EFCTC e CONAIF: “La Spagna rischia di diventare la via maestra per l’arrivo in Europa dei refigeranti illegali”

Da stopillegalcooling.eu:
Nell’ambito del tavolo di dibattito digitale El comercio ilegal de gases refrigerantes. Situación actual y cómo erradicarlo, organizzata dal Comitato tecnico europeo per i fluorocarburi (EFCTC) e dalla Confederazione spagnola CONAIF sul tema dei traffici di gas illegali, è emerso un quadro preoccupante.

E’ di questo avviso il tenente Héctor Santed dell’Unità operativa ambientale centrale della Seprona, che ha evidenziato la regione della Spagna meridionale e il Levante come le principali vie di accesso al paese di importazioni illegali. Inoltre, la sensibilizzazione, la formazione delle autorità competenti e un maggiore controllo e rintracciabilità delle operazioni contribuiscono a frenare il commercio illegale.

I gas refrigeranti HFC importati illegalmente potrebbero rappresentarne un terzo del mercato in Europa e la Spagna potrebbe diventare la porta d’accesso al continente europeo. Questi gas, utilizzati, tra le altre cose, nei sistemi di refrigerazione e nei condizionatori d’aria dell’industria automobilistica, degli ospedali e dei supermercati, vengono introdotti nell’Unione europea direttamente o indirettamente dalla Cina e dai paesi limitrofi dell’UE. Sono questi alcuni dei dati rivelati dal tenente Hector Santed dell’Unità operativa ambientale centrale di Seprona (UCOMA) al tavolo di discussione digitale organizzato dal Comitato Tecnico Europeo sugli HFC (EFCTC) e dal CONAIF, e rivolto a tutti gli stakeholders della refrigerazione e del condizionamento dell’aria.

Nel 2015 è entrata in vigore la Regolamentazione Europea F-Gas per garantire una concorrenza leale tra i settori chiave dell’economia, combattere i cambiamenti climatici e puntare a un’economia più sostenibile, in linea con gli obiettivi stabiliti nello European Green Deal. Con questo regolamento, l’UE si è posta l’obiettivo di eliminare gradualmente gli HFC, che hanno un elevato potenziale di riscaldamento atmosferico (APC), riducendo il 79% del loro consumo entro il 2030, rispetto ai livelli del 2012. Tale phase down comporta la graduale riduzione delle importazioni di questi gas e l’istituzione di un sistema di quote con cui controllarne l’ingresso in Europa. Tuttavia, in questo frangente, è nato un mercato nero in crescita costante, con il quale i gas refrigeranti importati illegalmente vengono introdotti in Spagna attraverso diverse rotte.

Il contrabbando di HFC elude il diritto europeo e spagnolo a causa della mancanza di controllo e controllo doganale, delle basse sanzioni e della discrepanza tra gli Stati membri per quanto riguarda le ammende inflitte alle organizzazioni criminali. Come spiega il tenente Hector Santed, oltre a introdurre gas illegale direttamente dalla Cina attraverso i porti della regione meridionale e del Levante, “il gas proveniente dall’Europa sta arrivando anche in Spagna. La rotta è dalla Cina alla Russia, dalla Russia ai paesi orientali confinanti e da questi agli altri paesi europei. Il gas non solo entra attraverso i nostri porti, ma lo porta anche su strada per poi essere consumato nel paese. Questi sono i due modus operandi che abbiamo rilevato, secondo quanto abbiamo osservato nella nostra ricerca“.

Si tratta di un mercato nero che sta influenzando economicamente tutta la catena del valore, “comprese le piccole e medie imprese, che hanno già perso circa l’80% della loro attività“, afferma Murli Sukhwani, CEO di EMEA FluoroChemicals di Chemours e presidente dell’area Research and Data di EFCTC. “L’impatto riguarda l’intera catena del valore, dai produttori, che perdono le loro risorse, gli installatori, perché subiscono una concorrenza sleale; fino all’utente finale, che dovrebbe preoccuparsi che l’installazione e il prodotto che utilizzano siano garantiti, cosa che non sta accadendo in molti casi“, afferma Diego Garcia, CEO di Kimikal.

