Lotta ai refrigeranti illegali: come segnalare i traffici alle Nazioni Unite – UNEP

UNEP-new-logo

Disponibile un pratico modello standard per segnalare traffici (oltre ai sequestri di gas e strumentazioni) all’Ozone Secretariat dello United Nations Environment Programme, e contribuire così alla lotta ai refrigeranti illegali.

Il documento, una volta compilato, può essere inviato direttamente via email all’Ozone Secretariat (rabbiosi@un.org oppure mea-ozoneinfo@un.org).

Ciò vale in particolare per i sequestri segnalati al “Global Montreal Protocol Award for Customs and Enforcement Officer“, il premio nato per valorizzare il grandissimo lavoro che le dogane e le forze dell’ordine compiono ogni giorno per stroncare i traffici illegali, traffici che mettono a rischio i risultati di salvaguardia ambientale ottenuti grazie al Protocollo di Montreal.

Lo stesso Centro Studi Galileo, più importante ente per la Formazione sul Freddo e da anni collaboratore delle Nazioni Unite, ha ospitato, di recente, un webinar con l’associazione EFCTC destinato a sensibilizzare sulla lotta ai refrigeranti illegali.

Come esempio, è già disponibile il report di una serie di sequestri avvenuti in Polonia, che hanno inoltre permesso la candidatura al premio degli agenti competenti.

L’importanza della lotta ai refrigeranti illegali è di primaria importanza: questi gas esulano di fatto dai conteggi fatti per abbattere le emissioni nocive all’interno dell’ambiente, rischiando di vanificare gli sforzi messi in atto grazie al Protocollo di Montreal. Dal 2002, l’Ozone Secretariat ha il compito di raccogliere ogni informazione possibile sui traffici illegali, e di renderne partecipi tutte le parti coinvolte, oltre a studiare nuovi metodi per contrastare il fenomeno.

Il documento può essere scaricato CLICCANDO QUI.

Questo articolo è offerto da Centro Studi Galileo, il più autorevole Centro Formativo in Europa, considerato uno dei primi nel mondo, per l’attività di formazione (Corsi) e informazione (Convegno Europeo) nei settori della refrigerazione e del condizionamento.
Fondato nel 1975 ha formato circa 60mila Tecnici e da sempre collabora con realtà internazionali, sviluppando partnership di altissimo livello con le Nazioni Unite, l’Istituto Internazionale del Freddo e la Commissione Europea. Le Nazioni Unite hanno scelto Centro Studi Galileo per la formazione dei Tecnici nei paesi in via di sviluppo.
È Editore di Industria&Formazione, la prima rivista italiana del settore.
Dal Centro Studi Galileo, recependo le direttive europee e nazionali, nascono il Patentino Europeo Frigoristi e il Patentino Italiano Frigoristi, Certificazioni che hanno permesso ai Tecnici italiani del Freddo di battere la concorrenza a basso costo e dare piena dignità ad una Professione che meritava da tempo di essere riconosciuta offrendo una Patente ai Tecnici che operano con capacità tecniche, senza rischi e a impatto zero. Per info scrivere a corsi@centrogalileo.it 

Rispondi