NUOVA RUBRICA: APPROFONDIAMO IL DECRETO e la BANCA DATI F-GAS – Obblighi di legge per i gas riciclati

bancadati-fgas

Il gas riciclato: obblighi di legge

A partire dal 1° gennaio 2020 tutte le attività di assistenza e manutenzione su apparecchiature di refrigerazione funzionanti con gas fluorurati avente un gwp superiore a 2500 e con un contenuto di refrigerante pari o superiore a 40 tonnellate di CO2 possono essere svolte esclusivamente con gas rigenerato o riciclato. E’ il caso di apparecchiature che contengono gas come il 404a o il 507 in quantità superiore ai 10 kg circa.

Conformemente all’art 12 par 6, i gas fluorurati ad effetto serra rigenerati o riciclati sono etichettati con l’indicazione che la sostanza è stata rigenerata o riciclata, informazioni sul numero di lotto e il nome e l’indirizzo dell’impianto di rigenerazione o riciclaggio. Seguendo le indicazioni della Banca Dati, se l’attività di riciclaggio (per la cui definizione si rimanda al Regolamento 517/2014) del F-gas viene svolta dal manutentore con un’attrezzatura idonea a tale funzione, nella comunicazione dell’intervento si dovrà indicare che l’F-Gas è stato riciclato dalla stessa impresa certificata che svolge l’intervento, specificando se viene utilizzato nella stessa apparecchiatura dalla quale è stato recuperato o in altre. In entrambi i casi si dovrà indicare il nominativo del produttore ed il modello dell’attrezzatura usata per riciclare il gas.

E’ opportuno sottolineare che durante l’inserimento in Banca Dati, alla voce manutenzione viene chiesto se è stata svolta attività di recupero. A tal fine è opportuno riportare le istruzioni contenute nel manuale per la comunicazione degli interventi: “scegliere SI se, nel corso delle operazioni e prima dello smaltimento dei prodotti o delle apparecchiature, è stata svolta un’attività di recupero ovvero di raccolta e stoccaggio di gas fluorurati a effetto serra e indicare la quantità di F-GAS recuperata. Scegliere NO se tutti gli F-GAS sono stati reinseriti nell’apparecchiatura”. Pertanto nel caso di un intervento di manutenzione, se il gas viene recuperato per poi essere immesso nuovamente nella stessa apparecchiatura, l’attività di recupero non va segnalata. Va segnalato il recupero solamente quando finalizzato al riciclaggio, riciclo o smaltimento.


Su Industria e Formazione online abbiamo iniziato una nuova rubrica con le domande dai tecnici.

Pubblicate singolarmente permettono un approfondimento e commenti sui social network della nostra vasta rete dove giornalmente migliaia di tecnici commentano e si confrontano.

Vista l’importanza vogliamo affrontare ogni argomento singolarmente, argomenti anche molto richiesti alla segreteria ATF.

Per tutte le altre domande riferirsi alle FAQ di Banca dati molto complete. Inoltre Ecocamere risponde e aggiunge i nuovi quesiti velocemente. Clicca qui.

Questo articolo è offerto da Centro Studi Galileo, il più autorevole Centro Formativo in Europa, considerato uno dei primi nel mondo, per l’attività di formazione (Corsi) e informazione (Convegno Europeo) nei settori della refrigerazione e del condizionamento.
Fondato nel 1975 ha formato circa 60mila Tecnici e da sempre collabora con realtà internazionali, sviluppando partnership di altissimo livello con le Nazioni Unite, l’Istituto Internazionale del Freddo e la Commissione Europea. Le Nazioni Unite hanno scelto Centro Studi Galileo per la formazione dei Tecnici nei paesi in via di sviluppo.
È Editore di Industria&Formazione, la prima rivista italiana del settore.
Dal Centro Studi Galileo, recependo le direttive europee e nazionali, nascono il Patentino Europeo Frigoristi e il Patentino Italiano Frigoristi, Certificazioni che hanno permesso ai Tecnici italiani del Freddo di battere la concorrenza a basso costo e dare piena dignità ad una Professione che meritava da tempo di essere riconosciuta offrendo una Patente ai Tecnici che operano con capacità tecniche, senza rischi e a impatto zero. Per info scrivere a corsi@centrogalileo.it 

Rispondi