Europa e USA a Casale Monferrato per definire la certificazione dei Tecnici del Freddo di tutto il mondo

P1020331Lo scorso 10 e 11 giugno, Casale Monferrato ha ospitato una delegazione internazionale di dieci esperti mondiali del settore HVACR per la prima sessione di orientamento del progetto RDL (Refrigerant Driving License, la certificazione dei Tecnici del Freddo a livello mondiale).
Nel corso di questa sessione di orientamento, sono stati revisionati e aggiornati i materiali di formazione e valutazione che verranno presentati durante le prime sessioni pilota. L’incontro si è tenuto presso la sede di Centro Studi Galileo che, sulla scia di quanto già fatto in Italia, è impegnato nell’elaborazione degli standard della RDL. Quest’ultima sarà un programma globalmente riconosciuto che stabilisce i requisiti minimi per un utilizzo corretto e sicuro dei gas refrigeranti nelle apparecchiature di condizionamento e refrigerazione.
L’obiettivo del programma è quello di supportare i Paesi in via di Sviluppo nella transizione ai refrigeranti alternativi, aumentare la sicurezza di tecnici e utilizzatori finali e ridurre le emissioni di gas a effetto serra e di sostanze ozonolesive. Il programma è sviluppato in collaborazione con UN Environment (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente) e AHRI (Air-Conditioning, Heating, and Refrigeration Institute), la principale associazione nordamericana dei costruttori di impianti.
Nell’ambito di questo progetto Centro Studi Galileo ha organizzato la “Master Trainers Orientation Session”, una sessione di orientamento, teorica e pratica, rivolta a docenti di tutto il mondo per uniformare le modalità di svolgimento degli esami e dei corsi per l’utilizzo corretto di qualsiasi tipo di refrigerante.
Oltre al padrone di casa Marco Buoni, Direttore del CSG, e a Ayman Eltalouny dell’UN Environment, erano presenti in qualità di docenti il filippino Manuel Azucena, l’italiano Gianfranco Cattabriga, il britannico Graeme Fox, lo statunitense Greg Jourdan e Madi Sakandé del Burkina Faso.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi