La piattaforma e-learning sui refrigeranti alternativi REAL Alternatives 4 LIFE è ora disponibile in 15 lingue

realalternativesforlife-1.jpgLa piattaforma di apprendimento online del progetto UE REAL Alternatives 4 LIFE continua a crescere ed è stata aggiornata. Adesso sale a ben 15 il numero di lingue in cui è disponibile (incluso ovviamente l’ITALIANO).
Nell’ambito dell’attività formativa di preparazione all’utilizzo dei nuovi gas a basso impatto ambientale nella refrigerazione e nel condizionamento (idrocarburi ammoniaca, R32, A2L, etc.), Centro Studi Galileo e Associazione Tecnici del Freddo sono formatori ufficiali di questo progetto, sia per i corsi online sia per quelli in aula.
Grazie a questo aggiornamento, la nuova piattaforma di apprendimento (disponibile a questa pagina) include ora video dimostrativi con informazioni utili sui refrigeranti infiammabili e l’anidride carbonica. Continua a leggere

Real Alternatives 4 LIFE organizza eventi sull’uso di refrigeranti alternativi a basso GWP in tutta Europa

RealAlternativesforLIFE (1).jpgIl progetto UE REAL Alternative 4 LIFE organizzerà un programma di giornate di studio e di formazione per rafforzare la formazione pratica associata all’uso di refrigeranti alternativi a basso GWP.
Co-finanziato dall’ EU’s funding instrument for the environment and climate action, il progetto REAL Alternatives 4 LIFE organizzerà quattro eventi di studio in diversi paesi europei volti a standardizzare e assicurare un alto livello di formazione sui refrigeranti alternativi a basso GWP.
I progetti si svolgeranno nei paesi partner di progetto Germania (IKKE), Italia (ATF), Polonia (Prozon) e Belgio (UCLL), i temi saranno incentrati su infiammabili e anidride carbonica, con un numero di partecipanti variabile da 8 a 12 per evento. I partecipanti al programma includeranno fornitori di formazione provenienti da Croazia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, Spagna e Turchia.
Durante le giornate di studio verranno istruiti i docenti dei corsi di formazione sui refrigeranti alternativi a basso GWP.
Gli eventi comprenderanno mezza giornata di formazione teorica e mezza giornata di prove pratiche. La giornata si concluderà con una valutazione scritta per convalidare la formazione e per la quale i partecipanti riceveranno un certificato.
Per ulteriori informazioni sugli eventi Study Days e Train the Trainer registrati per ricevere aggiornamenti su www.realalternatives4life.eu.

 

Real Alternatives for Life organizza eventi sull’uso di refrigeranti alternativi a basso GWP in tutta Europa

ALLpartnerlogocapMar18Il progetto UE REAL Alternative 4 LIFE organizzerà 4 giornate di studio e formazione dei docenti nella seconda metà del 2018 e nel 2019 per rafforzare la formazione pratica associata all’uso di refrigeranti alternativi a basso GWP.
I progetti si svolgeranno nei paesi sede di Associazioni Partner del progetto Germania (IKKE), Italia (ATF), Polonia (Prozon) e Belgio (UCLL). Si tratteranno refrigeranti infiammabili e anidride carbonica, con un numero di partecipanti variabile da 8 a 12 per evento. I partecipanti proverranno da Croazia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, Spagna e Turchia.

REALAlternatives4LIFE
Durante le giornate di studio, saranno condivise conoscenze e competenze su come vengono effettuati corsi di formazione di refrigeranti alternativi a basso GWP. Questo mirerà a preparare i formatori per i nuovi corsi di formazione che saranno offerti nei loro mercati nazionali sulla base dei materiali REAL Alternative. Si alterneranno formazione teorica e pratica, mezza giornata ciascuna. Al termine esame scritto e consegna certificati.
UCLL_University Colleges Leuven-Limbur_Belgium_Carbon dioxide training site

Per ulteriori informazioni è possibile registrarsi su www.realalternatives4life.eu

 

Il Convegno dei Record a MCE: l’industria del freddo a grandi passi verso i refrigeranti del futuro

