Rio 2016, allarme virus Zika. Il brasile lo combatte con aria condizionata per tutti

ddb9cb03-77d9-4586-8c09-024eef9c57a4-large16x9_ZikaVirusIl virus Zika fa discutere il mondo sui possibili rischi di contagio in occasione delle Olimpiadi di Rio 2016. Il Presidente del Comitato Rio 2016 rassicura tutti che la questione è tra le priorità del governo brasiliano. Tutto sta avvenendo sotto osservazione dell’OMS che ha appena terminato una missione di ricerca e controllo a Rio.
Il primo rimedio messo in campo riguarda il nostro settore: il comitato olimpico ha deciso di far installare aria condizionata in tutte le strutture che gli atleti utilizzeranno in occasione della manifestazione abbinate a zanzariere in grado di fermare gli insetti portatori del morbo.
Il virus zika sta diventando sempre più un problema globale particolarmente per la facilità di diffusione.
Il direttore dell’Istituto di medicina e scienza dello sport Antonio Spataro ha dichiarato: ”L’allarme sul virus Zika è ingiustificato perché la situazione è ben sotto controllo. Il Brasile sta facendo di tutto per bonificare con la disinfestazione tutte le zone da cui può originare la zanzara e noi facciamo tutto quello che è necessario. Consigliare se andare o meno alle Olimpiadi? Assolutamente sì, direi di andare a vedere queste bellissime Olimpiadi. Tra gli atleti finora non ho percepito paura né reticenza a gareggiare in Brasile. Fino a qualche giorno fa ci sono stati i ragazzi della Nazionale di tuffi tranquillamente e senza nessun problema. I nostri atleti sono tranquilli“.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...