Nel 2019 Italia verso calo 1% emissioni gas serra, cambia il mix elettrico

alexander-popov-b8vCfi9UsTU-unsplashIl nostro Paese si prepara ad archiviare il 2019 con un calo delle emissioni di gas serra dell’1% circa, principalmente per effetto di un mix energetico meno carbon intensive dovuto alla sostituzione del carbone con il gas nella produzione di energia elettrica.
Tuttavia, in assenza di una crescita più sostenuta delle fonti rinnovabili e dell’efficientamento energetico ciò non basta a garantire il raggiungimento degli obiettivi del Piano Nazionale Energia e Clima (PNIEC) e la transizione verso un’economia low carbon. Continua a leggere

Le emissioni di CO2 non scendono e le rinnovabili rallentano: la transizione energetica italiana è in stallo

LOGO-ENEA-ita-640x291La transizione energetica, in Italia, sta attraversando una fase di stallo, principalmente a causa della mancata diminuzione delle emissioni di gas serra, del rallentamento nella produzione da fonti rinnovabili e dell’andamento dei prezzi che, nell’insieme, rimangono superiori alla media UE.
Ad affermarlo è l’Analisi del sistema energetico italiano diffusa dall’ENEA che per i primi sei mesi dell’anno evidenzia un peggioramento (-5%) dell’indice ENEA-ISPRED che ‘misura’ la transizione energetica sulla base dei prezzi dell’energia, della decarbonizzazione e della sicurezza nel sistema energetico nazionale. Continua a leggere

Economia circolare, ENEA: scarti dell’industria siderurgica per lo stoccaggio di energia termica

reslag-webRiutilizzare gli scarti dell’industria siderurgica per lo stoccaggio di energia termica negli impianti solari termodinamici.
È la nuova frontiera della ricerca ENEA in materia di economia circolare per un’industria siderurgica verso “rifiuti zero”, realizzata nell’ambito del progetto europeo REslag. Solo in Europa vengono prodotte ogni anno circa 20 milioni di tonnellate di scorie di acciaio: la maggior parte (75%) trova impiego in edilizia e nella cantieristica stradale, mentre il restante 25% (oltre 5 milioni di tonnellate, l’equivalente in peso di 650 Tour Eiffel) rimane stoccato negli impianti di produzione oppure smaltito in discarica, con un evidente impatto sull’ambiente. Continua a leggere

Studio ENEA-Politecnico: ecco il “biomattone” che taglia la climatizzazione

architecture-brick-build-209282Un “biomattone” in materiale composito ideale per un clima come il nostro, in grado di mantenere in casa nei periodi di grande caldo una temperatura media di 26 gradi, senza necessariamente ricorrere alla climatizzazione.
È uno dei risultati dello studio condotto da ENEA e Politecnico di Milano nell’ambito del progetto “Riqualificazione energetica degli edifici pubblici esistenti: direzione nZEB”, finanziato dalla Ricerca di Sistema Elettrico del Ministero dello Sviluppo Economico.
Ricavato da una miscela di calce e canapulo, lo ‘scarto’ legnoso della canapa, il materiale abbina basso impatto ambientale, alte prestazioni energetiche, traspirabilità, ottime capacità isolanti, protezione dall’umidità e comfort. Continua a leggere

ENEA lancia bando per sviluppo di tecnologie innovative con fondo da 2,5 milioni euro

LOGO-ENEA-ita-640x291L’ENEA lancia un bando pubblico alle imprese interessate a partecipare a progetti per lo sviluppo di tecnologie innovative ideate nei propri laboratori.
L’iniziativa può contare su un apposito fondo di finanziamento interno da 2,5 milioni di euro su base triennale nell’ambito del programma per il Proof of Concept avviato lo  scorso anno dall’Agenzia per rafforzare il trasferimento tecnologico al sistema industriale. Continua a leggere

