Bulgaria, sequestrata più di una tonnellata di HFC illegali

bulgarian_illegal_hfcsA Kapitan Andreevo, lungo il confine bulgaro-turco, è stato sventato un tentativo di far entrare in Bulgaria più di una tonnellata di refrigerante HFC contenuto in bombole monouso illegali.
La scoperta ad opera dei funzionari doganali è avvenuta durante un controllo di routine effettuato su un furgone, proveniente dalla Turchia, guidato da un cittadino turco oltre il confine.
Fra le merci regolarmente dichiarate, le autorità bulgare hanno rivenuto 96 bombole illegali di HFC, per un totale di 1123.2kg di R134a e R404A.
Il refrigerante e il furgone sono stati sequestrati, mentre il conducente è stato accusato di violazione delle leggi doganali.
La Bulgaria, stando all’ultimo rapporto dell’Agenzia di Investigazione Ambientale, rappresenta uno dei principali punti di ingresso per il commercio illegale di idrofluorocarburi all’interno dell’Unione Europea.


Questo articolo è offerto da Centro Studi Galileo, il più autorevole Centro Formativo in Italia, considerato uno dei primi in Europa e nel mondo, per l’attività di formazione (Corsi) e informazione (Convegno Europeo) nei settori della refrigerazione e del condizionamento.
Fondato nel 1975 ha formato circa 60mila Tecnici e da sempre collabora con realtà internazionali, sviluppando partnership di altissimo livello con le Nazioni Unite, l’Istituto Internazionale del Freddo e la Commissione Europea. Le Nazioni Unite hanno scelto Centro Studi Galileo per la formazione dei Tecnici nei paesi in via di sviluppo.
È Editore di Industria&Formazione, la prima rivista italiana del settore.
Dal Centro Studi Galileo, recependo le direttive europee e nazionali, nascono il Patentino Europeo Frigoristi e il Patentino Italiano Frigoristi, Certificazioni che hanno permesso ai Tecnici italiani del Freddo di battere la concorrenza a basso costo e dare piena dignità ad una Professione che meritava da tempo di essere riconosciuta offrendo una Patente ai Tecnici che operano con capacità tecniche, senza rischi e a impatto zero.

Rispondi