NUOVA RUBRICA: APPROFONDIAMO IL DECRETO e la BANCA DATI F-GAS – Mantenimento della Certificazione aziendale e del patentino personale F-gas

bancadati-fgas

Come sappiamo sia la certificazione f-gas dell’azienda che la certificazione della persona sono soggette al mantenimento annuale. Il mantenimento avviene via mail: è sufficiente rispondere alla mail con la quale l’ente certificatore vi ha contattato allegando la documentazione richiesta.

Capita a volte che, per vari motivi, l’operazione non vada a buon fine. E’ importante sapere che, decorsi sei mesi dalla scadenza del mantenimento annuale, il certificato decade e bisogna rifare l’audit o l’esame sostenendo nuovamente i costi per riottenere la certificazione.

E’ possibile conoscere lo stato della vostra certificazione personale o aziendale attraverso il sito www.fgas.it. Sulla sinistra, in rosso, cliccate sulla voce “consultazione” e successivamente su sezione c “delle persone e delle imprese certificate”. Sulla videata che compare è sufficiente compilare il campo relativo alla ragione sociale o al cognome e il campo relativo al profilo: nel caso  sia stata inserita la ragione sociale scegliere impresa; nel caso sia stato inserito il cognome scegliere persona. Vengono visualizzate tutte le persone o aziende che contengono il nominativo richiesto.

Continua a leggere

NUOVA RUBRICA: APPROFONDIAMO IL DECRETO e la BANCA DATI F-GAS – Obblighi di legge per i gas riciclati

bancadati-fgas

Il gas riciclato: obblighi di legge

A partire dal 1° gennaio 2020 tutte le attività di assistenza e manutenzione su apparecchiature di refrigerazione funzionanti con gas fluorurati avente un gwp superiore a 2500 e con un contenuto di refrigerante pari o superiore a 40 tonnellate di CO2 possono essere svolte esclusivamente con gas rigenerato o riciclato. E’ il caso di apparecchiature che contengono gas come il 404a o il 507 in quantità superiore ai 10 kg circa.

Conformemente all’art 12 par 6, i gas fluorurati ad effetto serra rigenerati o riciclati sono etichettati con l’indicazione che la sostanza è stata rigenerata o riciclata, informazioni sul numero di lotto e il nome e l’indirizzo dell’impianto di rigenerazione o riciclaggio. Seguendo le indicazioni della Banca Dati, se l’attività di riciclaggio (per la cui definizione si rimanda al Regolamento 517/2014) del F-gas viene svolta dal manutentore con un’attrezzatura idonea a tale funzione, nella comunicazione dell’intervento si dovrà indicare che l’F-Gas è stato riciclato dalla stessa impresa certificata che svolge l’intervento, specificando se viene utilizzato nella stessa apparecchiatura dalla quale è stato recuperato o in altre. In entrambi i casi si dovrà indicare il nominativo del produttore ed il modello dell’attrezzatura usata per riciclare il gas.

E’ opportuno sottolineare che durante l’inserimento in Banca Dati, alla voce manutenzione viene chiesto se è stata svolta attività di recupero. A tal fine è opportuno riportare le istruzioni contenute nel manuale per la comunicazione degli interventi: “scegliere SI se, nel corso delle operazioni e prima dello smaltimento dei prodotti o delle apparecchiature, è stata svolta un’attività di recupero ovvero di raccolta e stoccaggio di gas fluorurati a effetto serra e indicare la quantità di F-GAS recuperata. Scegliere NO se tutti gli F-GAS sono stati reinseriti nell’apparecchiatura”. Pertanto nel caso di un intervento di manutenzione, se il gas viene recuperato per poi essere immesso nuovamente nella stessa apparecchiatura, l’attività di recupero non va segnalata. Va segnalato il recupero solamente quando finalizzato al riciclaggio, riciclo o smaltimento.

