Coronavirus, e condizionamento dell’aria: nuove disposizioni dalla Conferenza delle Regioni

Conferenza Stato Regioni

Assoclima ha reso nota la decisione della Conferenza Delle Regioni e delle Province Autonome: approvate le modifiche alle “Linee guida per la riapertura delle Attività Economiche e Produttive”

La decisione, approvata all’unanimità, con il supporto degli uffici di prevenzione dei Dipartimenti di Sanità pubblica (ai sensi dell’art. 1 comma 14 del decreto-legge n. 33/2020), è andata a modificare il testo originale, che avrebbe potuto dare adito a diversi fraintendimenti. Sull’argomento condizionamento dell’aria e rischi di contagio è intervenuto nella serata del 24 Maggio anche Il Corriere della Sera, con un articolo che ha fatto chiarezza sull’attuale situazione.

CORSO IMPIANTI HVAC E COVID-19:
igienizzazione, sanificazioni, gestione e progettazione
dei componenti e delle canalizzazioni

Il Centro Studi Galileo propone, giovedì 4 Giugno, un corso in Formazione a Distanza dedicato all’igienizzazione e alla sanificazione degli impianti, per operare al meglio in uno scenario post-pandemia. Per info e iscrizioni, CLICCARE QUI.

Le modifiche riguardano soprattutto la frase:

“Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni ed escludere totalmente, per gli impianti di condizionamento, la funzione di ricircolo dell’aria”

che è stata rimpiazzata con una dicitura più chiara ed estesa:

“Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni. Per gli impianti di condizionamento, è obbligatorio, se tecnicamente possibile, escludere totalmente la funzione di ricircolo dell’aria;se ciò non fosse tecnicamente possibile, vanno rafforzate ulteriormente le misure per il ricambio d’aria naturale e in ogni caso va garantita la pulizia, ad impianto fermo, dei filtri dell’aria di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati, secondo le indicazioni tecniche di cui al documento dell’Istituto Superiore di Sanità.”

 Viene invece mantenuta una raccomandazione specifica per strutture ricettive, palestre e attività quali noleggi di veicoli e attrezzature:

“Relativamente agli impianti di riscaldamento/raffrescamento che fanno uso di pompe di calore, fancoil o termoconvettori, qualora non sia possibile garantire la corretta climatizzazione degli ambienti tenendo fermi gli impianti, pulire in base alle indicazioni fornite dal produttore, ad impianto fermo, i filtri dell’aria di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati”.

L’aggiornamento è stato inviato dalla Conferenza delle Regioni anche al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al Ministro della Salute, Roberto Speranza e al ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, al fine di procedere all’aggiornamento del DPCM dello scorso 17 Maggio e procedere alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Maggiori informazioni sono disponibili sul portale www.regioni.it.

In questo periodo di emergenza, che sappiamo potrà prolungarsi per troppo tempo, i corsi FAD (Formazione a Distanza) sono diventati il necessario nutrimento alla nostra specializzazione. Specializzazioni che abbiamo visto come il Centro Studi Galileo:

  1. Per primo portava avanti da 45 anni con le varie Università italiane;
  2. Per primo poi con i patentini europei con la sua sede britannica e i partner inglesi nelle sue 15 sedi in Italia
  3. Arrivati al XVIII convegno europeo con i maggiori enti mondiali e le Nazioni Unite, mentre il direttore CSG è inoltre presidente di AREA, che unisce tutte le associazioni Europee del freddo.
  4. Per primo con le Nazioni Unite nei corsi di ultima tecnologia nella refrigerazione in quasi tutti i continenti
  5. Ora in un corso FAD SUI VEICOLI ELETTRICI

Rispondi