LA GUIDA AREA “PROCEDURE E UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE PER I REFRIGERANTI A BASSO GWP” tradotta in 7 lingue!

russiaLa Guida dell’Associazione Europea dei Tecnici del Freddo AREA, scritta dal VicePresidente Marco Buoni, è stata tradotta in ben 7 lingue! Le più recenti russo e turco.
Un successo tributato ad una pubblicazione fondamentale per conoscere le procedure di sicurezza e le attrezzature necessarie per gestire i refrigeranti infiammabili, in particolare gli A3 e gli A2L definiti nello standard ASHRAE 34-2013, ma ancora non totalmente recepiti nella Comunità Europea.
L’Europa ha iniziato a spron battuto il percorso di aggressione agli HFC per arrivare ad una loro riduzione significativa nell’ambito degli accordi internazionali (tra tutti il protocollo di Montreal che ha poi dato impulso al regolamento UE 842/2006, oggi superato dal nuovo  regolamento  517/2014) e l’industria è alla ricerca delle soluzioni ottimali per i refrigeranti che potranno consentire il raggiungimento di tali obiettivi.
Tra le possibili soluzioni vi sono i refrigeranti infiammabili, che stanno affermandosi significativamente sul mercato per tramite delle applicazioni automotive e dei refrigeratori del tipo Plug In, assumendo un ruolo che sarà sempre più importante in futuro.
turchiaIn generale, sarà possibile perseguire gli obiettivi di riduzione del GWP con soluzioni legate ai refrigeranti naturali (tra cui compaiono gli HC, idrocarburi, come lo R290 e l’R600) o con ritrovati della chimica, i numerosi nuovi refrigeranti sintetici, che, in gran parte, risultano essere moderatamente infiammabili. Abbiamo assistito alla massiccia introduzione sul mercato di condizionatori che utilizzano l’R32 o l’HFO R1234yf. Entrambi sono definibili come “leggermente infiammabili”, refrigeranti A2L che richiedono una certa conoscenza della materia e competenze specifiche.
Questo include strumentazione dedicata e soluzioni studiate appositamente per i refrigeranti infiammabili.
“Vedremo un ampio utilizzo di refrigeranti moderatamente infiammabili, che saranno sempre più presenti sul mercato a causa della necessaria riduzione del GWP richiesto dalla UE, attuabile con una forte limitazione degli HFC, che ha portato all’accordo globale di Kigali”, ha commentato il Vice-Presidente di AREA e Segretario Generale dell’Associazione dei Tecnici del Freddo ATF Marco Buoni che conclude “Come AREA ci siamo assunti l’onore e l’onere di realizzare una guida pratica con i consigli per l’uso delle attrezzature al fine di gestire le caratteristiche dei nuovi refrigeranti in sicurezza”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...