La Svezia fa marcia indietro sugli Fgas

pompe di calore

L’industria svedese delle pompe di calore richiede una deroga alla fase di riduzione dei gas fluorurati europei.
In una lettera all’Agenzia svedese per l’ambiente, l’associazione svedese di pompe di calore Svenska Kyl & Varmepumpföreningen (SKVP) sostiene che l’industria delle pompe di calore si trova in una situazione “vulnerabile” a causa della progressiva eliminazione dell’uso di refrigeranti sintetici.

L’associazione richiede un’esenzione ai sensi dell’articolo 15.4 del regolamento sui gas fluorurati EU 517/2014, che consente un’esenzione dalla quota per un massimo di quattro anni per le applicazioni, i prodotti o le attrezzature, laddove le alternative non siano disponibili o non possano essere utilizzate per o motivi di sicurezza e / o quando non è possibile garantire una fornitura sufficiente di HFC senza comportare costi sproporzionati.
SKVP afferma di aver sempre supportato i principi di eliminazione graduale ed era consapevole che ciò avrebbe comportato una mancanza di accesso ai gas fluorurati con successivi aumenti di prezzo.
“Tuttavia, i recenti sviluppi ci hanno reso molto preoccupati per le possibilità di adempimento degli obiettivi ambientali e climatici svedesi ed europei”, si legge nella lettera.
Come il resto del settore della climatizzazione e della refrigerazione, i produttori di pompe di calore stanno studiando alternative, ma i refrigeranti a più basso GWP sono infiammabili e con applicazioni limitate in base alle norme edilizie attuali e agli standard del settore.
“I prezzi di mercato dei gas fluorurati sono aumentati notevolmente durante l’anno, in alcuni casi con un rialzo del 1000%”, afferma la lettera, firmata dal CEO di SKVP Per Jonasson, anche presidente dell’Associazione Europea AREA. “Tuttavia, è stato rilevato che la maggior parte degli operatori nel nostro settore, dai produttori, ai grossisti agli installatori, sono sempre più incapaci di ottenere la quantità necessaria di refrigerante per assicurare la consegna delle attrezzature e il funzionamento degli impianti”.
L’SKVP richiede l’esenzione per i prodotti elencati nella direttiva sulla progettazione ecocompatibile Lotto1 (caldaie e pompe di calore) e nel lotto 2 (scaldabagno e serbatoi di accumulo).

Vedi qui il comunicato originale (tradotto in automatico in italiano)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...