Alcuni HFC e HFO a rischio limitazione – sostanze PFAS: cinque Paesi UE spingono sull’acceleratore

Courtesy of Wikimedia Commons

Da www.r744.com:
Con una mossa con importanti implicazioni per l’industria europea HVAC&R, cinque paesi dell’UE hanno annunciato il 15 luglio la loro intenzione di presentare una proposta congiunta per limitare le sostanze perfluoro alchiliche (PFAS), inclusi alcuni refrigeranti HFC e HFO, all’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) ai sensi del regolamento REACH, entro luglio 2022.

I cinque paesi – Germania, Paesi Bassi, Norvegia, Svezia e Danimarca – stanno cercando il feedback delle parti interessate sulla loro proposta.

Dopo la presentazione, prevista per il prossimo anno, la proposta di restrizione sarebbe quindi soggetta a una adozione dei pareri finali da parte del Comitato per la valutazione dei rischi (RAC) e del Comitato per l’analisi socioeconomica (SEAC) dell’ECHA, prima di essere adottata dalla Commissione Europea (CE).

Le sostanza PFAS, che rappresentano un gruppo di oltre 4.700 “forever chemicals“, vengono utilizzati per produrre molti prodotti di consumo, ma l’esposizione a queste sostanze può essere dannosa per la salute umana. I PFAS includono ad esempio l’acido perfluorottano solfonico (PFOS) e l’acido perfluoroottanoico (PFOA), che sono già stati rispettivamente limitati e vietati nell’UE.

Come definito dai cinque paesi, le sostanze PFAS includono una serie di gas fluorurati, compresi alcuni HFC e HFO utilizzati nelle applicazioni HVAC&R. Inoltre, l’acido trifluoroacetico (TFA), che è uno PFAS, è un prodotto di degradazione atmosferica di HFO-1234yf e HFC-134a.

Il regolamento REACH disciplina la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche nell’UE. Gli HFC sono regolamentati separatamente dal regolamento UE sui gas fluorurati, sebbene gli HFO non lo siano. Negli Stati Uniti anche l’Agenzia per la protezione dell’ambiente ha recentemente aumentato la sua supervisione sulle sostanza PFAS ed è in procinto di regolamentare separatamente gli HFC. Il 15 luglio, lo stato americano del Maine è diventato il primo al mondo a vietare la vendita di prodotti contenenti PFAS a partire dal 1 gennaio 2030, esclude eccezioni per esigenze di salute e sicurezza per le quali non sono disponibili alternative.

Insieme al loro annuncio di intenti, i cinque paesi dell’UE hanno pubblicato un sondaggio in cui “le associazioni industriali e le aziende interessate, ma anche le aziende che producono alternative ai PFAS”, possono aggiungere o correggere le informazioni pubblicate su queste sostanze, come ha affermato l’Agenzia per l’Ambiente Tedesca(UBA) in un comunicato.

L’obiettivo di questo sondaggio è garantire che le informazioni disponibili riflettano l’attuale situazione del mercato e colmare le lacune nei dati“, ha affermato l’UBA. “In questo modo, è possibile identificare possibili eccezioni per alcuni usi del PFAS che saranno importanti per la società in futuro, inoltre tutte le informazioni pertinenti potranno essere prese in considerazione quando verrà presentata la proposta di restrizione nel prossimo anno“. I paesi hanno condotto un’indagine simile l’anno scorso.

Le parti interessate sono incoraggiate a rispondere al sondaggio entro il 19 settembre 2021. È possibile accedervi cliccando qui.

La CE definisce le restrizioni ai sensi del REACH come “misure normative per proteggere la salute umana e l’ambiente dai rischi inaccettabili posti dalle sostanze chimiche“. Inoltre, “le restrizioni possono limitare o vietare la produzione, l’immissione sul mercato o l’uso di una sostanza“, afferma la CE. “Una restrizione può applicarsi a qualsiasi sostanza da sola ma anche in una miscela o in un articolo finale, comprese quelle che non richiedono registrazione”.

F-gas mirati

Tra gli HFC che i cinque paesi hanno identificato come PFAS ci sono: R32, R134a, R125, R143a e R152a. Alcuni degli HFO includono R1234yf, R1234ze(E) e R1233zd(E). Questi HFC e HFO rientrano nell’ambito di applicazione delle sostanze PFAS, ossia se contengono almeno un CF2 (gruppo metilenico perfluorurato) o un CF3 (gruppo metile perfluorurato) nella struttura molecolare.

Tuttavia, l’industria degli F-Gas in Europa ha respinto la classificazione di HFC e HFO come PFAS. “HFC, HFO e HCFO sono un sottoinsieme distinto e, a causa delle loro proprietà, non sono comunemente considerati PFAS“, afferma ad esempio l’European Fluorocarbons Technical Committee (EFCTC) sul suo sito web.

Come descritto dai cinque paesi, i PFAS “sono, o alla fine si trasformano in, sostanze persistenti, che portano all’esposizione e all’accumulo irreversibili nell’ambiente“.

A causa della solubilità in acqua e della mobilità degli PFAS, “la contaminazione dell’acqua superficiale, sotterranea e potabile e del suolo si è verificata tanto in UE quanto nel resto del mondo e continuerà a verificarsi ancora“, hanno affermato i cinque paesi. “Si è dimostrato molto difficile ed estremamente costoso rimuovere gli PFAS una volta rilasciati nell’ambiente. Inoltre, alcuni PFAS sono stati documentati come sostanze tossiche e/o bioaccumulabili, sia per la salute umana che per l’ambiente”.

“Senza agire, le loro concentrazioni continueranno ad aumentare e i loro effetti tossici e inquinanti saranno difficili da invertire”, hanno aggiunto.

In un precedente rapporto, pubblicato a maggio, l’UBA ha lanciato l’allarme sulla conversione atmosferica di HFO-1234yf in TFA, rilevando che sono stati trovati livelli più elevati di TFA nell’acqua piovana. Il rapporto ha concluso che gli HFO dovrebbero essere sostituiti da refrigeranti naturali.

“Senza agire subito, le concentrazioni di PFAS continueranno ad aumentare e i loro effetti tossici e inquinanti saranno difficili da invertire”.

Governi di Germania, Paesi Bassi, Norvegia, Svezia e Danimarca

Questo articolo è offerto da Centro Studi Galileo, il più autorevole Centro Formativo in Europa, considerato uno dei primi nel mondo, per l’attività di formazione (Corsi) e informazione (Convegno Europeo) nei settori della refrigerazione e del condizionamento.

Fondato nel 1975 ha formato circa 60mila Tecnici e da sempre collabora con realtà internazionali, sviluppando partnership di altissimo livello con le Nazioni Unite, l’Istituto Internazionale del Freddo e la Commissione Europea. Le Nazioni Unite hanno scelto Centro Studi Galileo per la formazione dei Tecnici nei paesi in via di sviluppo.

È Editore di Industria&Formazione, la prima rivista italiana del settore.

Dal Centro Studi Galileo, recependo le direttive europee e nazionali, nascono il Patentino Europeo Frigoristi e il Patentino Italiano Frigoristi, Certificazioni che hanno permesso ai Tecnici italiani del Freddo di battere la concorrenza a basso costo e dare piena dignità ad una Professione che meritava da tempo di essere riconosciuta offrendo una Patente ai Tecnici che operano con capacità tecniche, senza rischi e a impatto zero. Per info scrivere a corsi@centrogalileo.it 

Rispondi