EPEE, si chiude un’era: dopo undici anni, Andrea Voigt lascia la Direzione Generale

Andrea Voigt con Alberto Cavallini a giugno 2011, nel corso del suo primo Convegno Europeo al Politecnico di Milano

Dopo undici anni ai vertici dell’associazione EPEE, European Partnership for Energy and the Environment, Andrea Voigt ha deciso di lasciare la carica di Direttore Generale.

In una nota rilasciata dall’associazione, EPEE ha reso noto come il Direttore Generale, Andrea Voigt, “ha preso la decisione di aprire un nuovo capitolo della sua vita professionale“.

In rappresentanza di tutto il Comitato Direttivo, Jürgen Fischer ha voluto ringraziare il Direttore Voigt per l’eccellente lavoro svolto negli ultimi undici anni, che condotto EPEE a venire riconosciuto come un partner solido e rispettato da tutto il settore HVAC/R internazionale.

Anche il Presidente di AREA (Air conditioning and Refrigeration European Association), Marco Buoni, che negli ultimi anni ha collaborato in numerosissime occasioni con EPEE e Andrea Voigt, ha voluto esprimere il suo apprezzamento per quanto fatto nel corso degli anni: “AREA ringrazia il Direttore Andrea Voigt per grandissimo lavoro svolto, e per quanto ha fatto negli ultimi anni per tutto il settore: speriamo di conoscere presto il nome di chi erediterà l’incarico, per continuare insieme il percorso iniziato con Andrea e con EPEE“.

Andrea Voigt rimarrà in carica sino al 30 Giugno 2021, dando al partenariato circa sei mesi di tempo per decidere chi sarà a prendere il suo posto alla guida di EPEE, dopo di che entrerà a far parte del gruppo Danfoss, con il ruolo di Head of Group Public Affairs and Sustainability.

EPEE sta al momento seguendo numerosi progetti, dal cambio della Regolamentazione Europea F-Gas alle questioni relative alle sostanze PFAS: per Jürgen Fischer questa sarà l’occasione per dare nuovo slancio al partenariato, e rimarcare ancora una volta il fortissimo rapporto dell’associazione con gli argomenti che verranno affrontati nei prossimi anni, tanto quelli storici quanto quelli più recenti.

Questo articolo è offerto da Centro Studi Galileo, il più autorevole Centro Formativo in Europa, considerato uno dei primi nel mondo, per l’attività di formazione (Corsi) e informazione (Convegno Europeo) nei settori della refrigerazione e del condizionamento.
Fondato nel 1975 ha formato circa 60mila Tecnici e da sempre collabora con realtà internazionali, sviluppando partnership di altissimo livello con le Nazioni Unite, l’Istituto Internazionale del Freddo e la Commissione Europea. Le Nazioni Unite hanno scelto Centro Studi Galileo per la formazione dei Tecnici nei paesi in via di sviluppo.
È Editore di Industria&Formazione, la prima rivista italiana del settore.
Dal Centro Studi Galileo, recependo le direttive europee e nazionali, nascono il Patentino Europeo Frigoristi e il Patentino Italiano Frigoristi, Certificazioni che hanno permesso ai Tecnici italiani del Freddo di battere la concorrenza a basso costo e dare piena dignità ad una Professione che meritava da tempo di essere riconosciuta offrendo una Patente ai Tecnici che operano con capacità tecniche, senza rischi e a impatto zero. Per info scrivere a corsi@centrogalileo.it 

Rispondi