IEC: proposto l’aumento delle cariche di idrocarburi nei climatizzatori domestici

© Sorapong Chaipanya/ 123RF.com

Da www.accelerate24.news
Un gruppo di lavoro della International Electrotechnical Commission (IEC) ha presentato una proposta per aggiornare la norma di sicurezza (IEC 60335-2-40) per i sistemi di condizionamento dell’aria, le pompe di calore e i deumidificatori, che consentirebbe l’uso di grandi quantità di refrigeranti infiammabili, come il propano (R290), in tutto il mondo.

La proposta (61D/455/CDV) è stata rilasciata il 7 Agosto; i paesi membri rappresentati nel sottocomitato 61D della IEC avranno tempo fino al 30 ottobre per votare. Sono comprese le modifiche relative ai limiti di carica dei refrigeranti A3 (infiammabili), A2 (infiammabili in misura ridotta) e A2L (infiammabili in quantità inferiore). 

L’Environmental Investigation Agency (EIA), sia dagli uffici di Washington, D.C. che da quelli di Londra, sta sollecitando l’adozione dello standard di sicurezza proposto.

Stiamo lavorando sulla proposta dal 2015“, ha detto Asbjậrn Vonsild, a capo di Vejle, Vonsild Consulting con sede in Danimarca, e organizzatore del gruppo di lavoro che si è occupato della proposta. Se questa dovesse passare, allora “sarà pubblicata nella settima edizione di IEC 60335-2-40, entro la fine del 2021“, ha aggiunto.

Tuttavia, dopo la pubblicazione della norma IEC 60553-2-40 riveduta, gli organismi di normazione regionali e nazionali dovranno adottarla prima che possa entrare de facto in vigore in tali mercati.

Vonsild ha fatto notare che la proposta 61D/455/CDV di aumentare i limiti di carica per i refrigeranti infiammabili è solo una delle numerose proposte portate avanti per la norma IEC 60335-2-40. Un’altra è la proposta 61D/457/CDV, che riguarda i rilevatori di gas per la rilevazione di perdite in sistemi con refrigeranti infiammabili.

Vonsild ha spiegato che la carica massima di idrocarburi in un ambiente molto grande non verrà modificata dalla proposta, e per gli idrocarburi negli elettrodomestici interni è ancora di circa 1 kg (2,2 libbre) per circuito. “Ciò che viene cambiato è l’importo che potrà essere utilizzato in una stanza di dimensioni normali“, ha detto.

In base alla proposta, Vonsild ha osservato, i mezzi primari per aumentare la quantità di refrigerante idrocarburico che può essere utilizzato sono il flusso d’aria di circolazione, le valvole di sicurezza di arresto e una serie di requisiti di costruzione aggiuntivi “per garantire una progettazione robusta.

Per esempio, in una stanza di 20m2 con soffitto a due metri e venti, ad oggi un climatizzatore potrebbe contenere 334g di R290. “Con la proposta, il limite di carica diventerà più complesso rispetto al passato così da prendere misure di sicurezza aggiuntive in considerazione“, ha detto. Per questa stanza i limiti di R290 sarebbero:

  • 334g per un sistema split standard.
  • 585g rispettando i requisiti di costruzione aggiuntivi per una progettazione robusta.
  • 836g con sufficiente flusso d’aria (che può richiedere un rilevatore di gas per garantire il rilevamento di perdite). “La quantità di flusso d’aria disponibile determinerebbe il limite di carica“, ha osservato Vonsild. “Per ridurre il flusso d’aria richiesto possono essere applicati requisiti costruttivi aggiuntivi per una progettazione robusta.
  • 988g se si utilizzano valvole di chiusura di sicurezza per garantire che la quantità di R290 fuoriuscita sia inferiore ai limiti di cui sopra.

Vonsild ha osservato che la proposta 61D/455/CDV dovrebbe passare, “in quanto include anche miglioramenti in merito a molti altri aspetti“, tra i quali:

  • Consentire una progettazione più semplice per i refrigeranti infiammabili, ad esempio attraverso requisiti rivisti per evitare archi e scintille da componenti elettrici e superfici calde.
  • Aumentare i limiti di carica per i refrigeranti A2L, in alcune circostanze.
  • Garantire una serie di miglioramenti relativi agli aspetti non connessi al l’aiuto.

In una dichiarazione pubblica, EIA ha esortato le parti interessate del Protocollo di Montreal a prendere atto della possibilità di votare la proposta 61D/455/CDV “e assicurare il sostegno per il suo rapido avanzamento e finalizzazione.

L’adozione di una nuova norma di sicurezza, per consentire l’uso di refrigeranti infiammabili negli impianti di condizionamento dell’aria, è fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi climatici e l’attuazione di accordi per la riduzione graduale degli HFC, come l’emendamento di Kigali, ai sensi del protocollo di Montreal“, ha dichiarato Clare Perry, EIA U.K. Climate Campaign Leader.

I refrigeranti idrocarburici rispettosi del clima sono stati utilizzati in modo sicuro in miliardi di frigoriferi domestici in tutto il mondo per decenni, ma sono stati in gran parte bloccati nell’utilizzo in climatizzazione da una serie di standard obsoleti“, ha aggiunto Christina Starr, Senior Climate Policy Analyst di EIA a Washington. D.C., membro del comitato tecnico standard statunitense per i condizionatori d’aria, UL 60335-2-40. “È di fondamentale importanza che i paesi sostengano questa proposta per sbloccare tutti i benefici climatici derivanti dalla riduzione degli HFC e dall’aumento dell’efficienza energetica nel raffreddamento“.

Inoltre, Starr ha osservato, “molti paesi, in particolar modo in via di sviluppo (come indicato dall’Articolo 5 del Protocollo di Montreal), sono in procinto di eliminare gradualmente refrigeranti che riducono lo strato di Ozono, gli idroclorofluorocarburi. Uno standard aggiornato, che consenta l’uso sicuro di refrigeranti rispettosi del clima, consentirà a questi paesi di “saltare” gli HFC super inquinanti e di passare direttamente a sostituti migliori per il condizionamento dell’aria“.

Secondo l’International Energy Agency (IEA) di Parigi, lo stock globale di condizionatori d’aria dovrebbe triplicare fino a 5,6 miliardi di unità entro il 2050. Aggiornare i condizionatori d’aria domestici tra il 2025 e il 2050 su base globale, “passando dai gas refrigeranti dannosi per il clima al propano potrebbe prevenire emissioni nocive pari a 1.400 centrali a carbone in funzione per un anno“, secondo il sito web di EIA. Ciò equivarrebbe a evitare 5,6 miliardi di tonnellate di emissioni di CO2 equivalenti.

EIA sta inoltre spingendo per un ban degli HFC nei condizionatosi split, e proponenedo il Propano (R290) come alternativa sostenibile. L’intenzione è quella di includere questi cambiamenti nella Regolamentazione Europea F-Gas, attualmente in fase di revisione.

Rispondi