Un piano di investimenti da mille miliardi per sostenere lo European Green Deal

Commissione_europea

La Commissione Europea, in seguito alla pubblicazione dello European Green Deal, ha presentato il relativo piano di investimenti, consultabile online, orientato al garantire un Adeguato Meccanismo di Transizione giusto e sostenibile.

Il piano di investimenti descrive le misure adottate, a livello politico, per rendere sostenibile l’intero progetto: la Commissione ha stimato che, per raggiungere gli obiettivi climatici ed energetici entro il 2030 sarà necessario impegnare fondi per circa 260 miliardi di Euro. Le fasi operative individuate dal documento sono tre: raccolta fondi, che dovrà portare al minimo mille miliardi di euro da fondi pubblici e privati; abilitazione, per costruire una rete operativa di investitori sia pubblici che privati, ed infine Execute, supporto alla pubblica amministrazione e ai promotori dei singoli progetti al fine di identificare, strutturare ed eseguire progetti sostenibili.

Il piano di investimento specifica una lunga serie di criteri e scadenze, nonché una serie di note, per ognuna delle fasi individuate, con l’obiettivo di ottimizzarne l’efficienza.

Per la fase di Abilitazione:

  • Adozione di una metodologia di tracking climatico, per valutare il contributo dei singoli investimenti;
  • Adozione di una “verifica di sostenibilià” per i singoli progetti;
  • Studiare una strategia rinnovata di sostenibilità finanziaria per l’autunno del 2020;
  • Proporre dei criteri o obiettivi minimi per gli appalti pubblici
  • Il primo principio dell’Efficienza Energetica sarà applicato a tutte le decisioni relative agli investimenti, al fine di evitare sprechi di risorse dovuti alla produzione di energia non richiesta.
  • Saranno destinati aiuti di stato per l’efficienza energetica degli edifici, per il teleriscaldamento e per l’economia circolare dei progetti.

Per la fase di Esecuzione:

  • La Commissione afferma che la disponibilità di progetti di investimento allineati al Green Deal dell’UE e compatibili con le aspettative e i requisiti degli investitori non corrisponde ancora alla domanda;
  • È stato proposto supporto tecnico agli Stati Membri per permettere riforme atte a permettere la crescita e lo sviluppo di strategie di investimento sostenibili;
  • Lo InvestEU Advisory Hub fornirà ampi e centralizzati servizi di consulenza;
  • La Commissione promuoverà uno strumento di “screening degli appalti sostenibili” che garantirà maggiore attenzione ambientalista ai progetti di infrastrutture pubbliche.

Per quanto concerne il Meccanismo di Adeguata Transizione:

  • La Commissione ha proposto un regolamento che istituisce un fondo di transizione equo, volto a sostenere le regioni che dipendono fortemente dai combustibili fossili per il loro approvvigionamento energetico e per la loro attività economica.
  • Il sostegno finanziario sarà diretto ai territori con elevata occupazione nella produzione di carbone, lignite, scisti bituminosi e torba, nonché nelle industrie ad alta intensità di GHG, per la riqualificazione dei lavoratori. I NECP saranno utilizzati come base per la valutazione delle esigenze.
  • InvestEU supporterà la creazione di nuove attività economiche nei territori interessati.
  • I progetti relativi alle infrastrutture di trasporto o di produzione energetica, che migliorano la connettività dei territori in transizione, possono beneficiare del sostegno del Fondo di Adeguata Transizione rispettando determinate condizioni.

Rispondi