Polonia, sequestrate 25 tonnellate di refrigerante importate illegalmente

20190408_srodkichlodnicze03Siamo costretti a tornare, ancora una volta, sull’argomento delle importazioni illegali. È infatti notizia di questi giorni che le autorità polacche hanno confiscato un carico di circa 25 tonnellate di refrigerante importato in maniera illecita.
Il valore del sequestro, eseguito dagli agenti doganali nella città di Łódź, ammonta a più di 580mila euro, il che lo renderebbe il più grande in Europa. Il rinvenimento è avvenuto durante le procedure di sdoganamento di due spedizioni provenienti dall’Ucraina.
I due carichi di gas refrigerante, importati senza i permessi necessari, comprendevano bombole monouso illegali di R134a, R404A e R410A, per un peso complessivo di 24.459 kg.
Adesso, a decidere il destino della spedizione sarà un tribunale che potrebbe ordinare la confisca del refrigerante. È anche possibile, però, che venga disposta la sua distruzione a spese dell’importatore.
Insomma, come denunciato da AREA, la questione del commercio illegale di gas refrigerante, e in particolare di HFC, non può e non deve essere sottovalutato.


Questo articolo è offerto da Centro Studi Galileo, il più autorevole Centro Formativo in Italia, considerato uno dei primi in Europa e nel mondo, per l’attività di formazione (Corsi) e informazione (Convegno Europeo) nei settori della refrigerazione e del condizionamento.
Fondato nel 1975 ha formato circa 60mila Tecnici e da sempre collabora con realtà internazionali, sviluppando partnership di altissimo livello con le Nazioni Unite, l’Istituto Internazionale del Freddo e la Commissione Europea. Le Nazioni Unite hanno scelto Centro Studi Galileo per la formazione dei Tecnici nei paesi in via di sviluppo.
E’ Editore di Industria&Formazione, la prima rivista italiana del settore.
Dal Centro Studi Galileo, recependo le direttive europee e nazionali, nascono il Patentino Europeo Frigoristi e il Patentino Italiano Frigoristi, Certificazioni che hanno permesso ai Tecnici italiani del Freddo di battere la concorrenza a basso costo e dare piena dignità ad una Professione che meritava da tempo di essere riconosciuta offrendo una Patente ai Tecnici che operano con capacità tecniche, senza rischi e a impatto zero.

 

Rispondi