“Colling keeps food fresh”: annunciata la campagna globale per la Giornata mondiale della refrigerazione, il 26 giugno

Da World Refrigeration Day riceviamo e pubblichiamo:
Gli chef di fama mondiale di Chefs4thePlanet si uniscono alla campagna WRD.

Per celebrare la Giornata mondiale della refrigerazione, il 26 giugno, il Programma ambientale delle Nazioni Unite, UNEP OzonAction, Chefs4thePlanet e il Global Food Cold Chain Council stanno collaborando per spiegare il ruolo essenziale del raffreddamento nella protezione della salute umana e del pianeta. La campagna Cooling Keeps Food Fresh descriverà perché il raffreddamento è necessario per la sicurezza alimentare e come supporta diete nutrienti che sostengono la nostra salute, aiutano a ridurre la perdita e lo spreco di cibo e proteggono l’ambiente.

I principali chef di tutto il mondo hanno aderito alla campagna. Descriveranno come il raffreddamento sia necessario per la loro cucina di ispirazione locale. Le ricette degli chef saranno accompagnate da consigli che istruiranno i consumatori sulle scelte di raffreddamento che possono fare anche a casa per risparmiare denaro, prolungare la vita dei prodotti e capire come lo spreco e la perdita di cibo contribuiscono al cambiamento climatico. I batteri esistono ovunque in natura. Sono nel suolo, nell’aria, nell’acqua e negli alimenti che mangiamo. A temperature favorevoli, crescono rapidamente, aumentando di numero al punto che alcuni tipi di batteri presenti negli alimenti possono causare malattie.

I batteri crescono più rapidamente nell’intervallo di temperature tra 4,4 e 60 °C (40 e 140 ° F), la “zona di pericolo”, alcuni raddoppiando di numero in appena 20 minuti. Ma il raffreddamento fornito dai frigoriferi nelle nostre case e nei ristoranti rallenta la crescita batterica, mantenendo così gli alimenti al sicuro dopo che sono stati portati a casa dal mercato o conservati dopo la preparazione. In ogni caso, i contributi del raffreddamento alla nostra salute e all’ambiente si estendono molto oltre. Il congelamento consente di raccogliere frutta e verdura al massimo della maturazione, spesso congelata in poche ore, bloccando sostanze nutritive e sapore. E il raffreddamento riduce uno dei maggiori contributori al cambiamento climatico, l’emissione di gas serra dovuto al cibo che viene perso a causa del deterioramento e degli sprechi. Ridurre la perdita di cibo ridurrebbe sensibilmente il numero di persone denutrite e favorirebbe la protezione del clima. Inoltre, la saggia selezione e il funzionamento della tecnologia di raffreddamento contribuisce in modo significativo alla protezione dello strato di ozono e alla lotta ai cambiamenti climatici. “Il raffreddamento conta. E mantenere il cibo al sicuro ne è un esempio“, ha affermato Steve Gill, il fondatore della Giornata mondiale della refrigerazione, facendo eco al tema della Giornata mondiale della refrigerazione del 2022, Cooling Matters. “Il raffreddamento è il cuore stesso della vita moderna. E l’importanza di raffreddare la catena alimentare globale e sostenere la vita umana sul nostro pianeta deve rimanere una priorità assoluta”.

Il raffreddamento mantiene il cibo fresco

L’importanza del raffreddamento è talvolta data per scontata dai governi, dagli utenti finali e dal pubblico. “Il raffreddamento offre un’infinità di importanti contributi alla nostra società, con connessioni dirette alla vita, ai mezzi di sussistenza, alla salute, alla nutrizione e alla protezione dell’ambiente. Oltre al suo scopo principale di mantenere il cibo fresco e sicuro da mangiare, il tuo frigorifero può anche essere un agente di cambiamento per aiutare a risolvere sfide ambientali come preservare lo strato di ozono terrestre, combattere il cambiamento climatico e promuovere l’efficienza energetica“, ha affermato Jim Curlin di UNEP OzonAction. “Potresti non riconoscerlo, ma il frigorifero-congelatore di casa tua o del tuo ristorante preferito è una superstar che ha un impatto enorme ben oltre la cucina. La campagna Cooling Keeps Food Fresh cerca di motivare il pubblico a conoscere la miriade di vantaggi del raffreddamento“.

I grandi chef aderiscono alla campagna

Anne Le More  Co-President – Chefs4thePlanet

Al centro della campagna c’è il supporto di chef di fama mondiale che appartengono a Chefs4thePlanet. Anne Le More e Sebastien Ripari sono i cofondatori dell’organizzazione. Di fronte alle triple emergenze di cambiamenti climatici, pandemie e disuguaglianze sociali, Chefs4thePlanet è una comunità internazionale di chef provenienti da tutto il mondo preoccupati per l’impatto del cibo sul nostro pianeta e sulla nostra salute. “In un momento in cui ogni giorno superiamo sempre più i nostri confini planetari e l’agricoltura produce circa un quarto delle emissioni globali di gas serra, nutrire dieci miliardi di persone nel 2050 richiede la trasformazione sistemica del nostro sistema alimentare. Gli chef, come modelli e influencer, hanno un ruolo chiave da svolgere“, ha affermato Anne Le More.

Sebastien Ripari – Co-President – Chefs4thePlanet  

Durante la campagna, gli chef di varie regioni del mondo trasmetteranno videomessaggi, rafforzando il loro impegno per mantenere un pianeta sostenibile per la vita umana e descrivendo come il raffreddamento contribuisce alla cucina quotidiana e alle operazioni delle loro cucine. “Le proteine ​​alternative e gli ingredienti stagionali, locali e vegetali stanno diventando sempre più importanti nella gastronomia e il raffreddamento continuerà a essere essenziale“, ha aggiunto Sebastien Ripari.

Una catena del freddo alimentare sostenibile

Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, il contributo delle emissioni di rifiuti alimentari al riscaldamento globale è quasi equivalente alle emissioni globali del trasporto su strada. Se fosse un paese, lo spreco alimentare sarebbe il terzo paese più grande al mondo per emissioni. “L’industria può facilitare la riduzione degli sprechi alimentari e del suo impatto ambientale negativo promuovendo un maggiore accesso alla tecnologia di conservazione degli alimenti e promuovendo lo sviluppo e l’utilizzo di apparecchiature economiche ed efficienti dal punto di vista energetico con un impatto ambientale ridotto“, ha affermato Juergen Goeller, copresidente del Global Food Cold Chain Council e Direttore degli Affari Regolatori per la Refrigerazione dei Trasporti. “Una catena del freddo alimentare sostenibile sarà un positivo in termini economici, sociali e ambientali“.

Rispondi