La piattaforma e-learning sui refrigeranti alternativi REAL Alternatives 4 LIFE è ora disponibile in 15 lingue

realalternativesforlife-1.jpgLa piattaforma di apprendimento online del progetto UE REAL Alternatives 4 LIFE continua a crescere ed è stata aggiornata. Adesso sale a ben 15 il numero di lingue in cui è disponibile (incluso ovviamente l’ITALIANO).
Nell’ambito dell’attività formativa di preparazione all’utilizzo dei nuovi gas a basso impatto ambientale nella refrigerazione e nel condizionamento (idrocarburi ammoniaca, R32, A2L, etc.), Centro Studi Galileo e Associazione Tecnici del Freddo sono formatori ufficiali di questo progetto, sia per i corsi online sia per quelli in aula.
Grazie a questo aggiornamento, la nuova piattaforma di apprendimento (disponibile a questa pagina) include ora video dimostrativi con informazioni utili sui refrigeranti infiammabili e l’anidride carbonica. Continua a leggere

Video del WEBINAR “Sei pronto ad utilizzare i nuovi refrigeranti HC e CO2?”

image

Clicca sull’immagine per accedere al video

Venerdì 1 febbraio è andato in onda un nuovo webinar targato Centro Studi Galileo sul tema “Sei pronto ad utilizzare i nuovi refrigeranti HC e CO2?”. Hanno partecipato Giacomo Pisano di Officine Mario Dorin e di Sergio Mozzato di Wigam.
Moderatore dell’incontro Federico Riboldi, Responsabile della Comunicazione Istituzionale dell’Associazione dei Tecnici Italiani del Freddo.
Continua a leggere

Il 21 febbraio il Convegno “Dalla F-Gas ai refrigeranti alternativi: impatto su impianti nuovi ed esistenti”

Convegno Refrigera_21 febbraioAl Convegno, patrocinato dal Ministero dell’Ambiente, oltre ai maggiori esperti internazionali, interverranno le Nazioni Unite, la Commissione Europea e l’AREA.
Refrigera, l’unica manifestazione nazionale dedicata esclusivamente all’intera filiera della refrigerazione industriale, commerciale e logistica, sarà sede del Convegno “Dalla F-Gas ai refrigeranti alternativi: impatto su impianti nuovi ed esistenti”, organizzato da Centro Studi Galileo e Associazione Tecnici del Freddo.

L’evento, premessa al XVIII Convegno Europeo, ha ottenuto il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Si svolgerà giovedì 21 febbraio dalle ore 14 alle 18 presso la Sala A – Auditorium Lord Kelvin di Piacenza Expo. Continua a leggere

Webinar gratuito Real Alternatives 4 LIFE sui refrigeranti alternativi

Real-Alt-Master-logo-300dpi-CMYK-Il progetto UE REAL Alternative 4 LIFE organizza un webinar per rafforzare la formazione associata all’uso di refrigeranti alternativi a basso GWP (fluidi naturali, CO2,  idrocarburi, ammoniaca, HFO).
Per assistere al webinar, in programma il prossimo mercoledì 13 febbraio dalle ore 15 alle 16, è sufficiente registrarsi al seguente indirizzo.
Il progetto, co-finanziato dal LIFE programme dell’EU’s funding instrument for the environment and climate action, ha l’obiettivo di approfondire le “alternative reali” agli attuali gas refrigeranti che provocano cambiamenti climatici. Continua a leggere

Nuovo corso “Impianti ad ammoniaca” a Roma

impianti ammoniaca casale aprNell’ambito dell’attività formativa di preparazione all’utilizzo dei nuovi gas a basso impatto ambientale nella refrigerazione e nel condizionamento, Centro Studi Galileo propone per la prima volta nella sede di Roma il corso “Impianti ad ammoniaca e nozioni per acquisire il patentino gas tossici”. Il corso della durata di 13 ore è articolato in due giornate, lunedì 28 e martedì 29 gennaio, dalle ore 9 alle 12.30 e dalle ore 14 alle 17.
I refrigeranti naturali stanno trovando spazio in tutte le applicazioni. In particolare, l’ammoniaca si sta dimostrando molto efficiente nel campo delle applicazioni industriali ed è uno dei nuovi refrigeranti HFO (insieme ad HFO e fluidi naturali, idrocarburi e CO2) che viene pure presentato dal progetto UE REAL Alternatives 4 Life come alternativa agli attuali gas refrigeranti che provocano cambiamenti climatici. Continua a leggere

Video del webinar “REAL Alternatives 4 LIFE” trasmesso ad AHR Expo

image008Si è conclusa la seconda giornata di AHR Expo 2019, la fiera internazionale su attrezzatura, sistemi, componenti e tecnologia per l’industria del condizionamento dell’aria, riscaldamento, refrigerazione e ventilazione, in programma dal 14 al 16 gennaio ad Atlanta.
Durante la manifestazione, alle ore 14.30 locali di ieri, si è svolto un importante seminario dal titolo “Low GWP Alternative Refrigerants for Cooling – Skills Needs and Solutions“. Il workshop aveva l’obiettivo di far conoscere quali sono le principali sfide nell’utilizzo di refrigeranti con un GWP basso su larga scala. In particolare, si è parlato della sicurezza, dell’affidabilità e di questioni ambientali relative ai nuovi refrigeranti HFO e ai fluidi naturali come CO2, ammoniaca e HC. Continua a leggere

Tutte le Interviste tratte dal Convegno MCE2018 su le Ultime Tecnologie del Freddo e Condizionamento #EUconfRAC

#EUconfRAC – I maggiori esperti del settore commentano quale sarà il futuro del settore alla luce delle evoluzioni tecnologiche e ad i cambiamenti normativi obbligatori che ci vedono eliminare i refrigeranti ad alto impatto ambientale e alto GWP a favore dei refrigeranti alternativi

III CONSULTATION FORUM DELLA COMMISSIONE EUROPEA SUL PHASE DOWN DEI REFRIGERANTI: rese note le minute dell’incontro.