Continua a leggere

NUOVA RUBRICA: APPROFONDIAMO IL DECRETO e la BANCA DATI F-GAS – Registrazione dell’apparecchiatura in caso di vendita

bancadati-fgas

Gli installatori devono registrare anche la vendita dell’apparecchiatura?

La vendita dell’apparecchiatura è soggetta a registrazione solamente a particolari condizioni:

innanzi tutto l’apparecchiatura non deve essere ermeticamente sigillata. Naturalmente non ci sono dubbi nel caso di apparecchiature il cui circuito deve essere assemblato: in questo caso infatti non può trattarsi di un’apparecchiatura ermeticamente sigillata. Qualora invece il circuito sia già completo, si tratta di un’informazione che posso recuperare esclusivamente da targhetta. Solamente la vendita delle apparecchiature non ermeticamente sigillate vanno dichiarate in Banca Dati.

Altro requisito essenziale è che le apparecchiature contengano gas fluorurati ad effetto serra. Qualora contengano altri gas, la registrazione in Banca Dati non è richiesta

Ultimo requisito è che si conosca l’utente finale. Se, al momento dell’acquisto, non si è a conoscenza dell’utente finale, la dichiarazione al portale non è dovuta. Verrà fatta contestualmente all’installazione.

Per essere più chiari ipotizziamo che l’installatore vada presso un rivenditore per acquistare un’apparecchiatura di cui conosce l’utente finale: in questo caso la dichiarazione di vendita spetta al rivenditore. Se invece l’installatore compra l’apparecchiatura senza conoscere l’utente finale e la tiene a magazzino, dovrà provvedere a dichiarare sia la vendita che l’installazione

Continua a leggere

NUOVA RUBRICA: APPROFONDIAMO IL DECRETO – Certificati F-Gas in tempi di Coronavirus

bancadati-fgas

Il periodo di fermo delle attività non essenziali ha portato alcune deroghe ai normali adempimenti F-Gas.

Innanzi tutto, anche in questo periodo, Accredia ha autorizzato il proseguo delle attività di certificazione sia delle persone che delle aziende se sussistono comprovate esigenze lavorative e urgenze (circolare 10/2020). L’autorizzazione prevede che gli esami teorici e pratici possano essere fatti in modalità on line, in diretta e registrati. Il Centro Studi Galileo sta continuando l’attività sia per la preparazione che per il rilascio dei patentini F-gas che per la preparazione alla certificazione dell’azienda, attività che sta riscuotendo molto successo in quanto si può seguire la sessione comodamente da casa.

Sempre Accredia, di concerto con il Ministero dell’Ambiente, ha emesso una circolare in cui tutti i certificati in scadenza nel periodo compreso tra  il 31 gennaio e il 15 aprile 2020 resteranno validi fino al 15 giugno. L’obbligo viene rimandato agli organismi di certificazione che devono quindi posticipare audit, scadenze, estensioni e mantenimenti.

Per quanto riguarda invece le scadenze dei controlli periodici delle apparecchiature con più di 5 tonnellate di CO2, non c’è alcuna circolare specifica alla data odierna. Tuttavia, è auspicabile pensare che la stessa proroga valga per i controlli obbligatori delle apparecchiature che andavano verificate nel periodo di chiusura forzata delle attività.

In questo momento, stiamo lavorando sia a livello italiano che europeo perché ciò avvenga.

Continua a leggere

NUOVA RUBRICA: APPROFONDIAMO DECRETO E BANCA DATI F-GAS – Chi acquista gas ma non effettua installazioni deve avere la certificazione?

bancadati-fgas

Sono titolare di una piccola ditta che produce apparecchiature contenenti gas fluorurati ad effetto serra, ma non ci occupiamo di installazione delle stesse. Facciamo riparazione esclusivamente presso la sede di produzione. Per poter acquistare il gas il fornitore ci richiede la certificazione f-gas dell’azienda. Senza certificazione non ci vendono il gas.

Devo pertanto provvedere alla certificazione?

