World Ozone Day, interviene anche il Segretario Generale delle Nazioni Unite: “Insieme possiamo vincere la minaccia dei cambiamenti climatici”

Anche António Guterres, attuale Segretario Generale delle Nazioni Unite, è intervenuto dal suo profilo Twitter per ricordare l’importanza della lotta congiunta al Climate Change, in occasione del World Ozone Day.

Ogni anno, a partire dal 1994, il 16 settembre si celebra la Giornata internazionale per la conservazione dello strato di ozono, nota anche come World Ozone Day, istituita per ricordare a tutti l’importanza dello strato di ozono per la nostra sopravvivenza sulla Terra.

Lo strato di ozono aiuta a sostenere la vita sulla Terra, creando un fragile scudo di protezione gassosa intorno al pianeta che lo protegge dai raggi nocivi del sole.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres ha colto l’occasione affermando dal suo profilo Twitter che il mondo ha un disperato bisogno della cooperazione che ha visto quando si è trattato di intervenire per proteggere lo strato di ozono, aggiungendo che il mondo può vincere la “corsa contro la minaccia esistenziale del cambiamento climatico” agendo all’unisono.

Guterres è intervenuto più diffusamente con un intervento pubblicato sul sito delle Nazioni Unite:

Il Protocollo di Montreal è nato come meccanismo per proteggere e curare lo strato di ozono. Ha svolto bene il suo lavoro negli ultimi tre decenni. Lo strato di ozono è in via di guarigione. La cooperazione che abbiamo visto nell’ambito del Protocollo di Montreal è esattamente ciò che è necessario ora per affrontare il cambiamento climatico, una minaccia altrettanto esistenziale per le nostre società. Il Protocollo di Montreal è più di un semplice esempio di come può e dovrebbe funzionare il multilateralismo, è uno strumento attivo per aiutare a soddisfare la nostra visione globale per lo sviluppo sostenibile”.

Il tema della Giornata Mondiale dell’Ozono di quest’anno è stato “Protocollo di Montreal: mantenere freschi noi, il nostro cibo e i vaccini“. Il tema cerca di evidenziare l’importanza del protocollo nella lotta ai cambiamenti climatici e garantire la consapevolezza di quanto questo sarà fondamentale per tutti, a lungo termine.

Questo articolo è offerto da Centro Studi Galileo, il più autorevole Centro Formativo in Europa, considerato uno dei primi nel mondo, per l’attività di formazione (Corsi) e informazione (Convegno Europeo) nei settori della refrigerazione e del condizionamento.
Fondato nel 1975 ha formato circa 60mila Tecnici e da sempre collabora con realtà internazionali, sviluppando partnership di altissimo livello con le Nazioni Unite, l’Istituto Internazionale del Freddo e la Commissione Europea. Le Nazioni Unite hanno scelto Centro Studi Galileo per la formazione dei Tecnici nei paesi in via di sviluppo.
È Editore di Industria&Formazione, la prima rivista italiana del settore.
Dal Centro Studi Galileo, recependo le direttive europee e nazionali, nascono il Patentino Europeo Frigoristi e il Patentino Italiano Frigoristi, Certificazioni che hanno permesso ai Tecnici italiani del Freddo di battere la concorrenza a basso costo e dare piena dignità ad una Professione che meritava da tempo di essere riconosciuta offrendo una Patente ai Tecnici che operano con capacità tecniche, senza rischi e a impatto zero. Per info scrivere a corsi@centrogalileo.it 

Rispondi