La formazione e la collaborazione tra il settore e le autorità sono le soluzioni per frenare il mercato nero. Con l’ulteriore riduzione della quota, in vigore dal 1° gennaio 2021, si prevede che il mercato nero crescerà e quindi avrà un impatto sugli obiettivi climatici dell’UE. In effetti, il commercio illegale impedisce di progredire verso soluzioni alternative più sostenibili. “Esistono alternative agli HFC, come le idrofluoroolefine (HFO), che risolvono i problemi sia dell’ozono che dei danni ai PCA. Ecco perché è necessario sradicare un commercio illegale che sta erodendo la transizione verso questa nuova generazione di gas refrigeranti“, spiega Murli Sukhwani. Per fare ciò, è necessario aumentare la consapevolezza a tutti gli anelli della catena del valore. Come spiega Javier de Orte, membro della Cold Commission della CONAIF, “la sensibilizzazione è fondamentale per promuovere attività commerciali illegali sospette“. Al fine di frenare l’attività criminale, è altresì essenziale aumentare la formazione delle dogane e delle autorità che indagano sui casi di commercio illegale. Murli Sukhwani insiste sul fatto che “una formazione adeguata e gli strumenti necessari per il lavoro di controllo dovrebbero essere forniti alle dogane, e i dati sulle quote legali disponibili possono essere condivisi“. Da parte sua, il tenente Héctor Santed afferma che “sarebbe molto utile ricevere il maggior numero possibile di informazioni sui comportamenti sospetti e ricevere una qualche forma di formazione dai professionisti del settore, al fine di migliorare l’efficacia nella ricerca ed essere più agili nelle nostre azioni. Abbiamo bisogno dell’aiuto dell’industria per eliminare le organizzazioni criminali“.

Un’altra iniziativa che potrebbe sradicare il mercato nero è un maggiore controllo e monitoraggio dei movimenti degli operatori attraverso qualsiasi tipo di rotta, come le dogane. In campo digitale, “le piattaforme di e-commerce non possono offrire gas refrigeranti senza alcun controllo, e questo è uno dei modi principali in cui vengono commercializzati gli HFC illegali“, spiega Diego García. In questo senso, la tracciabilità di tutte le operazioni è un pilastro fondamentale per individuare i gas importati illegalmente, una pratica già in atto in alcuni paesi europei. Come afferma Murli Sukhwani, “in Germania stanno elaborando un progetto di “legge chimica” approvato dall’UE che tenta di rintracciare l’origine dei refrigeranti illegali lungo tutta la catena del valore. Questa storia di successo in Europa è la via da seguire per il resto degli Stati membri“.

Questo articolo è offerto da Centro Studi Galileo, il più autorevole Centro Formativo in Europa, considerato uno dei primi nel mondo, per l’attività di formazione (Corsi) e informazione (Convegno Europeo) nei settori della refrigerazione e del condizionamento.
Fondato nel 1975 ha formato circa 60mila Tecnici e da sempre collabora con realtà internazionali, sviluppando partnership di altissimo livello con le Nazioni Unite, l’Istituto Internazionale del Freddo e la Commissione Europea. Le Nazioni Unite hanno scelto Centro Studi Galileo per la formazione dei Tecnici nei paesi in via di sviluppo.
È Editore di Industria&Formazione, la prima rivista italiana del settore.
Dal Centro Studi Galileo, recependo le direttive europee e nazionali, nascono il Patentino Europeo Frigoristi e il Patentino Italiano Frigoristi, Certificazioni che hanno permesso ai Tecnici italiani del Freddo di battere la concorrenza a basso costo e dare piena dignità ad una Professione che meritava da tempo di essere riconosciuta offrendo una Patente ai Tecnici che operano con capacità tecniche, senza rischi e a impatto zero. Per info scrivere a corsi@centrogalileo.it 

Rispondi