F-Gas: la proposta delle Associazioni tedesche

unnamedLe principali associazioni tedesche di settore si sono riunite il 2 febbraio scorso con le autorità politiche per discutere dell’attuale situazione dei gas refrigeranti utilizzati nell’industria HVAC. Luogo dell’incontro l’Agenzia Federale dell’Ambiente di Dessau.
La folta delegazione ha affrontato il tema della scarsità di alcuni refrigeranti, scottante ed estremamente di attualità per il settore, accompagnandolo alla raccomandazione di profondere ogni sforzo per la tutela dell’ambiente.
L’apertura del documento recita: “Le associazioni firmatarie sostengono espressamente tutti gli sforzi per ridurre in modo sostenibile le emissioni globali di gas serra. Le industrie che rappresentiamo contribuiscono in modo significativo agli obiettivi della protezione del clima attraverso soluzioni efficienti e fornitura di energie rinnovabili.
In particolare, le imprese supportano il meccanismo europeo di riduzione dei gas fluorurati implementato nel pertinente Regolamento UE 517/2014 tutelando tuttavia gli aspetti di carattere economico.
Il regolamento sui gas fluorurati interferisce anche con la struttura del mercato e presenta sfide difficili per le industrie interessate. Le industrie si sono preparate al meglio delle loro conoscenze sugli effetti attesi. Sono state adottate ampie misure di formazione e sviluppo per implementare la riduzione graduale. Tuttavia, questi sforzi trovano limiti nelle prestazioni economiche dei Tecnici, nei limiti tecnici negli impianti esistenti.”
Per superare le problematiche in premessa le Associazioni propongono di “dare alle imprese tempo sufficiente per la fornitura di nuove apparecchiature con refrigeranti a basso GWP e graduale riduzione della necessità di utilizzo sostituendo vecchie attrezzature al termine del loro ciclo di vita. Ciò deve avvenire senza una lunga revisione del regolamento e senza la concessione di deroghe di mercato. E’ necessaria inoltre la revisione delle norme in materia edilizia per espandere l’uso di refrigeranti infiammabili (A2L, A3).
Il regolamento sui gas fluorurati riguarda tutti gli impianti utilizzati nell’UE. Pertanto le normative vanno adeguate anche alle importazioni. Allo stesso tempo, i quantitativi in ​​attrezzature pre-caricate esportate dal mercato interno verso paesi terzi non devono essere conteggiate e quindi vanno riaccreditati. Questi dispositivi sono il 5% del totale.
Vanno inoltre profusi sforzi perchè tutto il mondo si adegui all’utilizzo di refrigeranti a basso GWP per evitare la concorrenza sleale in essere con le imprese europee.”

Il Documento completo in lingua tedesca e disponibile cliccando qui

Un pensiero su “F-Gas: la proposta delle Associazioni tedesche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...