USA, ACCA preme per un phase-down condiviso dei refrigeranti ad alto GWP

accalogo2bDa Coolingpost.com
L’Air Conditioning Contractors of America (ACCA) ha lanciato un appello per un’approccio unificato al phase down degli HFC, al fine di garantire l’introduzione sicura degli A2L sul mercato statunitense.

Le richieste sono state presentate direttamente al Senato degli Stati Uniti, nello specifico al Comitato per l’Ambiente e i Lavori Pubblici, in riferimento all’S2756, American Innovation and Manufacturing (AIM) Act, del 2019, firmato da ambo gli schieramenti politici e volto ad autorizzare un phase-down quindicennale per garantire all’industria tempi certi su cui lavorare per garantire la transizione verso i nuovi refrigeranti.

La principale richiesta di ACCA è l’obbligo di unificare i programmi e le leggi che regolamenteranno il phase down, onde evitare dispersione degli sforzi: in seguito agli sforzi della California, fortemente interessata a implementare una sua tabella di marcia privata, ACCA insiste sulla necessità di garantire sicurezze condivise al settore, decisione che spetterebbe al Congresso.

Il consiglio di amministrazione di ACCA approva all’unanimità la modifica dell’AIM per includere una logica di prelazione. Avendo fatto parte della Industry’s Safe Refrigerant Transition Task Force sin dalla sua fondazione, più di un anno fa, è chiaro che gli appaltatori hanno bisogno di certezza e non vogliono che gli Stati giochino politicamente con le leggi sui refrigeranti per vedere quale chi può eliminare gradualmente gli HFC e rafforzare la propria credibilità sul cambiamento climatico“, ha affermato la presidente dell’ACCA. Lanny Huffman,

Huffman, anche presidente della Hickory Sheet Metal Co, azienda meccanica di Hickory, North Carolina, ha poi aggiunto: “Come azienda che opera da più di 90 anni, abbiamo assistito bel po’ di cambi di refrigerante. Tuttavia, la fase successiva, che porterà all’introduzione di refrigeranti leggermente infiammabili A2L, è una fase completamente diversa che solleva preoccupazioni significative nel settore degli appaltatori e dei nostri clienti. Dobbiamo farlo bene già la prima volta, e dobbiamo avere un approccio unificato negli Stati Uniti per garantire che l’introduzione dei refrigeranti A2L sia fatta in modo sicuro.

ACCA chiede inoltre al Congresso e all’EP di limitare la vendita di refrigeranti e sistemi HVAC/R ai soli soggetti addestrati e certificati. ACCA riconosce che i consumatori e altre persone non qualificate possono facilmente acquistare prodotti senza credenziali adeguate e desidera che l’AIM Act sia aggiornato per richiedere a chiunque acquisti refrigeranti o sistemi HVAC/R di avere le proprie certificazioni EPA.

Barton James, Presidente e CEO di ACCA, ha dichiarato: “È noto che le persone non certificate e non qualificate sono facilmente in grado di acquistare refrigeranti e apparecchiature HVACR dalle case di rifornimento e dai rivenditori online. ACCA supporta l’aggiunta di una integrazione alla legge AIM che limiterebbe la vendita di refrigeranti e sistemi HVAC/R a persone certificate EPA. Troppe persone non istruite sulle problematiche ambientali e di sicurezza dei refrigeranti e dei sistemi HVAC/R possono acquistare questi prodotti e causare gravi danni all’ambiente, all’efficienza dei sistemi HVACR e probabilmente al ciclo vitale delle apparecchiature.

James ha continuato: “Qualsiasi organizzazione che sostiene di supportare la professionalità e l’eccellenza nel settore HVAC/R dovrebbe sostenere queste problematiche. Sembra che alcune organizzazioni a scopo di lucro, che forniscono certificazioni e credenziali nel settore HVAC/R non stiano parlando con gli appaltatori e potrebbero guardare a ciò che è meglio per loro finanziariamente anziché a ciò che è meglio per l’appaltatore, sicurezza compresa. Noi lottiamo per garantire che la voce dell’appaltatore sia ascoltata in tutto il nostro settore, nonché con i decisori locali, federali e statali. “

Rispondi