black ship on body of water screenshot

UNEP lancia l’allarme: “un terzo dei Paesi al mondo non ha leggi sulla qualità dell’aria esterna”

black ship on body of water screenshot
Photo by Chris LeBoutillier on Pexels.com

Da www.unep.org:
Un terzo dei paesi del mondo non ha standard di qualità dell’aria esterna (ambiente) obbligatori per legge. Laddove tali leggi esistono, gli standard variano ampiamente e spesso non combaciano con le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Inoltre, almeno il 31% dei paesi che hanno la possibilità di introdurre tali standard deve ancora adottarli. Questi sono alcuni dei risultati chiave della prima valutazione delle leggi e dei regolamenti sulla qualità dell’aria da parte del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP).

Il documento Regulating Air Quality: The first global assessment of air pollution legislation, lanciato in vista della Giornata internazionale dell’aria pulita, esamina la legislazione nazionale sulla qualità dell’aria in 194 Stati e nell’Unione europea. Esplorando vari aspetti dei quadri giuridici e istituzionali, il rapporto valuta la loro efficacia nel garantire il raggiungimento degli standard di qualità dell’aria. Il rapporto si conclude con elementi chiave per un solido modello di governance della qualità dell’aria da considerare nella legislazione nazionale e giustifica la considerazione di un trattato globale sugli standard di qualità dell’aria ambiente.

L’inquinamento atmosferico è stato identificato dall’OMS come il più grande rischio per la salute ambientale, con il 92% della popolazione mondiale che vive in luoghi in cui i livelli di inquinamento atmosferico superano i limiti di sicurezza, colpendo in modo sproporzionato donne, bambini e anziani nei paesi a basso reddito. Studi recenti suggeriscono possibili correlazioni tra gli impatti sulla salute del COVID-19 e l’inquinamento atmosferico.

L’OMS ha presentato una serie di valori guida per la qualità dell’aria esterna , ma, come mostra il rapporto, non esiste un allineamento globale e un quadro giuridico comune per applicarli. In almeno il 34% dei paesi, la qualità dell’aria esterna non è ancora tutelata legalmente. Anche laddove implementati, gli standard sono difficili da applicare: il 49% dei paesi del mondo definisce l’inquinamento atmosferico esclusivamente come una minaccia esterna, la copertura geografica degli standard di qualità dell’aria varia e oltre la metà dei paesi consente deviazioni da questi standard.

Inoltre, la responsabilità istituzionale per il raggiungimento degli standard è debole a livello globale: solo il 33% dei paesi impone obblighi per soddisfare gli standard previsti dalla legge. Il monitoraggio è fondamentale per sapere se gli standard vengono raggiunti, ma non è legalmente richiesto in almeno il 37% dei paesi. Infine, sebbene l’inquinamento atmosferico non conosca frontiere, solo il 31% dei paesi dispone di meccanismi legali per affrontare l’inquinamento atmosferico transfrontaliero.

Non ci sarà alcun tentativo di prevenire sette milioni di morti premature causate dall’inquinamento atmosferico ogni anno, un numero destinato a crescere di oltre il 50% entro il 2050“, ha affermato Inger Andersen, direttore esecutivo dell’UNEP. “L’aria che respiriamo è un bene pubblico fondamentale e i governi devono fare di più per garantire che sia pulita e sicura“.

Il diritto a un ambiente sano, che include l’aria pulita, fa parte del progetto presentato all’interno dell’Agenda 2030 e degli obiettivi di sviluppo sostenibile su buona salute, energia pulita e accessibile, città sostenibili, produzione responsabile e vita sulla terra (OSS 3, 7, 11, 12 , e 15). Nella sua prima sessione, la 5° UN Environment Assembly (UNEA-5) ha invitato gli Stati Membri ad agire in tutti i settori per ridurre tutte le forme di inquinamento atmosferico.

Lo studio dimostra che “anche i più ammirevoli obiettivi nazionali di qualità dell’aria devono essere sostenuti con solidi quadri istituzionali, capacità di attuazione e leggi ben coordinate, se vogliono essere efficaci“, afferma la professoressa Eloise Scotford, co-autrice del rapporto.

Il rapporto invita più paesi ad adottare solide leggi sulla qualità dell’aria, che includono la definizione di standard ambiziosi per l’inquinamento dell’aria sia interna che ambientale, il miglioramento dei meccanismi legali per il monitoraggio della qualità dell’aria, l’aumento della trasparenza, il miglioramento significativo dei sistemi di applicazione e il miglioramento delle politiche e del coordinamento normativo per l’inquinamento atmosferico nazionale e transfrontaliero.

A seguito di questa valutazione, l’UNEP sta già sviluppando una guida pratica nell’ambito del Programma di diritto ambientale di Montevideo per espandere la propria assistenza ai Paesi nell’affrontare la crisi dell’inquinamento atmosferico. È inoltre previsto il supporto tecnico diretto ai paesi, che prevede lo sviluppo e l’attuazione di quadri legali specifici, con lo sviluppo di capacità complementari per le parti interessate, inclusi giudici, pubblici ministeri e altri funzionari.

Questo articolo è offerto da Centro Studi Galileo, il più autorevole Centro Formativo in Europa, considerato uno dei primi nel mondo, per l’attività di formazione (Corsi) e informazione (Convegno Europeo) nei settori della refrigerazione e del condizionamento.
Fondato nel 1975 ha formato circa 60mila Tecnici e da sempre collabora con realtà internazionali, sviluppando partnership di altissimo livello con le Nazioni Unite, l’Istituto Internazionale del Freddo e la Commissione Europea. Le Nazioni Unite hanno scelto Centro Studi Galileo per la formazione dei Tecnici nei paesi in via di sviluppo.
È Editore di Industria&Formazione, la prima rivista italiana del settore.
Dal Centro Studi Galileo, recependo le direttive europee e nazionali, nascono il Patentino Europeo Frigoristi e il Patentino Italiano Frigoristi, Certificazioni che hanno permesso ai Tecnici italiani del Freddo di battere la concorrenza a basso costo e dare piena dignità ad una Professione che meritava da tempo di essere riconosciuta offrendo una Patente ai Tecnici che operano con capacità tecniche, senza rischi e a impatto zero. Per info scrivere a corsi@centrogalileo.it 

Rispondi