Le aziende che forniscono gas fluorurati ad effetto serra hanno l’obbligo di dichiarare la vendita del gas in Banca Dati. Ai fini della dichiarazione il venditore deve individuare se

  1. L’azienda a cui vende il gas è un’azienda sottoposta all’obbligo di certificazione aziendale,
  2. Se necessita solamente di certificazione del personale e non aziendale
  3. Oppure se non necessita né dell’una né dell’altra.

La decisione sulla categoria di appartenenza della ditta acquirente dipende dal tipo di attività svolte dalla stessa. Naturalmente il venditore non deve preoccuparsi oltremodo di definire a quale categoria appartiene l’acquirente.

Nel caso in cui la ditta acquirente sia in possesso di certificazione aziendale il venditore inserirà in Banca Dati il numero di certificato f-gas della ditta.

Sono obbligate ad essere certificate tutte le ditte che si occupano di installazione, manutenzione, riparazione, controllo delle perdite di apparecchiature fisse di refrigerazione contenenti gas fluorurati ad effetto serra. Continua a leggere

Chemours: stop alla fornitura dei refrigeranti ad alto GWP R-404A e R-507A nell’UE a partire dal 1° gennaio 2020

l_chemours-2A

The Chemours Company, azienda chimica globale nonché leader nel mercato delle tecnologie in titanio, ha annunciato il 18 dicembre che, a partire dal 1° gennaio 2020, sospenderà la fornitura di gas refrigeranti ad alto GWP, in particolare R-404A (caratterizzato da un GWP pari a 3922) e R-507A (caratterizzato da un GWP pari a 3985).

La decisione è stata presa per venire incontro alle nuove disposizioni europee in merito alla nuova regolamentazione F-GAS, e alla conseguente transizione di mercato, in preparazione al phase-down previsto per il 2021. Continua a leggere

Da Chemours una guida alle normative sui refrigeranti in Nord America

l_chemours-2AChemours ha pubblicato un’utile scheda informativa focalizzata sullo stato delle norme riguardanti i refrigeranti in America del Nord sia a livello federale che statale.
Dal punto di vista internazionale le normative di riferimento più importanti sono indubbiamente il Protocollo di Montreal e l’Emendamento di Kigali al Protocollo di Montreal, ma negli Stati Uniti e in Canada sono state adottate altre misure per disciplinare l’utilizzo degli HFC. Continua a leggere

La Commissione UE riceve la bozza del decreto sulla prevenzione incendi per gli impianti di condizionamento: novità sull’uso di refrigeranti A1 e A2L

building-business-caution-2282658Sono in arrivo delle novità importanti per quanto concerne gli impianti di condizionamento e climatizzazione considerati rilevanti ai fini della sicurezza antincendio.
L’Italia ha infatti inviato alla Commissione europea la bozza del Decreto Ministeriale recante “Disposizioni di prevenzione incendi per gli impianti di climatizzazione inseriti nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi”. Il provvedimento, una volta adottato, consentirebbe l’utilizzo di refrigeranti a ridotto GWP, seppur classificati come fluidi “a bassa infiammabilità”.
Continua a leggere

Bitzer presenta il regolo refrigeranti rinnovato

bitzer-appBITZER, lo specialista in tecnologie per la refrigerazione e il condizionamento dell’aria, ha revisionato il suo strumento di riferimento gratuito per refrigeranti installabile su smartphone: BITZER Refrigerant Ruler.
L’app BITZER Refrigerant Ruler completamente rinnovata permette di determinare in modo facile e rapido i dati relativi alla refrigerazione. Già nel 2016 BITZER aveva aggiornato l’aspetto e l’uso dell’applicazione introdotta nel 2010. Specificatamente ideata per tablet e smartphone iOS e Android questa nuova app contiene tutti i comuni refrigeranti, inclusi importanti dati di prodotto, le informazioni sulla sicurezza, il potenziale di riscaldamento globale (GWP), il potenziale di distruzione dell’ozono (ODP) e le informazioni sulla scelta del tipo di olio per il compressore. Continua a leggere