Anche l’India ratifica Kigali!

Da www.nrdc.org:
Arriva l’annuncio del primo ministro indiano: si prevede che l’eliminazione graduale degli HFC, che vengono utilizzati negli apparecchi di raffreddamento, nelle schiume isolanti e altro, eviterà un riscaldamento di quasi 0,5°C entro la fine del secolo.

La ratifica dell’India, nota per le elevatissime emissioni, è un enorme passo avanti verso il successo dell’emendamento di Kigali. La Cina ha ratificato l’accordo all’inizio di quest’anno, insieme ad altre 121 nazioni che hanno ratificato fino ad oggi.

Il governo indiano prevede di sviluppare una strategia nazionale per l’eliminazione graduale degli HFC nel prossimo anno, processo che comporterà la collaborazione con le industrie e si concluderà entro il 2023. Il governo prevede inoltre di aggiornare il quadro giuridico esistente per eliminare gradualmente le sostanze lesive per l’ozono entro la metà del 2024.

Questo comporterà numerosi vantaggi per l’India: darà una spinta agli obiettivi di produzione interna e di creazione di posti di lavoro, stimolando l’innovazione nazionale e attirando investimenti internazionali. La ratifica è un ulteriore passo avanti negli impegni dell’India sul cambiamento climatico e sul raffreddamento e rafforzerà ulteriormente la posizione del paese nel Protocollo di Montreal. L’India ha mostrato la sua leadership nel 2019, quando ha emesso l’India Cooling Action Plan (ICAP), che fissa obiettivi nazionali per l’efficienza di raffreddamento e i refrigeranti. La firma cementerà i progressi compiuti finora e velocizzerà l’attuazione dell’ICAP. Inoltre, il governo indiano indica importanti risparmi di gas serra e l’opportunità di aumentare l’efficienza energetica dei dispositivi di raffreddamento che utilizzano alternative HFC.

Le industrie indiane hanno già guidato il mondo nello sviluppo di alternative agli HFC. Il settore delle schiume isolanti, un uso importante di gas fluorurati, ha evitato quasi del tutto l’assorbimento di HFC, e il mercato indiano della climatizzazione per ambienti chiusi ha il più grande segmento al mondo di modelli a base di R-290 rispettosi del clima.

La produzione e il consumo di HFC in India saranno limitati ai livelli della metà del 2020 nel 2028 e da lì gradualmente diminuiranno. Seguirà un programma di riduzione del 10% nel 2032, del 20% nel 2037, del 30% nel 2042 e dell’80% nel 2047. A partire dalla ratifica, ai produttori indiani di fluorocarburi sarà anche vietato emettere HFC-23 super potente, un sottoprodotto che è anche il più dannoso di tutti gli HFC. Il governo indiano ha richiesto tale cattura e controllo dal 2016.

NRDC

La ratifica dell’India richiama l’attenzione anche sugli Stati Uniti, nel bel mezzo della stesura di regolamenti per attuare l’emendamento di Kigali a livello nazionale, che dovrebbe concretizzarsi nel giro di pochi mesi. È in corso anche la ratifica formale di Kigali, con la Casa Bianca che dovrebbe sottoporre l’emendamento al Senato per l’approvazione.

NRDC ha a lungo sostenuto la riduzione graduale dell’HFC con paesi di tutto il mondo, inclusa l’India, ed è molto lieta di vedere il governo compiere questo passo proattivo e di leadership. Il compito ora diventa attuazione e azione tempestiva ove possibile, sia in India che all’estero.

Per maggiori dettagli vedere la scheda NRDC-TERI:  India e l’emendamento di Kigali al protocollo di Montreal .

Rispondi