ice formation

Phase-Down degli HFC in Europa: calano finalmente le emissioni

ice formation
Photo by Simon Matzinger on Pexels.com

Da www.eea.europa.eu
Dopo 13 anni di aumenti costanti, nel 2015 le emissioni europee di gas fluorurati a effetto serra sono diminuite per la prima volta, e nel 2018 sono inoltre calate del 5 % rispetto al 2017. I dati provengono dall’EEA Report ‘Fluorinated greenhouse gases 2020’.

Ciò può essere in parte attribuito al graduale phase degli (HFC) a livello dell’UE, stabilito dal regolamento F-Gas, che mira a ridurre le emissioni e a mitigare il riscaldamento globale. Gli HFC rappresentano la maggior parte delle emissioni di gas e l’UE è sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi e ridurne gradualmente l’uso entro il 2030. È inoltre sulla buona strada per rispettare l’obbligo internazionale di ridurre il consumo di HFC, in vigore dal 2019, ai sensi del protocollo di Montreal.

EU progress under the hydrofluorocarbon phase-down set out in the EU F-gas Regulation
Fig. 1: Progressi dell’UE nell’ambito del phase down degli HFC stabiliti dalla regolamentazione europea F-Gas

I gas fluorurati ad effetto serra, che comprendono gli idrofluorocarburi (HFC), i perfluorocarburi (PFC), l’esafluoruro di zolfo (SF6) e il trifluoruro di azoto (NF3),contribuiscono al riscaldamento globale. Il settore della refrigerazione, del condizionamento dell’aria e del riscaldamento rappresenta la maggior parte dell’uso di gas fluorurati nell’UE (emissioni e fornitura di gas fluorurati ad effetto serra in Europa, cfr. figura 3). Tra il 1990 e il 2014, le emissioni di gas fluorurati nell’UE sono aumentate complessivamente di circa il 70 % e hanno rappresentato circa il 3 % di tutte le emissioni di gas a effetto serra (GHG) (emissioni e fornitura di gas fluorurati ad effetto serra in Europa, cfr. figura 1).

La regolamentazione F-Gas (UE, 2014) mira a ridurre le emissioni di gas fluorurati entro i due terzi dei livelli del 2010 entro il 2030, migliorando la tenuta delle apparecchiature, promuovendo l’uso di alternative green e a operare una graduale riduzione delle emissioni di HFC.

EU progress towards the worldwide hydrofluorocarbon consumption phase-down under the Montreal Protocol
Fig. 2: progressi Europei in merito alla riduzione degli HFC dovuti Montreal Protocol

Sono stati compiuti ulteriori sforzi a livello dell’UE e degli Stati membri per ridurre le perdite di HFC dagli impianti di refrigerazione e condizionamento dell’aria, incoraggiare il recupero dei gas alla fine della durata di vita delle apparecchiature, promuovere l’uso di refrigeranti non HFC e vietare l’uso di HFC per determinate applicazioni. Finalmente, il processo di riduzione graduale degli HFC, dopo 13 anni di aumenti, ha avuto un impatto sulle emissioni, che sono diminuite dal 2015 di circa l’1-3 % all’anno e sono diminuite di oltre il 6 % nel 2018.

Questo articolo è offerto da Centro Studi Galileo, il più autorevole Centro Formativo in Europa, considerato uno dei primi nel mondo, per l’attività di formazione (Corsi) e informazione (Convegno Europeo) nei settori della refrigerazione e del condizionamento.
Fondato nel 1975 ha formato circa 60mila Tecnici e da sempre collabora con realtà internazionali, sviluppando partnership di altissimo livello con le Nazioni Unite, l’Istituto Internazionale del Freddo e la Commissione Europea. Le Nazioni Unite hanno scelto Centro Studi Galileo per la formazione dei Tecnici nei paesi in via di sviluppo.
È Editore di Industria&Formazione, la prima rivista italiana del settore.
Dal Centro Studi Galileo, recependo le direttive europee e nazionali, nascono il Patentino Europeo Frigoristi e il Patentino Italiano Frigoristi, Certificazioni che hanno permesso ai Tecnici italiani del Freddo di battere la concorrenza a basso costo e dare piena dignità ad una Professione che meritava da tempo di essere riconosciuta offrendo una Patente ai Tecnici che operano con capacità tecniche, senza rischi e a impatto zero. Per info scrivere a corsi@centrogalileo.it 

Rispondi