La IEC ribalta il voto: aumentato il limite di carica per i refrigeranti infiammabili!

votoIECDopo che ad aprile aveva votato contro, la Commissione Elettrotecnica Internazionale ha approvato l’aumento del limite di carica dei refrigeranti infiammabili negli impianti di refrigerazione commerciale.
Dalla pagina del sito della IEC relativa alla votazione in questione emerge che il voto negativo della Malesia è stato escluso dal conteggio finale poiché non è supportato da alcuna motivazione, come invece previsto dall’attuale regolamento.
In occasione della votazione finale, i voti contrari non potevano superare il 25%: sui 35 voti totali espressi dalle commissioni nazionali, nove (il 25,7%) erano stati negativi. Solamente in un momento successivo si è constatato che i rappresentanti della Malesia, che avevano votato a sfavore della proposta, non avevano incluso alcuna motivazione tecnica. Questa è la ragione per cui il suo voto è stato respinto.
L’emendamento allo standard internazionale IEC 60335-2-89, una volta ratificato, innalzerà a 500 grammi il limite di carica per i refrigeranti infiammabili A3 e a 1,2 chilogrammi per i refrigeranti A2L nelle apparecchiature di refrigerazione commerciali.
Marco Buoni, Segretario Generale dell’Associazione dei Tecnici Italiani del Freddo, ha così commentato la notizia: “In questo importante momento di cambiamento e di transizione verso nuove soluzioni, in cui non si hanno ancora le idee chiare sul gas refrigerante su cui puntare, questa decisione apre sicuramente un’importante opportunità sia per gli idrocarburi che per i refrigeranti A2L, permettendo ai costruttori di impianti di utilizzarli maggiormente, tenendo però sempre prioritaria la sicurezza e l’efficienza energetica“.


Questo articolo è offerto da Centro Studi Galileo, il più autorevole Centro Formativo in Italia, considerato uno dei primi in Europa e nel mondo, per l’attività di formazione (Corsi) e informazione (Convegno Europeo) nei settori della refrigerazione e del condizionamento.
Fondato nel 1975 ha formato circa 60mila Tecnici e da sempre collabora con realtà internazionali, sviluppando partnership di altissimo livello con le Nazioni Unite, l’Istituto Internazionale del Freddo e la Commissione Europea. Le Nazioni Unite hanno scelto Centro Studi Galileo per la formazione dei Tecnici nei paesi in via di sviluppo.
È Editore di Industria&Formazione, la prima rivista italiana del settore.
Dal Centro Studi Galileo, recependo le direttive europee e nazionali, nascono il Patentino Europeo Frigoristi e il Patentino Italiano Frigoristi, Certificazioni che hanno permesso ai Tecnici italiani del Freddo di battere la concorrenza a basso costo e dare piena dignità ad una Professione che meritava da tempo di essere riconosciuta offrendo una Patente ai Tecnici che operano con capacità tecniche, senza rischi e a impatto zero.

Rispondi