Legionella a Milano: 3 morti e 18 contagiati

tona-in-italia-la-legionella-sintomi-e-contagio-hydro-xcouk_2061671Come ogni anno, in questa stagione, la Provincia di Milano si conferma triste teatro di decessi a causa della legionella. Il bilancio è salito questa mattina a tre vittime, due donne rispettivamente di 84 e 94 anni e un uomo novantaquattenne. I casi di contagio intanto sono saliti a 18.
Oltre l’80% delle persone che ha contratto la legionella, al momento sono 18 i casi, ha superato bene la fase acuta: purtroppo alcuni anziani in condizioni critiche e fortemente debilitati non ce l’hanno fatta. Stiamo lavorando e occupandoci al meglio per assistere tutti i malati” ha detto l’assessore lombardo al welfare Giulio Gallera.
La Legionellosi è detta “Malattia del Legionario” poichè il batterio che ne è causa fu identificato per la prima volta nel 1976 su un gruppo di partecipanti a un raduno della Legione Americana in un hotel di Philadelphia; duecentoventuno persone furono contagiate e trentaquattro morirono nei giorni successivi
Le persone colpite sono spesso anziani che già presentano patologie indebolenti il sistema immunitario. Il veicolo di contrazione del Virus, è bene ricordarlo, sono particelle d’acqua contaminate che tramite i meccanismi di climatizzazione, oppure tramite il vapore acqueo dei bagni, vengono immesse nell’aria e respirate.
Il nodo, che può interessare il settore è questo. Il batterio è ampiamente presente in natura e trova terreno fertile negli impianti dove l’acqua ristagna, in caso di manutenzione scarsa e inadeguata.
E’ ovvio quindi che la legionella è una malattia che può essere facilmente prevenuta con un’adeguata sanificazione degli impianti a livello domestico, industriale e commerciale. Avvalendosi di tecnici qualificati e seguendo le prescrizioni di legge sulla corretta manutenzione degli impianti di condizionamento e diffusione dell’acqua potabile.

 

Rispondi