Bulgaria, refrigerante illegale viene messo all’asta: verrà distrutto per mancanza di acquirenti

bulgaria illegal cylindersL’Agenzia delle dogane bulgara ha annullato la vendita di 10 tonnellate di refrigerante importato illegalmente che aveva precedentemente deciso di mettere all’asta.
Come riportato da Cooling Post, si tratta di più di dieci tonnellate di R404A e R410A contenute in 977 bombole monouso illegali e importate al di fuori fuori del “sistema quote”. Il sequestro delle merci era avvenuto nel 2017 durante un controllo effettuato dalle autorità della Bulgaria su una spedizione proveniente dalla Serbia.
Attraverso una nota apparsa sul proprio sito, l’Agenzia delle dogane ha comunicato la propria decisione: “In assenza di candidati in possesso dei documenti per la partecipazione alla procedura di gara nel periodo specificato – 2019/06/21, l’asta si conclude senza la realizzazione di una vendita di merce, che resta nel deposito dell’Agenzia e sarà soggetta a distruzione nel rispetto dei requisiti normativi e ambientali“.
Chissà se la stessa sorte toccherà alle 96 bombole illegali di HFC sequestrate lo scorso aprile alla frontiera tra Bulgaria e Turchia.


Questo articolo è offerto da Centro Studi Galileo, il più autorevole Centro Formativo in Italia, considerato uno dei primi in Europa e nel mondo, per l’attività di formazione (Corsi) e informazione (Convegno Europeo) nei settori della refrigerazione e del condizionamento.
Fondato nel 1975 ha formato circa 60mila Tecnici e da sempre collabora con realtà internazionali, sviluppando partnership di altissimo livello con le Nazioni Unite, l’Istituto Internazionale del Freddo e la Commissione Europea. Le Nazioni Unite hanno scelto Centro Studi Galileo per la formazione dei Tecnici nei paesi in via di sviluppo.
È Editore di Industria&Formazione, la prima rivista italiana del settore.
Dal Centro Studi Galileo, recependo le direttive europee e nazionali, nascono il Patentino Europeo Frigoristi e il Patentino Italiano Frigoristi, Certificazioni che hanno permesso ai Tecnici italiani del Freddo di battere la concorrenza a basso costo e dare piena dignità ad una Professione che meritava da tempo di essere riconosciuta offrendo una Patente ai Tecnici che operano con capacità tecniche, senza rischi e a impatto zero.

 

Rispondi