ENEA, al via progetto per il rispetto degli standard UE dei prodotti elettrici

be8a9d25-d56e-4c27-b15a-5d4dad408edeAl via il progetto europeo EEPLIANT3 per garantire che i prodotti elettrici introdotti sul mercato rispettino la normativa in materia di etichettatura ed ecodesign.
L’obiettivo generale è quello di tutelare i consumatori e rafforzare la loro fiducia nelle politiche UE sull’efficienza energetica. Finanziato dal programma Horizon 2020, il progetto EEPLIANT3 (Energy Efficiency Compliant Products 3) coinvolge 28 partner di 21 Paesi e vede per l’Italia la partecipazione di ENEA e Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi. Continua a leggere

ENEA: con ecobonus 3,3 miliardi di investimenti nel 2018, 39 miliardi dal 2007

22C16E14-7F66-4154-8D23-6E59F1F2388F.jpegOltre 39 miliardi di investimenti per interventi di riqualificazione energetica, di cui 3,3 miliardi solo nel 2018, con un risparmio cumulato di circa 100 milioni di Megawattora (MWh).
È questo in estrema sintesi il bilancio al 2018 di 12 anni di ecobonus, il meccanismo per incentivare l’efficienza energetica negli usi finali introdotto nel 2007. Il dato emerge dall’8° Rapporto annuale sull’efficienza energetica dell’ENEA presentato oggi a Roma insieme al Rapporto annuale sulle detrazioni fiscali per interventi di risparmio energetico e utilizzo di fonti di energia rinnovabili negli edifici esistenti. Nel solo 2018, l’ecobonus ha consentito un risparmio complessivo di 16 milioni di MWh, pari al consumo medio annuo di energia elettrica e termica delle famiglie di una città di 2,5 milioni di abitanti. Continua a leggere

Analisi ENEA: record per eolico e solare, in calo emissioni e consumi

966c590c-c9d7-442a-883b-861a9bd3e620Forte balzo in avanti della produzione di energia elettrica da eolico e solare che segna un +24% nel primo trimestre dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2018; in forte calo l’idroelettrico (-12%) e segno negativo anche per i consumi di energia (-3%) e le emissioni di anidride carbonica (-3%).
È lo scenario delineato dall’Analisi trimestrale del sistema energetico italiano curata dall’ENEA che evidenzia come nel primo trimestre 2019 le fonti rinnovabili non programmabili abbiano  raggiunto il 15,2% della generazione elettrica, sfiorando il massimo storico del 15,4% del II trimestre 2016. Complessivamente, nel primo trimestre dell’anno i consumi di energia da fonti rinnovabili sono cresciuti del 5% e risultano in sensibile crescita anche i consumi di gas nella generazione elettrica (+10%) mentre le importazioni di energia elettrica sono crollate del 23%. “Sul calo dei consumi e delle emissioni hanno inciso le temperature miti dell’inverno che hanno limitato l’utilizzo del riscaldamento; inoltre è diminuito l’utilizzo di prodotti petroliferi nei trasporti e più ancora nella petrolchimica e nella generazione elettrica”, sottolinea Francesco Gracceva, l’esperto ENEA che coordina l’analisi. Continua a leggere

Da ENEA 10 consigli per ridurre i consumi dei condizionatori

6048a841-b370-4852-be14-74454e94fd00L’arrivo del grande caldo con temperature superiori ai 30 gradi fa spesso scattare la corsa ai condizionatori. Per facilitarne un uso efficiente, ottimizzando il raffrescamento e salvaguardando il comfort senza surriscaldare le bollette, ENEA fornisce 10 indicazioni pratiche che consentono di ottenere benefici ambientali e risparmi fino al 7% sul totale della bolletta elettrica.
Attenzione alla classe energetica – Il primo suggerimento per l’uso ‘intelligente’ dell’aria condizionata nasce dalla scelta del condizionatore: sono da preferire i modelli in classe energetica A o superiore, che comportano un risparmio sulla bolletta elettrica e una riduzione delle emissioni di CO2 in atmosfera. Un nuovo condizionatore di classe A consuma all’anno circa il 30% in meno rispetto a un vecchio modello di classe C, con una riduzione equivalente di emissioni di CO2. Continua a leggere