Chemours: stop alla fornitura dei refrigeranti ad alto GWP R-404A e R-507A nell’UE a partire dal 1° gennaio 2020

l_chemours-2A

The Chemours Company, azienda chimica globale nonché leader nel mercato delle tecnologie in titanio, ha annunciato il 18 dicembre che, a partire dal 1° gennaio 2020, sospenderà la fornitura di gas refrigeranti ad alto GWP, in particolare R-404A (caratterizzato da un GWP pari a 3922) e R-507A (caratterizzato da un GWP pari a 3985).

La decisione è stata presa per venire incontro alle nuove disposizioni europee in merito alla nuova regolamentazione F-GAS, e alla conseguente transizione di mercato, in preparazione al phase-down previsto per il 2021.

Dal comunicato stampa di Chemours:

Il regolamento sui gas fluorurati (REGOLAMENTO (UE) n. 517/2014) impone specifici divieti d’uso, come indicato nell’allegato III della legislazione. A partire dal 1° gennaio 2020, sarà vietata la vendita di impianti fissi di refrigerazione che contengono, o il cui funzionamento si basa, sugli HFC con GWP di 2.500 o più (tranne gli impianti destinati ad applicazioni progettate per raffreddare prodotti a temperature inferiori a -50°C).

Inoltre, il regolamento mira a ridurre la quantità di HFC immessi sul mercato su un periodo di 15 anni e il prossimo phase-down della quota entrerà in vigore il 1° gennaio 2021. L’obiettivo potrà essere raggiunto passando dai refrigeranti ad alto GWP come R-404A e R-507A a refrigeranti a basso GWP come quelli del portafoglio di prodotti Opteon™. Chemours offre diverse opzioni per una transizione regolare ed efficace: Opteon™ XP40 (R-449A), una soluzione per il retrofit di impianti esistenti e Opteon™ XL40 (R-454A) e XL20 (R-454C), soluzioni sostenibili a lungo termine progettate per i nuovi impianti.

I refrigeranti ad alto GWP verranno quindi gradualmente sostituiti. Chemours, sempre nel comunicato stampa, ha reso nota la sua intenzione di offrire come alternativa Opteon™ XP40 (R-449A), una soluzione per il retrofit di impianti esistenti e Opteon™ XL40 (R-454A) e XL20 (R-454C), sostenibili a lungo termine e progettate per i nuovi impianti.

Rispondi