16 settembre: oggi è il World Ozone Day!

Da www.un.org:
Lo strato di ozono è un fragile scudo di gas: protegge la Terra dalla parte dannosa dei raggi del sole, aiutando così a preservare la vita sul pianeta.

L’eliminazione graduale delle sostanze che riducono lo strato di ozono non solo ha contribuito a proteggere lo strato di ozono per questa e per le generazioni future, ma ha anche contribuito in modo significativo agli sforzi globali per affrontare il cambiamento climatico: inoltre, ha protetto la salute umana e gli ecosistemi limitando la radiazione ultravioletta dannosa dal raggiungere la Terra.

Protocollo di Montreal: mantenere freschi noi, il nostro cibo e i vaccini

Il Protocollo di Montreal è nato come un accordo globale per proteggere lo strato di ozono, lavoro che ha svolto bene, rendendolo uno degli accordi ambientali di maggior successo fino ad oggi. Uno sforzo globale unito per eliminare gradualmente le sostanze che riducono l’ozono significa che oggi il buco nello strato di ozono si sta rimarginando, proteggendo a sua volta la salute umana, le economie e gli ecosistemi. Ma, come la Giornata mondiale dell’ozono di quest’anno cerca di evidenziare, il Protocollo di Montreal fa molto di più, ad esempio rallentando il cambiamento climatico e contribuendo ad aumentare l’efficienza energetica nel settore del raffreddamento, che contribuisce alla sicurezza alimentare.

Sfondo

Si è scoperto che un certo numero di sostanze chimiche comunemente usate sono estremamente dannose per lo strato di ozono. Gli alocarburi sono sostanze chimiche in cui uno o più atomi di carbonio sono legati a uno o più atomi di alogeno (fluoro, cloro, bromo o iodio). Gli alocarburi contenenti bromo di solito hanno un potenziale di distruzione dell’ozono (ODP) molto più alto di quelli contenenti cloro. Le sostanze chimiche artificiali che hanno fornito la maggior parte del cloro e del bromo per la riduzione dell’ozono sono bromuro di metile, cloroformio di metile, tetracloruro di carbonio e famiglie di sostanze chimiche note come halon, clorofluorocarburi (CFC) e idroclorofluorocarburi (HCFC).

Convenzione di Vienna per la protezione dello strato di ozono

La conferma scientifica dell’esaurimento dello strato di ozono ha spinto la comunità internazionale a istituire un meccanismo di cooperazione per agire per proteggerlo. Ciò è stato formalizzato nella  Convenzione di Vienna per la protezione dello strato di ozono, adottata e firmata da 28 paesi, il 22 marzo 1985. Nel settembre 1987, ciò ha portato alla stesura del Protocollo di Montreal.

Protocollo di Montreal

L’obiettivo principale del  Protocollo di Montreal è proteggere lo strato di ozono adottando misure per controllare la produzione e il consumo globale totale di sostanze che lo impoveriscono, con l’obiettivo finale della loro eliminazione sulla base degli sviluppi delle conoscenze scientifiche e dell’informazione tecnologica. È strutturato attorno a diversi gruppi di sostanze ozonolesive. I gruppi di sostanze chimiche sono elencati negli allegati al testo del Protocollo, che richiede il controllo di quasi 100 sostanze chimiche, in diverse categorie. Per ogni gruppo o allegato di sostanze chimiche, il Trattato stabilisce un calendario per l’eliminazione graduale della produzione e del consumo di tali sostanze, con l’obiettivo di eliminarle completamente.

Il calendario fissato dal Protocollo si applica al consumo di sostanze lesive per l’ozono, definito come le quantità prodotte più importate, meno le quantità esportate in un dato anno. C’è anche una detrazione per la distruzione verificata. Le riduzioni percentuali si riferiscono all’anno di riferimento designato per la sostanza. Il protocollo non vieta l’uso di sostanze controllate esistenti o riciclate oltre le date di eliminazione graduale.

Ci sono alcune eccezioni per usi essenziali in cui non sono stati trovati sostituti accettabili, ad esempio, negli inalatori dosati (MDI) comunemente usati per trattare l’asma e altri problemi respiratori o nei sistemi antincendio ad halon utilizzati nei sottomarini e negli aerei.

Nel 1994, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato il 16 settembre Giornata Internazionale per la Preservazione dello Strato di Ozono, commemorando la data della firma, nel 1987, del Protocollo di Montreal ( risoluzione 49/114 ).

Attuazione del Protocollo di Montreal

L’attuazione del Protocollo di Montreal è progredita bene nei paesi sviluppati e in via di sviluppo. Tutti i programmi di eliminazione graduale sono stati rispettati nella maggior parte dei casi, alcuni addirittura prima del previsto. L’attenzione si è inizialmente concentrata sulle sostanze chimiche con un potenziale di riduzione dell’ozono più elevato, inclusi CFC e halon. Il programma di eliminazione graduale per gli HCFC è stato più lento a causa dei loro potenziali minori di riduzione dell’ozono e perché sono stati utilizzati anche come sostituti di transizione per i CFC.

Il programma di eliminazione graduale dell’HCFC è stato introdotto nel 1992 per i paesi sviluppati e in via di sviluppo, quest’ultimo con un congelamento fissato al 2015 e l’eliminazione definitiva entro il 2030 (paesi sviluppati) e nel 2040 (paesi in via di sviluppo). Nel 2007, le parti del protocollo di Montreal hanno deciso di accelerare il programma di eliminazione graduale degli HCFC sia per i paesi sviluppati che per quelli in via di sviluppo.

Ratifica universale

Il 16 settembre 2009, la Convenzione di Vienna e il Protocollo di Montreal sono diventati i primi trattati nella storia delle Nazioni Unite a raggiungere la ratifica universale.

Emendamento di Kigali

Le parti del protocollo di Montreal sulle sostanze che riducono lo strato di ozono hanno raggiunto un accordo durante la loro 28a riunione delle parti il ​​15 ottobre 2016 a Kigali, in Rwanda, per l’eliminazione graduale degli idrofluorocarburi (HFC).

Rispondi