Panoramica

250 partecipanti al convegno sui refrigeranti e componenti del futuro

Numeri da record e presenza internazionale per Centro Studi Galileo e Associazione dei Tecnici italiani del Freddo a MCE
Numeri da record per il Convegno Europeo promosso da Centro Studi Galileo e Associazione dei Tecnici Italiani del Freddo presso MCE. Il più partecipato evento della fiera leader per la refrigerazione in Europa ha preso le mosse dal format collaudato dei Convegni Europei, promossi da 34 anni da Centro Studi Galileo.
Numerosi e qualificati gli ospiti in Sala. Saluto iniziale di Marco Buoni, VicePresidente AREA, Segretario Generale ATF e Direttore Centro Studi Galileo che ha riportato la preoccupazione di tutti gli operatori del settore “Siamo di fronte al più grande cambiamento di sempre. L’aumento dei prezzi del refrigerante è visto positivamente dalla Commissione europea per velocizzare la transizione ai nuovi gas ma esiste una difficoltà oggettiva di approvvigionamento e ci sono pratiche scorrette di vendita dei gas anche evidenziate da programmi televisivi nazionali come Striscia la Notizia. L’emendamento di Kigali verrà attuato da tutte le nazioni mondiali nei prossimi anni, l’Europa si dimostra innovatore e precursore. Questo è il futuro dinamico che ci aspetta e che grazie ad una formazione e informazione di qualità quale ATF e CSG hanno dimostrato di poter erogare, potrà essere percorso con un salto in positivo verso un miglioramento ambientale, culturale, sociale ed economico”.
In apertura di Convegno è intervenuto Didier Coulomb, Presidente dell’Istituto Internazionale della Refrigerazione, seguito dal leader di tutti i Tecnici Europei del Freddo, il Presidente AREA Per Jonasson.
Ospite d’onore il Presidente Assoclima Roberto Saccone, che oltre al saluto dell’associazione amica ha portato un messaggio di condivisione, da parte dell’industria della climatizzazione, del percorso di phase down dei refrigeranti dannosi che i Tecnici del Freddo stanno affrontando con tenacia. Non ha nascosto tuttavia le difficoltà oggettive che l’industria sta vivendo “per le macchine a espansione diretta di media e grande potenza (VRF) e per le apparecchiature idroniche di potenza medio-piccola non è ancora disponibile una componentistica omologata per l’utilizzo dei nuovi fluidi che consenta di rispettare i parametri di efficienza obbligatori dal 1° gennaio 2018.”
Il simposio è stato diviso in due sessioni coordinate dai Professori Alberto Cavallini, Università di Padova, Ennio Macchi, Politecnico di Milano e Marco Masoero, Politecnico di Torino.
I più importanti aspetti sottolineati dai primi 3 presidenti e dai 3 coordinatori sono stati le Criticità attuali e future e gli adeguamenti necessari nel brevissimo termine.
Difatti le criticità provocate da questo repentino cambiamento portano a penalizzazione delle prestazioni dovute all’utilizzo di nuovi gas, ai problemi di aumenti dei costi e di approvvigionamento.
E’ stato sottolineato più volte come sul mercato vi sia carenza di R410A, il gas refrigerante per condizionatori e pompe di calore, molto utilizzato nel nostro paese e meno nel nord Europa; questo prodotto infatti dall’inizio del 2018 è sempre meno disponibile per via delle quote imposte dalla normativa sui gas fluorurati ed ancora oggi occupate dai gas ad alto GWP R404, R507 che con un opuscolo le 4 associazioni AREA, ASERCOM, EPEE e EFCTC hanno con forza invitato ad eliminare.
Queste condizioni impongono un’evoluzione dell’intero settore verso gas refrigeranti naturali (come CO2 e propano) o verso altri fluidi sintetici con basso GWP. Naturalmente questi fluidi ‘nuovi’, come ad esempio R448A, R449A, R452A ed R32, possono avere delle prestazioni inferiori rispetto ai più diffusi HFC, motivo per cui anche i produttori di impianti dovranno necessariamente riuscire ad adattare le proprie produzioni per realizzare impianti che ottimizzino l’efficienza e che utilizzino i nuovi fluidi refrigeranti a basso potenziale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Continua a leggere

Real Alternatives 4 LIFE incontra la Commissione Europea DG Clima per discutere di formazione continua in tutta Europa

unnamed

Nella foto, da sinistra, Cornelius Rhein della DG Climate Action della Commissione Europea, Miriam Rodway dello IOR, Marco Buoni dell’ATF, Arno Kaschl della DG Climate Action e Raluca Sisiu dello IOR

Membri del progetto REAL Alternative 4 LIFE hanno incontrato di recente i rappresentanti della DG Climate Action della Commissione europea. Lo scopo dell’incontro è stato quello di approfondire il nuovo progetto, cofinanziato dall’UE, ed esplorare possibili utilizzi del format extra UE. Per la Commissione europea DG Climate Action hanno preso parte ai lavori Cornelius Rhein e Arno Kaschl. Per le Associazioni Nazionali di Tecnici del Freddo erano presenti Marco Buoni per ATF, Raluca Sisiu e Miriam Rodway della britannica IOR. La DG Climate Action ha fornito importanti contatti per potenziali collaborazioni di formazione e suggerimenti per misurare l’impatto del progetto REAL Alternative 4 LIFE sui Tecnici del Freddo.

