Il Circolo Polare Artico registra le temperature più alte di sempre

Da www.bbc.com
All’inizio di giugno, alcune parti della Siberia hanno registrato 30 °C, mentre a maggio, Khatanga, in Russia – situata nel circolo polare artico a 72 gradi nord – ha stabilito un nuovo record di temperatura con 25,4 ° C.

In tutto il mondo si registrano record di temperatura anno per anno, ma l’Artico si sta riscaldando più velocemente di qualsiasi altra parte della Terra“, ha affermato il dott. Dann Mitchell, professore associato di scienze atmosferiche all’Università di Bristol. “Non sorprende quindi vedere i record infranti anche in questa regione., e ne vedremo ancora di più nel prossimo futuro.

Si tratta di prove del Climate Change?
Analisi di Simon King, meteorologo della BBC

Le ondate di calore nell’Artico non sono insolite. I modelli meteorologici di tutto il mondo possono allinearsi in modo tale che l’aria calda venga trasportata abbastanza lontano verso nord e l’aria più fredda dai poli verso sud.

Negli ultimi mesi, una vasta zona di alta pressione nella Russia orientale è risultata dominante. Ciò ha portato a venti meridionali che portano aria più calda vicino ai tropici, con conseguentemente temperature superiori alla media.

Tuttavia, la persistenza di questo schema meteorologico ha portato a una preoccupante longevità della scala di calore. Ciò è coerente con ciò che i climatologi ritengono che accadrà nell’Artico con i cambiamenti climatici.

La maggior parte degli scienziati concorda sul fatto che nel corso degli ultimi 30 anni l’Artico si è riscaldato ad una velocità doppia rispetto alla media globale.

Il grafico seguente mostra che in tutto il mondo, nel periodo 1960-2019, la temperatura media dell’aria è generalmente aumentata di circa 1 °C.

Tuttavia, mentre ti avvicini al Polo Nord – latitudine 90° – i rossi diventano più scuri. Questo mostra come la temperatura è aumentata qui più che in qualsiasi altro luogo, di circa 4 °C.

Graphic showing average air temperature changes from 1960-2019 globally

Perchè dovremmo preoccuparci del surriscaldamento dell’artico?

Il riscaldamento nell’Artico sta portando allo scongelamento del permafrost, una volta congelato permanentemente sotto terra.

Ciò è allarmante per gli scienziati perché quando si scongela il permafrost, viene rilasciato biossido di carbonio e metano precedentemente bloccati sottoterra.

Questi gas serra possono causare ulteriore riscaldamento e ulteriore scongelamento del permafrost, in un circolo vizioso noto come feedback positivo.

Le temperature più elevate fanno anche sciogliere il ghiaccio terrestre nell’Artico a una velocità maggiore, portando a un maggiore deflusso nell’oceano, ove contribuisce all’innalzamento del livello del mare.

Steve Rosenberg della BBC si reca nella foresta per vedere come i russi stanno affrontando gli incendi

C’è anche qui un elemento di feedback positivo, dice la BBC Weather, perché la perdita di ghiaccio bianco altamente riflettente significa che il suolo e il mare assorbono più calore. Anche questo porta a un maggiore riscaldamento.

Anche l’impatto degli incendi è da tenere in considerazione. L’estate scorsa hanno devastato intere parti dell’Artico. Sebbene siano comuni in estate, le alte temperature e i forti venti li hanno resi insolitamente severi.

In genere iniziano ai primi di maggio prima di raggiungere un picco in luglio e agosto, ma alla fine di aprile di quest’anno erano già dieci volte più grandi nella regione di Sibasnojarsk in Siberia rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, ha detto il ministro delle emergenze della Russia.

Hottest year ever?

Analysis box by Justin Rowlatt, chief environment correspondent

L’anno più caldo sempre?
Analisi di Justin Rowlatt, capo corrispondente per l’ambiente della BBC

Bè, il 2020 correrà sicuramente per il titolo.

Il Met Office, il servizio meteorologico nazionale del Regno Unito, ritiene che ci sia una probabilità 50:50 che sarà l’anno più caldo mai registrato.

Gran parte del Nord Europa e dell’Asia ha avuto una primavera eccezionalmente mite, e un inizio dell’estate con temperature di 10°C più elevate del normale in alcune aree.

L’anno più caldo fino ad oggi è stato il 2016. È ancora avanti, ma i margini sono “molto vicini”.

Questo, ovviamente, non sorprende nessuno.

Abbiamo sconvolto il bilancio energetico dell’intero pianeta“, avverte il professor Chris Rapley dell’University College di Londra. Anno dopo anno assistiamo a nuovi record di temperatura, afferma l’eminente scienziato del clima.

Questo è un messaggio di avvertimento della Terra stessa“, dice. “Lo ignoriamo a nostro rischio e pericolo.

Questo articolo è offerto da Centro Studi Galileo, il più autorevole Centro Formativo in Europa, considerato uno dei primi nel mondo, per l’attività di formazione (Corsi) e informazione (Convegno Europeo) nei settori della refrigerazione e del condizionamento.
Fondato nel 1975 ha formato circa 60mila Tecnici e da sempre collabora con realtà internazionali, sviluppando partnership di altissimo livello con le Nazioni Unite, l’Istituto Internazionale del Freddo e la Commissione Europea. Le Nazioni Unite hanno scelto Centro Studi Galileo per la formazione dei Tecnici nei paesi in via di sviluppo.
È Editore di Industria&Formazione, la prima rivista italiana del settore.
Dal Centro Studi Galileo, recependo le direttive europee e nazionali, nascono il Patentino Europeo Frigoristi e il Patentino Italiano Frigoristi, Certificazioni che hanno permesso ai Tecnici italiani del Freddo di battere la concorrenza a basso costo e dare piena dignità ad una Professione che meritava da tempo di essere riconosciuta offrendo una Patente ai Tecnici che operano con capacità tecniche, senza rischi e a impatto zero. Per info scrivere a corsi@centrogalileo.it 

Rispondi