia (135.000, +19%).

I maggiori incrementi assoluti rispetto al 2020 sono stati raggiunti in Italia (150.000 unità vendute in più rispetto al 2020 – un chiaro risultato degli incentivi governativi), Francia (+143.000), Polonia (+43.000), Germania (+37.000) e Norvegia (+33.000).

Queste cifre potrebbero salire ulteriormente l’anno prossimo, quando il piano REPowerEU per eliminare il gas russo e i suoi ambiziosi obiettivi per le pompe di calore prenderanno il via. Tuttavia, vediamo limitazioni nella fornitura di componenti che potrebbero smorzare l’aumento. Qui vediamo la necessità di un piano d’azione dell’UE per l’accelerazione delle pompe di calore, per garantire una crescita regolare ed evitare strozzature nell’approvvigionamento o nelle risorse umane“, ha aggiunto Jozefien Vanbecelaere, Head of EU Affairs presso l’European Heat Pump Association.

CLICCA QUI PER SCARICARE LA PRESENTAZIONE

Appunti:

* I 21 paesi coperti sono Austria, Belgio, Svizzera, Repubblica Ceca, Germania, Danimarca, Estonia, Spagna, Finlandia, Francia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lituania, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Svezia, Slovacchia e UK.  

** Basato sull’ipotesi da 150 a 120 milioni di edifici residenziali e per uffici nell’UE-28 

Rispondi