Real Alternatives lancia uno studio sulla necessità di approfondimento sui refrigeranti alternativi

Real Life AReal Alternatives for life lancia uno studio sulle esperienze ed esigenze di formazione circa i nuovi gas alternativi a basso impatto ambientale. E’ richiesto il contributo fattivo dei Tecnici del Freddo tramite un breve questionario in lingua inglese (clicca qui). Il sondaggio è composto da 5 sezioni, fra le quali occorre sceglierne una sola:

Continua a leggere

Real Alternatives for life: la formazione in continua evoluzione | Sondaggio online tra gli utenti

unicaIl programma Real Alternatives è in continuo aggiornamento! La seconda fase del Progetto che mira alla formazione continua, Real Alternatives for Life appunto, vuole offrire un servizio sempre più completo e lancia a questo scopo un sondaggio al quale è possibile partecipare cliccando qui
Il progetto nasce con lo scopo di affrontare le lacune nelle competenze tra i Tecnici che lavorano nel settore della refrigerazione, dell’aria condizionata e delle pompe di calore, puntando il focus sui refrigeranti alternativi, anidride carbonica, ammoniaca, idrocarburi e refrigeranti HFO.
L’obiettivo del progetto è di sviluppare nuovo materiale e di aggiornare quello già esistente, affiancando esercitazioni pratiche e valutazioni, con lo scopo di standardizzare le abilità e i requisiti necessari per maneggiare i refrigeranti a basso GWP.
A conferma del suo spirito internazionale, il progetto coinvolge già quindici Paesi e i corsi saranno condotti in 14 lingue differenti.
Fanno parte del team di gestione del progetto: l’Institute of Refrigeration e la London South Bank University nel Regno Unito, l’University College Limburg e l’Area European Contractors Association in Belgio, l’Ikke Regional Training Centre in Germania, l’ATF Trade Association in Italia, Prozon Foundation in Polonia e l’International Institute of Refrigeration in Francia.
Nonostante il progetto sia finanziato dalla Commissione Europea, il consorzio è alla ricerca della partecipazione di ulteriori Paesi interessati, anche al di fuori dell’UE.

www.realalternatives.eu

Refrigeranti alternativi, avviato il Real Alternatives for Life. Buoni, AREA: “Visto il grande successo della prima fase proseguiamo nel progetto allargandolo a nuovi paesi”

B1EA4616-DAC3-462A-ADB2-FA674FFE6F77“Visto il grande successo degli ultimi 3 anni nella formazione sui refrigeranti alternativi, ottenuta grazie alla prima fase del Progetto Real Alternatives, la Commissione Europea ci ha invitato a diffondere il più possibile i risultati e di attrarre nuovi paesi che grazie alla seconda fase potranno studiare le nuove tecnologie” dichiara il VicePresidente AREA Marco Buoni partner fondatore del Progetto.
Il 20 e 21 Giugno ha avuto luogo, presso l’UK Institute of Refrigeration (IOR) a Carshalton (UK), la riunione d’avvio di Real Alternatives for Life, programma d’apprendimento finanziato da Life, lo strumento finanziario europeo per la protezione ambientale e l’azione climatica.
Real Life EIl Real Alternatives for Life, avviato lo scorso metà Giugno, è un’estensione del progetto Real Alternatives, programma di apprendimento nato con lo scopo di affrontare le lacune nelle competenze tra i tecnici che lavorano nel settore della refrigerazione, dell’aria condizionata e delle pompe di calore, puntando il focus sui refrigeranti alternativi, anidride carbonica, ammoniaca, idrocarburi e refrigeranti HFO.
Durante il kick-off meeting svoltosi il 20 e 21 Giugno a Carshalton, presso l’Institute of Refrigeration, i partner presenti all’incontro hanno avuto la possibilità di discutere approfonditamente del piano d’azione da attuare lungo la durata di 3 anni previsti dal progetto, con l’obiettivo di ottenere i risultati previsti dal programma di finanziamento europeo. Continua a leggere