A Madrid la COP 25 sui cambiamenti climatici: nuovi obiettivi nel segno dell’Accordo di Parigi

49152830436_c1bafc68e6_kSi è svolta fino dal 2 al 13 dicembre a Madrid la Conferenza delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico COP 25.
Con l’emergenza climatica globale che si sta intensificando e le emissioni di gas a effetto serra che continuano ad aumentare, le delegazioni dei governi partecipanti si propongono di intraprendere i successivi passi cruciali nel processo processo dell’ONU in materia di cambiamenti del clima.
In seguito all’accordo sugli orientamenti attuativi dell’Accordo di Parigi al COP 24 in Polonia lo scorso anno, un obiettivo chiave è quello di definire diverse questioni riguardanti la piena operazionalizzazione dell’Accordo di Parigi sul Cambiamento Climatico. Continua a leggere

Verso il 75° anniversario delle Nazioni Unite: questionario sui grandi cambiamenti globali

onu_logoIl prossimo anno ricorrerà il 75esimo anniversario dalla nascita dell’Organizzazione delle Nazioni Unite.
Per celebrare questo storico avvenimento, le Nazioni Unite avvieranno la più grande discussione globale sul ruolo della cooperazione internazionale nella costruzione del futuro che le persone desiderano.
In vista degli obiettivi per il 2045, è stato lanciato un breve questionario sui principali trend in atto a livello mondiale.
Continua a leggere

Messaggio del Segretario Generale ONU: “Il ruolo dell’industria è fondamentale per proteggere il clima”

antonio-guterresIn occasione della Giornata Internazionale per la Salvaguardia dell’Ozono, il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha rilasciato una dichiarazione sottolineando l’importanza del Protocollo di Montreal e della cooperazione internazionale nel settore ambientale.
La prossima settimana, il mondo si riunirà presso la sede delle Nazioni Unite a New York per il Climate Action Summit, che mira a generare un imponente rafforzamento delle ambizioni globali nel far fronte all’emergenza del clima. Un altro anno di ondate di calore da record, grandi tempeste e sconvolgimento climatico ci dice che non abbiamo altra scelta agire adesso prima che sia troppo tardi. Continua a leggere

World Ozone Day, si celebra oggi la salvaguardia dell’ozono e del clima

Ozone-Day-2019_City-ENLa prossima settimana, le delegazioni dei Paesi di tutto il mondo si riuniranno presso la sede delle Nazioni Unite a New York per il Climate Action Summit, che mira a rafforzare l’ambizione globale nel far fronte all’emergenza del clima.
Con l’obiettivo di celebrare più di tre decenni di significativa cooperazione internazionale per proteggere lo strato di ozono e il clima secondo il Protocollo di Montreal, si celebra oggi il World Ozone Day sul tema “32 anni e guarigione“.
La giornata mondiale per la salvaguardia dell’ozono ricorda a tutti che bisogna mantenere vivo lo slancio al fine di assicurare persone in buona salute e un pianeta in buona salute. Continua a leggere

L’ONU pubblica un opuscolo sul ruolo delle donne nel settore della refrigerazione e del condizionamento

ezgif-5-53771ad7fc.pdf-1In tutto il mondo, l’industria della refrigerazione e del condizionamento dell’aria è da sempre caratterizzato principalmente da un ambiente di lavoro a predominanza maschile.
Questo settore in forte crescita può però offrire un’ampia varietà di carriere interessanti e gratificanti tanto agli uomini quanto alle donne.
L’UNEP (United Nations Environment Programme, Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente), OzonAction, in cooperazione con UN Women, ha elaborato un opuscolo per accrescere la consapevolezza in merito alle opportunità a disposizione delle donne e per mettere in evidenza esperienze ed esempi particolari di donne che lavorano in questo settore e riconoscere il loro successo. Continua a leggere

Al via l’Assemblea ONU sull’Ambiente | Ricordo delle vittime dell’incidente aereo in Etiopia

drapeau-onucsanjitbakshi_3Si è aperta nel silenzio generale la quarta Assemblea delle Nazioni Unite sull’Ambiente, al via da questa mattina a Nairobi, in Kenya.
Con lacrime e preghiere, i rappresentanti dei 193 Stati membri dell’ONU hanno voluto ricordare così le vittime dell’incidente dell’aereo dell’Ethiopian Airlines, in viaggio proprio verso la capitale keniota. Non si è salvata nessuna delle 157 persone a bordo (149 passeggeri ed 8 membri dell’equipaggio) del Boeing 737, precipitato alle 8.44 locali, appena sei minuti dopo il decollo ad una cinquantina di chilometri a sud di Addis Abeba.
Come testimoniato dai numerosi messaggi di cordoglio affidati ai social media, diversi passeggeri erano diretti a Nairobi per il forum ambientale più importante del pianeta. Continua a leggere

Eni e United Nations Development Programme uniscono le loro forze per sostenere lo sviluppo sostenibile in Africa

SAM_3427Eni e United Nations Development Programme (UNDP) coopereranno per migliorare l’accessibilità a un’energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento dei Sustainable Development Goals (SDGs) delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra l’UNDP e una compagnia energetica globale. 
Centro Studi Galileo da 5 anni è incaricato dalle Nazioni Unite della formazione dei Tecnici nella Nazioni africane, ritenendo la creazione di una catena del freddo di stampo europeo la base di un corretto sviluppo. L’energia è strettamente correlata a questo processo. Molto spesso in africa le buone pratiche di installazione impianti di refrigerazione vengono vanificate dalla mancanza di energia elettrica. Continua a leggere

International Special Issue: le Nazioni Unite e il Centro Studi Galileo lanciano la settima edizione della rivista internazionale

isiLa settima edizione di International Special Issue è alle porte. La rivista internazionale edita in partnership tra Nazioni Unite e Centro Studi Galileo giunge al 12° anno di pubblicazione. Un successo editoriale che, sin dal primo numero del 2006, ha informato periodicamente il settore sulle ultime novità legislative e tecnologiche.
La rivista viene regolarmente distribuita ai meeting delle Nazioni Unite a tutti i capi di stato e di governo firmatari del Protocollo di Kyoto e del Protocollo di Montreal fornendo uno strumento utile a legiferare nella direzione di una maggiore tutela ambientale e nel mantenimento dei benefici che una vasta produzione di “freddo” assicura alla popolazione mondiale.  Tra le firme di prestigio della rivista i vertici dell’Istituto Internazionale del Freddo e delle principali Associazioni ed Enti da America, Africa, Asia, Medio Oriente ed Europa (AHRI, ASHRAE, JRAIA, ecc.) con introduzione del Ministro italiano dell’ambiente e del Segretario Generale delle Nazioni Unite.
Le aziende possono aderire alla Partnership offerta dalla rivista, visualizzabile cliccando qui
Continua a leggere