Esplosione di una bombola di propano alla Epta-Costan: siamo pronti all’aumento del limite di carica?

propaneLo scoppio di una bombola di R290 si è verificata presso la sede Epta di Limana (Belluno) dello scorso 14 giugno.
Fortunatamente, l’esplosione della bombola contenente 5 chili di gas refrigerante è avvenuta in mattinata quando gli operai non erano ancora presenti all’interno dello stabilimento Costan. Questo rappresenta il nucleo originario del Gruppo Epta ed è in attività dal 1946 in qualità di laboratorio artigianale per la produzione di ghiacciaie e armadi frigoriferi.
L’ipotesi è che lo scoppio sia stato dovuto ad un difetto della bombola stessa che potrebbe aver subito un cedimento meccanico. Continua a leggere

Giordania, due progetti UNIDO nel segno della riduzione degli HFC

unido-logoSta registrando buoni risultati in termini di performance il primo sistema a CO2 transcritico del settore del food retail del Medio Oriente, che è stato installato in un supermercato in Giordania.
Le prime evidenze mostrano che sta garantendo un risparmio energetico del 20-30% rispetto a un sistema a HFC e sta fornendo prestazioni soddisfacenti nelle condizioni climatiche di quest’area geografica.
L’installazione, una delle più avanzate nella refrigerazione per i supermercati, ha ricevuto il supporto del Ministero dell’Ambiente giordano. Si tratta di un progetto pilota finanziato dal Climate and Clean Air Coalition (CCAC) e implementato dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (UNIDO) nel contesto della graduale riduzione degli HFC.  Continua a leggere

Aumento del limite di carica per i refrigeranti infiammabili, a breve il voto finale: le associazioni spingono per il sì

bombolaLa proposta di aumentare il limite di carica dei refrigeranti A3 (infiammabili) negli impianti di refrigerazione commerciale è sul tavolo dei comitati nazionali membri della Commissione Elettrotecnica Internazionale (IEC).
Il processo di votazione finale per esprimersi sulla modifica allo standard internazionale IEC 60335-2-89 è stato avviato lo scorso 1° marzo. I comitati hanno a disposizione sei settimane di tempo per approvare o rigettare questa proposta.
Lo standard in questione fornisce i requisiti di sicurezza per gli apparecchi di refrigerazione commerciali e, attualmente, prevede il limite di 150 grammi di refrigeranti infiammabili, come il propano, negli impianti di refrigerazione commerciale. La proposta, giunta al voto definitivo, è di innalzarlo a 500g. Continua a leggere

Esplode un impianto a R290 (PROPANO). Gravi due Tecnici del Freddo

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

Fonte: Feuerwehr Bad Rothenfelde

 

Attimi di terrore e conseguenze gravi per due Tecnici del Freddo ustionati a causa di un’esplosione di un impianto a R290 (propano) presso un magazzino refrigerato.
Un forte boato che ha spinto i detriti dell’esplosione fino alla vicina autostrada A33, devastando letteralmente il deposito.
Sotto processo il gas refrigerante infiammabile. Ad innescare il rogo pare siano state alcune scintille scaturite da lavori di comune manutenzione che i due Tecnici, di 20 e 27 anni, stavano eseguendo.
Altri due lavoratori sono stati medicati per ferite più lievi e due degli ottanta Vigili del Fuoco impegnati nell’operazione hanno riportato leggere ustioni.
Il sito dove è avvenuta l’esplosione si trova a Dissen (distretto di Osnabrück) ed è di proprietà di una società di stoccaggio di alimenti surgelati con diverse sedi sul territorio tedesco.

Ulteriori info dalla stampa tedesca cliccando qui

 

I gas naturali e i possibili effetti collaterali. Incidenti in Asia e Stati Uniti

Bombola Gas

I gas naturali saranno una risorsa importantissima per il futuro della refrigerazione. Permetteranno di mantenere lo standard raggiunto senza conseguenze sullo stato di salute del pianeta.
Tuttavia serbano alcune problematiche che riteniamo opportuno approfondire
Parlando di Gas naturali un passaggio d’obbligo deve essere riservato al propano (R-290), idrocarburo che non causa effetti sullo strato di ozono (ODP = 0), con un PRG bassissimo ma, nota dolente, caratterizzato da un’infiammabilità significativa.
Richiede moltissima cura e deve essere manipolato solo da personale esperto e formato.
Casi di incidenza lesiva nei confronti degli utilizzatori finali sono stati riscontrati a Singapore dove la classica fuga di gas (in questo caso però idrocarburo) ha provocato il decesso di una persona e ad Honk Kong, in un ristorante, 200 persone sono state evacuate dopo l’esplosione di un climatizzatore e seguito di lavori di manutenzione.
Il fattaccio ha causato il ferimento ventuno persone , di cui quattro in gravi condizioni e la maggior parte dei feriti hanno subito ustioni e tagli derivati dall’ esplosione delle vetrine.

Continua a leggere