IMG_9339.jpg

Reso noto sul sito della Commissione europea il testo con le minute dell’incontro: 3° Meeting Consultation Forum sulla regolamentazione (EU) No 517/2014 sui refrigeranti fluorurati del 6 Marzo 2018, 10:00 – 16:30
scaricale al link qui sotto:

https://industriaeformazione.it/wp-content/uploads/2018/03/2018_03_06_summary_minutes_en.pdf

Si evidenziano in questo testo le barriere da superare per il pieno e veloce successo del cambiamento verso i refrigeranti a minor impatto ambientale:

  • l’aggiornamento degli standards in particolare per il condizionamento dell’aria negli edifici pubblici,
  • la formazione e la crescita delle competenze nell’uso dei refrigeranti del futuro che saranno per la maggior parte infiammabili,
  • il controllo della disponibilità dei refrigeranti e i loro prezzi.

Nel documento è pure presente l’elenco dei partecipanti all’incontro stesso.

Il Convegno dei Record a MCE: l’industria del freddo a grandi passi verso i refrigeranti del futuro

Panoramica

250 partecipanti al convegno sui refrigeranti e componenti del futuro

Numeri da record e presenza internazionale per Centro Studi Galileo e Associazione dei Tecnici italiani del Freddo a MCE
Numeri da record per il Convegno Europeo promosso da Centro Studi Galileo e Associazione dei Tecnici Italiani del Freddo presso MCE. Il più partecipato evento della fiera leader per la refrigerazione in Europa ha preso le mosse dal format collaudato dei Convegni Europei, promossi da 34 anni da Centro Studi Galileo.
Numerosi e qualificati gli ospiti in Sala. Saluto iniziale di Marco Buoni, VicePresidente AREA, Segretario Generale ATF e Direttore Centro Studi Galileo che ha riportato la preoccupazione di tutti gli operatori del settore “Siamo di fronte al più grande cambiamento di sempre. L’aumento dei prezzi del refrigerante è visto positivamente dalla Commissione europea per velocizzare la transizione ai nuovi gas ma esiste una difficoltà oggettiva di approvvigionamento e ci sono pratiche scorrette di vendita dei gas anche evidenziate da programmi televisivi nazionali come Striscia la Notizia. L’emendamento di Kigali verrà attuato da tutte le nazioni mondiali nei prossimi anni, l’Europa si dimostra innovatore e precursore. Questo è il futuro dinamico che ci aspetta e che grazie ad una formazione e informazione di qualità quale ATF e CSG hanno dimostrato di poter erogare, potrà essere percorso con un salto in positivo verso un miglioramento ambientale, culturale, sociale ed economico”.
In apertura di Convegno è intervenuto Didier Coulomb, Presidente dell’Istituto Internazionale della Refrigerazione, seguito dal leader di tutti i Tecnici Europei del Freddo, il Presidente AREA Per Jonasson.
Ospite d’onore il Presidente Assoclima Roberto Saccone, che oltre al saluto dell’associazione amica ha portato un messaggio di condivisione, da parte dell’industria della climatizzazione, del percorso di phase down dei refrigeranti dannosi che i Tecnici del Freddo stanno affrontando con tenacia. Non ha nascosto tuttavia le difficoltà oggettive che l’industria sta vivendo “per le macchine a espansione diretta di media e grande potenza (VRF) e per le apparecchiature idroniche di potenza medio-piccola non è ancora disponibile una componentistica omologata per l’utilizzo dei nuovi fluidi che consenta di rispettare i parametri di efficienza obbligatori dal 1° gennaio 2018.”
Il simposio è stato diviso in due sessioni coordinate dai Professori Alberto Cavallini, Università di Padova, Ennio Macchi, Politecnico di Milano e Marco Masoero, Politecnico di Torino.
I più importanti aspetti sottolineati dai primi 3 presidenti e dai 3 coordinatori sono stati le Criticità attuali e future e gli adeguamenti necessari nel brevissimo termine.
Difatti le criticità provocate da questo repentino cambiamento portano a penalizzazione delle prestazioni dovute all’utilizzo di nuovi gas, ai problemi di aumenti dei costi e di approvvigionamento.
E’ stato sottolineato più volte come sul mercato vi sia carenza di R410A, il gas refrigerante per condizionatori e pompe di calore, molto utilizzato nel nostro paese e meno nel nord Europa; questo prodotto infatti dall’inizio del 2018 è sempre meno disponibile per via delle quote imposte dalla normativa sui gas fluorurati ed ancora oggi occupate dai gas ad alto GWP R404, R507 che con un opuscolo le 4 associazioni AREA, ASERCOM, EPEE e EFCTC hanno con forza invitato ad eliminare.
Queste condizioni impongono un’evoluzione dell’intero settore verso gas refrigeranti naturali (come CO2 e propano) o verso altri fluidi sintetici con basso GWP. Naturalmente questi fluidi ‘nuovi’, come ad esempio R448A, R449A, R452A ed R32, possono avere delle prestazioni inferiori rispetto ai più diffusi HFC, motivo per cui anche i produttori di impianti dovranno necessariamente riuscire ad adattare le proprie produzioni per realizzare impianti che ottimizzino l’efficienza e che utilizzino i nuovi fluidi refrigeranti a basso potenziale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Continua a leggere