Abruzzo, chiude la Riello (gruppo multinazionale Carrier): 71 posti di lavoro appesi a un filo

La Riello, azienda produttrice di Caldaie, chiuderà lo stabilimento di Villanova di Cepagatti, nelle prossimità di Pescara, per spostare la produzione in altre sedi al Nord Italia e in Polonia.

«La Riello spa, del gruppo di società Carrier global corporation, ha comunicato alle organizzazioni sindacali e alle sue rappresentanze la volontà di chiudere il sito di Villanova di Cepagatti e l’avvio immediato della procedura di licenziamento collettivo di 71 lavoratrici e lavoratori nonché il trasferimento di 19 addetti alla ricerca e sviluppo nella sede di Lecco e Legnago»: questo il contenuto di una nota della Rappresentanza sindacale unitaria Fiom Uilm. Già ad agosto, 49 lavoratori in somministrazione erano stati lasciati a casa dall’azienda. Le organizzazioni sindacali, sul piede di guerra, hanno chiesto alla Riello immediato dietrofront.

La comunicazione ufficiale di Riello evidenzia come «a seguito di un’attenta analisi del mercato che si presenta in rapida evoluzione e della competitività delle nostre operazioni, abbiamo deciso di interrompere le attività del nostro stabilimento di Pescara e di concentrarle presso altri impianti con capacità disponibile a Legnago, Volpago del Montello in Italia, e Torun in Polonia. Questa decisione ha lo scopo ottimizzare i nostri asset industriali e contribuirà a posizionare la nostra azienda per il futuro in un mercato globale sempre più competitivo. Siamo consapevoli dell’impatto di questo progetto sui dipendenti interessati. L’azienda – conclude la nota Riello – si impegna a lavorare a stretto contatto con loro, i loro rappresentanti e le istituzioni in un dialogo attivo per sostenerli durante il progetto».

Il piano industriale della multinazionale mostra chiaramente come la produzione che era prevista nello stabilimento Abruzzese, in continuo aumento negli ultimi tempi arrivando a Luglio ad richiedere 3 turni di lavoro, non si fermerà, ma verrà solo frammentata e divisa. La costruzione degli scambiatori passerà a Legnago, la carpenteria pesante a Volpago e l’ assemblaggio delle caldaie sarà trasferito in Polonia.

Il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio ha espresso preoccupazione per la situazione, in larga parte dovuta alle conseguenze della Pandemia sul tessuto imprenditoriale.

Rabbia e delusione da parte degli operai, che hanno organizzato un presidio permanente: la posizione condivisa è che l’azienda non sarebbe infatti in difficoltà, ma vorrebbe massimizzare gli utili delocalizzando verso economie più convenienti.

Questo articolo è offerto da Centro Studi Galileo, il più autorevole Centro Formativo in Europa, considerato uno dei primi nel mondo, per l’attività di formazione (Corsi) e informazione (Convegno Europeo) nei settori della refrigerazione e del condizionamento.
Fondato nel 1975 ha formato circa 60mila Tecnici e da sempre collabora con realtà internazionali, sviluppando partnership di altissimo livello con le Nazioni Unite, l’Istituto Internazionale del Freddo e la Commissione Europea. Le Nazioni Unite hanno scelto Centro Studi Galileo per la formazione dei Tecnici nei paesi in via di sviluppo.
È Editore di Industria&Formazione, la prima rivista italiana del settore.
Dal Centro Studi Galileo, recependo le direttive europee e nazionali, nascono il Patentino Europeo Frigoristi e il Patentino Italiano Frigoristi, Certificazioni che hanno permesso ai Tecnici italiani del Freddo di battere la concorrenza a basso costo e dare piena dignità ad una Professione che meritava da tempo di essere riconosciuta offrendo una Patente ai Tecnici che operano con capacità tecniche, senza rischi e a impatto zero. Per info scrivere a corsi@centrogalileo.it 

Rispondi