Buco dell’ozono? Buone notizie!

OZONE_D2006-09-24_G^716X716.IOMI_PAURA_V8F_MMERRA_LSH-586x586La notizia è di quelle che fanno ben sperare. Il buco dell’ozono si sta restringendo e per la prima volta gli scienziati hanno potuto dare una definizione certa del fenomeno.

Proprio in questi giorni un meeting di esperti insediatosi presso il Palazzo di Vetro di New York ha diffuso un rapporto che delinea una normalizzazione della situazione entro il 2050. I redattori dello studio, appartenenti all’UNEP e all’Organizzazione Mondiale Metereologica individuano nella dismissione dei CFC il principale fattore di miglioramento, investendo de facto il settore HVAC di grandi responsabilità e grandi meriti.

La battaglia per la salvezza della terra è però tutta ancora da combattere. Nonostante gli sforzi che tutti i settori in Europa stanno facendo per un aumento della consapevolezza globale e del rispetto ambientale nel 2013 è stato raggiunto il nuovo record  di emissioni di gas serra.

In particolar modo i paesi europei, che come dicevamo a prezzo di sacrifici economici in questa direzione hanno fatto molto, non possono non puntare il dito verso quelle nazioni ad alta industrializzazione che per ragioni meramente economiche non adottano gli standard previsti dai protocolli internazionali.

Achim Steiner, direttore Esecutivo Unep nel corso della conferenza stampa ha elogiato gli evidenti risultati del protocollo di Montreal, che, alla vigilia del trentesimo anno di età ha giovato in maniera sensibile alla vita sulla terra, risparmiando malattie gravissime dovute alla sovraesposizione ai raggi UV, danni al sistema immunitario, cecità e distruzione di fauna e proprietà agricole.

L’impegno delle Nazioni Unite sul fronte dei cambiamenti climatici, incoraggiato dai risultati ottenuti, non si arresta. Il Segretario Generale Ban Ki-Moon in occasione dell’Assemblea Generale del 23 settembre ha invitato i capi di stato mondiali a riunirsi per un summit sui cambiamenti climatici.

Da cinque anni i capi di stato non si riunivano su questo argomento e sicuramente nell’incontro si potrà scrivere una nuova pagina di quella che sta diventando sempre più una bella storia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...